Ponte sul fiume Savuto: la gara d’appalto sarà pubblicata ad aprile, incontro in Provincia con il presidente Enzo Bruno

CATANZARO – Entro il mese di aprile sarà pubblicato il bando di gara per la ricostruzione del ponte sul fiume Savuto. Il progetto esecutivo dell’opera attesa da dodici anni sarà consegnato venerdì 9 gennaio al responsabile unico del procedimento, l’ingegnere
Floriano Siniscalco, dopo le verifiche tecniche e le procedure previste a norma di legge, il bando di gara sarà pubblicato.
E’ quanto assicurato dal presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, nel corso di una riunione tecnica convocata questa mattina
proprio per fare il punto sullo stato dell’arte dopo l’incontro con i sindaci e le associazioni del comprensorio, alla presenza del vice presidente Marziale Battaglia, dell’ingegnere Eugenio Costanzo che si
occupa di coordinare i lavori nel comparto di riferimento, e del dirigente di Coldiretti, Giuseppe Ruberto che, in continuo contatto con il presidente Bruno e il vice presidente Marziale, continua a dare voce
ai disagi dei cittadini e degli operatori della zona, penalizzati dal quasi decennale crollo dell’importante arteria.
L’importante infrastruttura è stata prima danneggiata dall’alluvione del 2006 e quindi trascinata a valle dall’impeto della piena nel 2008. C’è da ricordare che la Regione Calabria – ente competente alla messa in  sicurezza del fiume – per la ricostruzione del ponte aveva messo a disposizione ingenti risorse, assottigliate nel corso degli anni dai 6 milioni a disposizione nel 2011 fino agli attuali 2 milioni e mezzo attuali. La Provincia di Catanzaro ha stanziato in bilancio ulteriori cinquecento mila euro, che si aggiungono ai 500 mila euro individuati
nei fondi gestiti dalla Protezione civile. Si arriva, quindi, alla
pubblicazione del bando dopo i necessari adempimenti
tecnico-amministrativi relativi ad adeguamenti tecnici e strutturali.
“Ho voluto rassicurare il territorio rappresentato dal dirigente di Coldiretti sull’impegno della Provincia nel rispettare il crono  programma dettato nei mesi scorsi – ha affermato il presidente Bruno -.
Non ci sono problemi: abbiamo definito gli adempimenti di legge necessari, e proseguiamo senza perdere di vista l’obiettivo di dare risposte concrete ai cittadini che aspettano la ricostruzione del ponte sul Savuto da troppo tempo”. Un ringraziamento per l’interessamento  costante arriva dal dirigente di Coldiretti, Giuseppe Ruberto: “Non ci
possiamo più permettere ulteriori ritardi, stiamo subendo enormi disagi e perdite economiche, l’agricoltura e le aziende sono in ginocchio.
Confidiamo nella celerità della Provincia”.