Settembre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

100 anni di Cervantes: dietro le quinte del grande teatro argentino

Laboratorio di moda al Teatro Cervantes

Tecnici e professionisti del Teatro Nazionale di Cervantes (TNC) hanno evidenziato, nell’ambito del centenario, il ruolo formativo che ha avuto sin dal suo inizio in quanto unico teatro di produzione nazionale, nei cui laboratori tutto ciò che appare nel teatro dell’assemblea è stata progettata e realizzata ogni opera.

Patricio SarmientoTellam, che ha lavorato nel teatro per più di 30 anni, attualmente come direttore artistico e per due decenni come capo del laboratorio di scenografia, ha osservato che il Teatro Cervantes “è l’unico teatro di produzione nazionale del paese; pochissime province o comuni” .

Sebbene all’apertura, il 5 settembre 1921, avesse una capacità costruttiva inferiore, con il passare degli anni TNC subì numerose modifiche ed ampliamenti che portarono alla creazione di sempre più officine.

Cervantes impiega tra 160 e 190 tecnici teatrali che lavorano in diversi laboratori
Cervantes impiega tra 160 e 190 tecnici teatrali che lavorano in diversi laboratori

Attualmente Cervantes impiega tra i 160 ei 190 tecnici teatrali che lavorano in diversi laboratori, suddivisi in due grandi branche chiamate elettrotecnica e scenografia.

Il primo è costituito da laboratori di luci, suoni, audiovisivi, movimento teatrale e laboratorio, mentre il secondo è costituito da scenografie, oggetti di scena, costumi, trucco e macchinari.

Nelle aree del palco inaccessibili all’occhio dello spettatore, strutture alte nove piani sostengono lunghe pensiline e scenografie che la squadra strumentale esegue man mano che ogni azione procede.

Il teatro produce luci, suoni, supporti audiovisivi, movimento del palcoscenico e del laboratorio, scenografia, oggetti di scena, costumi, trucco e macchinari.
Il teatro produce luci, suoni, supporti audiovisivi, movimento scenico e di laboratorio, scenografia, oggetti di scena, costumi, trucco e macchinari.

Tutto questo veniva assemblato in precedenza dai responsabili della scenografia, che decoravano le strutture che assemblavano la zona macchine, per poi, a sipario aperto, trasportare centinaia di spettatori in luoghi e tempi abbastanza remoti.

READ  Il festival di musica subacquea in Florida si sforza di creare consapevolezza ambientale

Nel Laboratorio di Scenografia, uno dei più grandi laboratori interni e teatri del paese in generale, i pittori e gli scultori che lavorano nella sala usano enormi barattoli di vernice e pennelli di mango abbastanza grandi da dipingere senza stare in piedi.

“Il teatro ha un ruolo molto importante nella conservazione e conservazione della professione; e che uno scultore o un pittore teatrale, può essere esagerato dire che sta morendo, ha osservato Sarmiento, è vero che a causa dei cambiamenti nel tempo il commercio è perduto”.

Ha sottolineato a questo proposito che “la pittura, i vestiti, o qualunque cosa sia per il teatro è diversa dalle altre cose”. Ha sottolineato che per questo compito “bisogna avere l’occhio e la conoscenza”.

Oltre alle conoscenze specifiche dei tecnici teatrali, le officine devono avere anche condizioni costruttive tali che, ad esempio, sia possibile un rivestimento a tenda.

Per questo è necessario disporre di un’area ampia e, fondamentalmente, deve essere assicurata la possibilità di ricreare la prospettiva dello spettatore con un balcone che permetta di osservare il sipario da tutti i punti di vista.

In questo senso il direttore artistico ha evidenziato il ruolo formativo del teatro, considerando che nelle università, per questioni di infrastrutture e budget, non si può avere un laboratorio attrezzato per dipingere i sipari, quindi è lì, in un luogo come Cervantes, “dove i professionisti del teatro terminano la formazione”.

Ha anche affermato che ciò che sta accadendo nel Teatro Cervantes essendo una produzione è che la professione ha finito di lucidare “il lavoro collettivo tra le diverse regioni che porta all’organizzazione del lavoro finale”.

Come il laboratorio di scenografia, dove materiali dalle più svariate trame, come grossi blocchi di gommapiuma, cartone e legno, sono in balia della creatività di decine di tecnici, il laboratorio di moda trova le sue maestranze tra gli scarti di tessuto.

READ  Ryan Reynolds si innamora di Molotov Girl (Jodie Comer) in questa clip di anteprima

“Tutti i vestiti che usiamo li produciamo qui”, ha spiegato. Nelson Segovia, il fashion director, che ha aggiunto: “Oggi siamo registi perché non ci occupiamo solo di modellare, tagliare e assemblare. Ci sono persone che ricamano o realizzano copricapi, per esempio. Facciamo tutto il lavoro integrato”.

In mezzo agli abiti storici, che saranno esposti in occasione del centenario del palcoscenico, Segovia ha spiegato: “Gli abiti che sono stati conservati dal 1971, quando lo spettacolo ‘La dama boba’ (regia di Lope de Vega) fu realizzati, stiamo aggiungendo le attuali repliche di quei vestiti Vecchi”.

Appesi alle pareti del laboratorio, disegni originali di quei tempi “ispirano il lavoro attuale” degli undici stilisti di Cervantes.

“Gli abiti vengono generalmente riciclati e riutilizzati. Ma alcuni, molto speciali, sono stati recuperati da allora. Il responsabile del guardaroba ha detto con palpabile orgoglio. “

LABORATORIO DI MODA - TEATRO CERVANTES - CABA - 3 settembre 2021 - Victoria Gesualdi / TELAM foto
LABORATORIO DI MODA – TEATRO CERVANTES – CABA – 3 settembre 2021 – Victoria Gesualdi / TELAM foto

Per ogni opera viene presentata una serie di disegni di tutti i costumi che verranno utilizzati nella presentazione alla squadra; Ha aggiunto che il lavoro richiederà quindi circa tre mesi “a seconda di quante modifiche sono state apportate ai costumi”.

Alcuni dei laboratori, come quelli guidati da Segovia, hanno una doppia missione: prima la realizzazione del materiale e poi la cosiddetta attenzione alla scena, cioè essere presenti mentre i lavori sono in corso.

Da tutto questo lavoro di squadra, essenzialmente umano, che avviene prima e durante lo spettacolo, emerge finalmente “la magia che accade una volta che si apre il sipario”.

Fonte: Tellam. Foto: Victoria Jeswalde

READ  Roberto Benigni ha tenuto un discorso toccante dopo aver ricevuto il Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia 2021 | celebrità | nndc | Luci

Continuare a leggere