Vibo Valentia: colpi di pistola in piazza Municipio, chiuse indagini per i due indagati

VIBO VALENTIA – Chiuse le indagini preliminari dal pubblico ministero della Procura di Vibo Valentia Benedetta Callea, nei confronti dei due giovani, indagati per concorso in tentato omicidio aggravato dai futili motivi, detenzione e porto illegale di arma da fuoco.
Entrambi, Luigi Federici, 20 anni e Loris Palmisano, 22 anni, entrambi di Vibo Valentia, il primo come “materiale esecutore”, l’altro quale “ideatore ed organizzatore”, avrebbero tentato di togliere la vita a Domenico Camillò attinto da alcuni colpi “al braccio destro – è stato scritto dalla Procura – alla gamba sinistra ed al torace” e Mirko La Grotteria raggiunto, invece, “alla gamba destra”.
All’indirizzo di entrambi sarebbero stati esplosi alcuni colpi d’arma da fuoco, nella notte del 10 luglio 2016, con una pistola calibro 7.65.
L’intervento delle forze dell’ordine e il trasporto delle tre vittime in ospedale, in quell’occasione, evitò il peggio. Il fatto avvenne in piazza Martiri d’Ungheria, nei pressi del liceo artistico. A quanto pare, alla base della sparatoria vi fu la contesa sentimentale per una ragazza. Gli indagati avranno ora venti giorni di tempo per presentare, tramite i propri legali, le memorie difensive.