Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“100 sedie e 3 corridoi urbani” chiede l’uso civico dello spazio

Sergio Jiménez Foronda

L’opera architettonica transitoria “100 Chairs and Three Urban Rooms”, installata nel centro di Logroño nell’ambito del Festival Internazionale Concentrico di Architettura e Design, si configura come uno spazio verde che “aumenta il sostegno alla biodiversità”, fornisce arredi per un ” maggiore identità” e propone di considerare il necessario incremento della fruizione civica degli spazi della città.

Così lo spiega a Effie il suo ideatore, l’architetto spagnolo Isacon Chinchilla, seduto in una delle tre stanze che attraversano la via centrale di Avenida de la Paz per offrire ai passanti un posto dove sedersi, sdraiarsi o semplicemente fermarsi. Pensare agli animali e alle piante che attiri.

Chinchilla (Madrid, 1975) è uno dei partecipanti, provenienti da 18 paesi, a questa nuova edizione di Concentrico, che racchiude 23 effimere opere architettoniche sparse per le strade della capitale Riojan.

Il creatore afferma che “100 Chairs and Three Urban Lounges” è “un invito rivolto ai cittadini a trarre vantaggio da questi cambiamenti nella mobilità urbana, incoraggiati dalla Convenzione di Parigi per aumentare l’uso civile dello spazio”, attraverso bellissime strutture in legno donato dal legname produttore Garnica compensato.

L’idea è che “i padiglioni urbani sono strutture leggere e facilmente trasportabili in modo che, in futuro, possano occupare spazi attualmente riservati ai veicoli e si trovino in una zona a basse emissioni di Logroño, una situazione che potrebbe essere vantaggiosa per molti città”, dice l’artista.

Data la sua esperienza in queste realizzazioni tecniche, “molte città stanno implementando le loro zone a basse emissioni, in conformità con l’Accordo di Parigi”, con l’idea di “ridurre la presenza dell’auto nelle città e fornire spazi per la comodità dei cittadini” .

READ  Trucco WhatsApp per scoprire chi è online senza dover aprire l'app

Oltre alle strutture che consentono ai passanti di sedersi e sdraiarsi, ci sono altre strutture, al posto delle persone, che invitano gli animali, in particolare uccelli e farfalle, a riposare in questo spazio, in cui sono state collocate varie piante e mangiatoie con semi di uccelli.

Una di queste tre stanze, ispirata alle farfalle, contiene “la specie floreale, che per loro è la più attraente, insieme ad un elemento pensile, un vivaio che le può sostenere poiché sono uova fino a che non prendono la forma alata.”; Un altro designer per gli uccelli. E il terzo, è stato allevato per “aumentare la diversità vegetale”.

La “seconda parte” di questo lavoro architettonico sono le 100 sedie pieghevoli citate nel titolo, che “si tratta di integrare, se non sostituire, le sedute”.

“Cerchiamo che, al posto dei pezzi fissi in città, i cittadini possano spostare le sedie in qualsiasi luogo e abbinarle a loro discrezione, scegliendo se vogliono sedersi alla porta del mercato, o in biblioteca, se vogliono riunirsi in un cerchio o se la coppia è alla ricerca di intimità”, come dice il creatore.

Spiega che queste sedie “sono state progettate con un’applicazione partecipativa, aperta dallo scorso gennaio, e hanno risposto 588 persone, di cui 100 selezionate”.

In questa applicazione, i partecipanti “hanno potuto scegliere tra gli edifici e il patrimonio materiale della città a cui rendere omaggio, come la Fontana del Pellegrino e il Ponte di Ferro, comprese le piccole decorazioni ornamentali di questi monumenti per invitare i cittadini a saperne di più su questo eredità…”.

Questa creazione cerca anche di rendere omaggio al patrimonio immateriale con l’immagine sulle sedie di “figure di Logroño che furono importanti nella promozione della cultura locale”, e quindi, ad esempio, puoi trovare un’illustrazione della scrittrice riojan Maria de la Orle Garaga.

READ  Ecco come appare dallo spazio lo straordinario vulcano Tonuba in Bolivia

“Abbiamo cercato di rendere mobili tutti gli elementi con l’idea di rimanere, in parte, a La Rioja o anche di viaggiare attraverso diverse città, dove molti paesi hanno effettivamente firmato l’accordo di Parigi”, ha spiegato.