Gennaio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

20 anni dopo l’arrivo dell’euro, la moneta che ha facilitato i viaggi

1 gennaio 2002. Euro Arriva nelle tasche del cittadino dopo un processo di transizione Questo l’ha resa una moneta ufficiale e di uso quotidiano in diversi mercati dall’inizio del 1999. La moneta unica europea – che era meno di ostacolo ai viaggi – festeggia così due decenni come moneta di uso corrente, sebbene tre anni prima della prima banconote e monete della valuta europea sono state distribuite tra la popolazione, è già stata utilizzata in transazioni finanziarie ed è stata quotata sul mercato. L’euro è la prova più visibile dell’integrazione europea: circa 341 milioni di persone lo usano ogni giorno, diventando così la seconda valuta più utilizzata al mondo. La Commissione europea ricorda che “l’euro ha abolito il cambio valuta, facilitando e riducendo il costo dei viaggi nei 19 Paesi dell’eurozona”.

Con l’arrivo dell’euro, Eliminare la necessità di effettuare cambi da una valuta all’altra quando le banconote e le monete nazionali scompaiono. In questo modo sono stati semplificati i viaggi per il turista europeo, caratteristica che ha acquisito particolare valore per la Spagna, tradizionale accoglienza dei turisti, dato che l’Europa è la sua principale fonte e due delle sue principali destinazioni, Francia e Germania, appartengono all’area dell’euro.

L’euro è una moneta comune da due decenni.

Tuttavia, va ricordato che il Regno Unito, ora fuori dall’Unione Europea attraverso la Brexit, ma non ha mai aderito al club della moneta unica, È sempre stato il principale fattore scatenante fino all’arrivo del COVID.

luci e ombre

Nonostante la moneta unica abbia portato stabilità in questi due decenni Aveva anche le ombre, come i notevoli aumenti di prezzo che ha portato con sé quando è entrata in negoziazione o la sua incapacità di mitigare la crisi finanziaria che l’ha portata sotto controllo.

READ  Lagarde chiede di tenere conto della nuova situazione quando si discute di regole finanziarie | mercati

In quei primi anni del suo prezzo quando non era una valuta comune, il suo valore di mercato è crollato e segnato da quello che ora è il suo minimo storico, $ 0,8230 per unità nell’ottobre 2000, In uno scoppio completo della prima bolla del decennio, la bolla delle “dotcom”.

Quando è entrato in negoziazione, appena quattro mesi dopo gli attacchi dell’11 settembre, ha recuperato e si è avvicinato alla parità ($ 0,9033), un livello dal quale è salito negli anni successivi per raggiungere il massimo storico il 15 luglio 2009, 2008 ($ 1 ,6038). Due mesi prima del fallimento di Lehman Brothers,

Nel maggio 2003, ha superato per la prima volta il prezzo al quale è apparso per la prima volta sul mercato, $ 1,1667, e ha continuato a salire fino al 2005.

Quell’anno perse il 12,5% del suo valore nei confronti del dollaro, a causa del differenziale dei tassi di interesse tra l’Eurozona e gli Stati Uniti, che è più elevato in quest’ultimo, nonostante l’inversione di tendenza dopo il rialzo dei tassi adottato dalla Banca Centrale Europea. Banca a dicembre. Il primo in cinque anni.

Prime operazioni di soccorso

Nel novembre 2011, Mario Draghi ha assunto le redini della Banca Centrale Europea. A quel tempo, tre paesi dell’euro erano già stati salvati, vale a dire Grecia, Irlanda e Portogallo, e il sistema finanziario europeo stava attraversando enormi difficoltà che hanno portato al salvataggio della Spagna (nel 2012) e costretto la Banca centrale europea a prendere misure per far fluire denaro dalle banche alle imprese e alle case.

Quasi quattro anni tra i massimi pre-crisi e il clamoroso messaggio di Draghi sul suo impegno per il futuro dell’euro sono contrassegnati da una significativa volatilità del prezzo dell’euro, che si è spostato tra 1,5 e 1 dollaro.

Nel 2014 la ripresa economica in Europa è in ritardo rispetto agli Stati Uniti, dove si parla già di un rialzo dei tassi (la Fed lo farà a dicembre 2015, il primo rialzo in sette anni), che ha fatto scendere l’euro del 10,6% quell’anno .

READ  Perché Bill Gates ha investito in Mangrove Lithium, un'azienda senza clienti e senza profitto?

Al contrario, la Banca Centrale Europea lo ha nuovamente abbassato nel settembre 2014 e nella primavera del 2015 ha iniziato ad adottare misure di stimolo, in un momento in cui il prezzo dell’euro era già sceso al di sotto di 1,1 dollari, il più basso dal 2003 e il livello raggiunto tornerà nella prima metà del 2020, nel bel mezzo della pandemia di COVID-19.

Tuttavia, perderebbe ancora un po’ di più rispetto al dollaro nel 2016, quando la Banca centrale europea ha lasciato i tassi di interesse allo 0%, dove rimangono attualmente. Il 20 dicembre la valuta europea ha chiuso a 1,0388 dollari, il minimo di quest’anno, salendo nei mesi successivi fino a toccare 1,25 dollari all’inizio del 2018.

L’inizio della pandemia

L’anno scorso la Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse quattro volte, Ciò ha influito sul valore della valuta europea nei confronti degli Stati Uniti, trend che è proseguito fino al forte calo di interesse negli Stati Uniti all’inizio della pandemia, quando sono rimasti praticamente allo stesso livello nelle due maggiori regioni economiche.

A metà 2021 la moneta europea ha perso 1,2 dollari, Il livello a cui si chiude l’anno, poiché il mercato scommette su un maggiore interesse negli Stati Uniti in vista dell’eurozona alla luce degli alti livelli di inflazione, una mossa che gli investitori hanno già dato per scontata dopo i recenti incontri della Federal Reserve e della Banca centrale europea. .