Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

11 settembre nella storia

Santiago del Cile, 11 settembre. Il mondo evoca questa domenica due eventi accaduti nelle Americhe e di grande impatto mondiale: il colpo di stato contro il governo di Salvador Allende in Cile, e l’attacco al Pentagono e alle Torri Gemelle del World Trade Center, negli Stati Uniti .

Attraverso opere e pellegrinaggi in luoghi storici, i cileni oggi ricordano il 49° anniversario dell’evento che diede il via a 17 anni di dittatura.

Alle 10:00 ora locale, inizierà un tradizionale pellegrinaggio dalla Plaza de los Héroes al Cimitero Generale per fare offerte floreali e rendere omaggio alle vittime del regime di Augusto Pinochet (1973-1990).

Secondo le Commissioni per la verità, in quel periodo sono stati registrati nel Paese più di 40.000 casi di crimini contro l’umanità, inclusi omicidi, torture, detenzioni e sparizioni.

In occasione dell’11 settembre, anche in mattinata, ci saranno lavori nel Palazzo La Moneda presieduto dal presidente Gabriel Borek, con la partecipazione di membri del suo governo.

Nel frattempo, il Museo della Memoria e dei Diritti Umani dedicherà uno spazio alla memoria delle donne vittime della dittatura e di coloro che hanno resistito a quel periodo.

L’anniversario viene commemorato quest’anno in un momento complesso, poiché il 4 settembre è stata bocciata con un referendum una bozza di costituzione che intendeva sostituire la Magna Carta imposta dal regime di Pinochet.

Dopo l’esito del referendum, il presidente cileno ha espresso il suo impegno a costruire un nuovo processo costituzionale con il Congresso e la società civile.

Ma non c’è ancora un itinerario, e mentre alla sinistra si propone di rieleggere un’altra Convenzione per scrivere una nuova proposta, ci sono settori della destra che chiedono che lo faccia il Parlamento o un gruppo di esperti.

READ  La Cina considera irrispettoso il piano degli Stati Uniti per l'America Latina e i Caraibi

Il nuovo capo degli interni del Cile, Carolina Tuha, spera di avere una nuova costituzione entro il 2023, in vista del cinquantesimo anniversario del colpo di stato.

“Sarebbe la cosa più salutare per i cileni”, ha detto il ministro.

Vittime dell’11 settembre in memoria degli Stati Uniti

Inoltre, 21 anni dopo che quattro aerei si sono schiantati in vari punti e hanno ucciso quasi tremila persone, le vittime dell’11 settembre sono ancora ricordate negli Stati Uniti.

Segnando questa data, il presidente Joe Biden ha dichiarato i giorni che iniziano il 9 settembre come Giornate nazionali di preghiera e ricordo e ha invitato gli americani a onorare le persone colpite dall’attacco terroristico e i loro cari con i migliori auguri, servizi, visite e veglie. Altre attività.

Come annunciato dalla Casa Bianca, il Presidente renderà omaggio alle vittime della tragedia avvenuta dopo che due aerei hanno colpito le Torri Gemelle del World Trade Center di New York; Uno al Pentagono vicino a Washington e un altro vicino a Shanksville, in Pennsylvania.

In ogni anniversario, le famiglie delle vittime si riuniscono per festeggiare nella Piazza della Memoria dell’11 settembre e recitano ad alta voce i nomi di 2.983 uomini, donne e bambini morti negli attacchi del 2001 e del 26 settembre. Febbraio 1993 contro il World Trade Center.

Allo stesso modo, molti edifici di New York illuminano i loro tetti o facciate di un colore azzurro cielo in memoria di coloro che sono morti.

Dopo quello che è considerato l’attacco più mortale nella storia nazionale, il Congresso e la Casa Bianca hanno risposto con un’espansione senza precedenti dei poteri militari, di polizia e di intelligence volti a eliminare e fermare i terroristi in patria e all’estero.

READ  La metà dei brasiliani pensa che Bolsonaro potrebbe organizzare un colpo di stato, secondo un sondaggio

Le forze americane sono state dispiegate in Afghanistan, perché i talebani avrebbero fornito rifugio al gruppo terroristico Al-Qaeda, responsabile degli attacchi.

Secondo gli analisti, durante i due decenni di guerra, le forze di Washington ei loro alleati della NATO non sono riusciti a sconfiggere i talebani né a stabilire la democrazia a loro piacimento, ma hanno alimentato la diffusione di gruppi islamisti radicali.

Nell’agosto 2021, Biden ha completato il ritiro delle truppe dall’Afghanistan e ha posto fine alla guerra più lunga negli Stati Uniti, ma, contrariamente a quanto il presidente si aspettava, è stato un fallimento che si è riflesso nella sua popolarità in calo nei sondaggi ed è stato considerato un girarsi. punto nella sua presidenza. (PL) (Foto: prese da Internet)






Commenti




L’indirizzo email non verrà pubblicato *