Settembre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

648 migranti soccorsi nello stato messicano di Nueva Leon | Notizia

Le autorità messicane per l’immigrazione hanno dichiarato mercoledì di aver salvato un totale di 648 migranti nello stato di Nuevo Leon la scorsa settimana.

Leggi anche:

Il Messico propone agli Stati Uniti un piano per affrontare la crisi dell’immigrazione

Secondo l’Istituto nazionale per le migrazioni (INM), il 4 e il 7 settembre sono state salvate persone provenienti da Honduras, Guatemala, El Salvador, Nicaragua, Haiti, Cuba ed Ecuador.

Gli agenti dell’immigrazione hanno scoperto che 414 degli immigrati costituivano 155 famiglie, mentre 67 minori e 167 adulti viaggiavano da soli.

In una dichiarazione, l’Istituto nazionale per le migrazioni ha osservato che agenti dell’agenzia, investigatori statali e polizia di stato hanno trovato più di 600 immigrati stipati nelle case e sugli autobus situati in varie parti dello stato.

Secondo l’Istituto nazionale per le migrazioni, molti immigrati sono stati trovati tramite avvisi anonimi o tramite un’app di messaggistica istantanea mobile che segnalava situazioni irregolari.

Varie organizzazioni che difendono i migranti, comprese le agenzie delle Nazioni Unite, hanno denunciato che nella disintegrazione delle carovane di migranti la scorsa settimana in Chiapas, c’è stato un uso eccessivo della forza.

A partire da ottobre 2018, nonostante i controlli più severi al confine meridionale del Messico, migliaia di migranti provenienti dall’America centrale, da Cuba e da Haiti sono entrati in territorio messicano con l’obiettivo di raggiungere gli Stati Uniti.

I trafficanti di esseri umani cercano rotte per i migranti principalmente attraverso stati meridionali e sudorientali come Chiapas, Tabasco, Veracruz e Oaxaca.

Oltre a quelle del nord, come Baja California, Sonora, Chihuahua, Coahuila, Nuevo Leon e Tamaulipas, al confine con gli Stati Uniti, sono le ultime tappe del loro viaggio verso gli Stati Uniti.

READ  Nuove testimonianze in Brasile nel caso dell'interferenza di Bolsonaro - Prensa Latina