Lamezia, l’Orchestra da Camera Ferruccio Busoni diretta da Massimo Belli in concerto per la stagione AMA Calabria

Lamezia Terme – Sabato 17 febbraio 2018 alle h 18,30 presso l’Auditorium della Scuola Media Pitagora avrà luogo un concerto dell’Orchestra da camera Ferruccio Busoni diretto dal M° Massimo Belli, direttore con la partecipazione in qualità di solisti dei violinisti Giada Visentin e Lucio Degani e del violoncellista Francesco Ferrarini. La manifestazione, organizzata da AMA Calabria è sostenuta dal MiBACT, dalla Regione Calabria e dal CIDIM Comitato Nazionale Italiano Musica nell’ambito del progetto Circolazione Musicale in Italia.
L’ Orchestra da camera Ferruccio Busoni, fondata nel 1965 da Aldo Belli, è formata da affermati strumentisti vincitori di importanti concorsi internazionali, che vantano una lunga esperienza concertistica nel campo solistico e cameristico e tramandano la civiltà musicale del Trio di Trieste e del Quartetto Italiano di cui sono stati allievi. Nei suoi 50 anni di carriera l’orchestra ha suonato in tutto il mondo collaborando con i principali solisti a livello mondiale. Da sempre attenta alla diffusione della musica contemporanea ha al suo attivo molte prime esecuzioni assolute di compositori quali: Nieder, Sofianopulo, Margola, Conti, Viozzi, Coral, Dott, Visnoviz, Bellini, Glass ecc., alcune delle quali dedicate alla Busoni. Vastissimo il suo repertorio e significative le sue incisioni discografiche pubblicate per importanti etichette internazionali.
Massimo Belli, formatosi alle prestigiose scuole di Renato Zanettovich, Trio di Trieste, Piero Farulli, Henryk Szeryng e Salvatore Accardo, è stato premiato in numerosi concorsi nazionali e internazionali. Vanta una ricchissima carriera internazionale come solista e in prestigiose formazioni da camera. Dopo aver studiato direzione d’orchestra con Aldo Belli e Julian Kovatchev è divenuto il direttore della Nuova orchestra da camera Ferruccio Busoni. E’ professore di violino al Conservatorio di Trieste. Lucio Degani, dopo aver studiato con Renato Zanettovich, Dario De Rosa e Piero Farulli, ha intrapreso una vivace carriera concertistica come solista e prima parte di prestigiose orchestre dirette da illustri Maestri (Bertini, Maazel, Maag, Muti, Sinopoli, Thielemann, ecc.). Ha preso parte a numerose registrazioni discografiche per Erato, RCA, RCA Victor, Emi nipponica, Rivoalto e Real Sound. Suona un violino Don Nicolaus Amati del 1734. Francesco Ferrarini, dopo aver studiato con Luca Simoncini, Mario Brunello e Franco Rossi, ha vinto prestigiosi concorsi nazionali e internazionali. Svolge la sua attività come solista con le migliori orchestre da camera italiane e straniere in tutto il mondo. Primo violoncello e solista con il Teatro Carlo Felice di Genova, il Teatro Regio di Torino e il Teatro la Fenice di Venezia è docente di violoncello presso il Conservatorio di Trapani.
Estremamente interessante il programma che prevede di Charles Auguste de Bériot le Scenes du Ballet per violino e archi con violino solista Giada Visentin, di Piotr Ilich Ciaikowski l’Andante per violoncello e archi con solista Francesco Ferrarini e l’ Elegia in memoria di Samarin per archi, di Niccolò Paganini Le streghe per violino e archi con violino solista Lucio Degani, di Antonio Bazzini la Fantasia su temi della Traviata, di Leos Janacek l’Idillio per archi.