Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

7 poesie di Juan Carlos Astudillo Sarmiento

7 poesie di Juan Carlos Astudillo Sarmiento

Juan Carlos Astudillo Sarmiento Scrittore, fotografo, giornalista e accademico nato a Cuenca, Ecuador, nel 1979. Nel corso della sua carriera ha pubblicato diversi libri di poesia, come metodi speculari (1999), per il quale ha ricevuto una menzione d’onore, il Premio Jorge Carrera Andrade; di profonda volontà (2003), spiralia (2013) e directory inversa (2022). D’altra parte, i suoi lavori fotografici sono inclusi nei libri Meditazioni e Armonie, Parco Nazionale di Cajas (2014) e Vasca passo dopo passo (2016). È stato anche incluso in antologie di poesie ecuadoriane prodotte in Venezuela, Messico, El Salvador e Spagna, mentre le sue fotografie sono apparse su riviste specializzate in Argentina, Costa Rica, Stati Uniti e Spagna. Il suo lavoro di giornalista e ricercatore lo ha portato all’editoria La voce di Quingeo E La voce di Chopsey (2010), Educazione sostenibile a Yasuni (2012) e I voti che contano (2020). Inoltre, è il project manager Saluti alla spugna Creatività letteraria e visiva (10 numeri in circa 20 anni). nei suoi libri Tempo simile (2020) e Vertigine del nido (2020) esplora il potenziale espressivo della fotografia e della poesia creando un dialogo che contrappone il lirico al visivo.

***

1

Per essere un primo sottrarre e ricominciare da capo…

Amare ciò che è necessario, il vuoto di ciò che resta.

(Troppo peso sulla schiena impedisce di prendere ciò che ovunque ha da offrire)

Viaggia tranquillo, per perdere la paura di tornare…

Per cantare a turno, va rispettato il silenzio che ci compone.

***

Sadhana

Una voce mi raggiunge e copre la stanza…

Riconosco un colore husky
come chi
avvicinarsi al luogo specificato; Senza dire
o aspetta.

Per inondare la lampada devi farla saltare in aria
Blue Void, le sue e le versioni attuali.

READ  Sabina e Vito Baez, da "nemici intimi" ad amici vincitori di Latin Grammy

Per questo insisto e rispetto la parola detta prima dell’alba…

***

Liberale…

Prendo una partita sotto forma di una patch
E un pezzo di carta:

Piove sempre in montagna!

Prendo il segreto in una penna, scura,
Di strano e codardo peso.

Tutti i miei uccelli volano all’indietro!

Prendo il suono legato, mi stacco,
Ciao e scudo sotto il braccio.

***

A Book of Essays di Sardoui, A Little Anthology di Goytisolo, A Complete Guide to an Aquarium Storm, A Brush Thrown by a Sancho Prisoner at the Sale, A Huge and Strange Double Album di Meredith Monk, A Fancy di Michael, e Loose and Abito malinconico accanto al riflesso della polvere, il suo involucro e la paglia, si riversano sul marito dal vetro sotto la furia gelida della lampada di ferro e cristallo. Un telefono addormentato, un’e-mail fallita, una serie di altri libri, riviste, pantofole, commenti, idee, diluizioni e uno spazio per crescere così grande per tutti che trovo sia pieno di spazio vuoto lasciato dalla luce della tua candela di compleanno, di una lucciola errante, che brilla nella foschia ed è ancora intrappolata nei boschi.

L’alluminio dovrebbe essere il tuo colore, il che significa che ogni riflesso ti convince.

Hai visto ora come non sai nulla della mia identità e non capisci nulla di ciò che dico?

***

La distanza percorsa dal tempo

l’eco sfugge

L’angolo è ad un angolo simile

Una riflessione in cui ci sentiamo soli

Sorpresa e protezione

un divano

mano attenta

Grigio quando cammina

Gelsomino

***

Non è che il mondo ti sorprende?
ogni giorno
appeso alla tua finestra
E che ridi e accompagni la distanza chiedendoti,
Separare,
Che dire di me?

READ  Elfi latini e principesse africane rivoluzionano la serie "Il Signore degli Anelli".

Che la tua voce batte
e martello
Silenzio nello spazio che balla come lo chiami tu,
Ora,
Secchezza e volontà?

Cosa trovi nell’infanzia?
Acquerello quando rido
E ti imbatti in un’eco
Mentre guardi le montagne, dove potrebbero essere?

Per essere abbracciato, annegato e mescolato con i profumi che portano l’alba?

***

Hai visto che ti ho trovato in fondo a un ampio campo di grano verde oblungo; In piedi sul muro di legno che sostiene il portico quasi a livello del terreno, anch’esso di legno, dove si respira il boschetto, il fiume e la montagna, le ginocchia reclinate, sorridendo ad ogni passo del sogno irsuto che si avvicina mentre, in lontananza, io nota e cattura il cuore rigonfio del tuo nome bagna la terra aiuta a diffondere la verità?

0/5

(0 valutazioni. Valuta questo articolo)