sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

A Faye Dunaway è stato diagnosticato un disturbo bipolare

Faye Dunaway ha fatto un ritorno trionfante a Cannes per la première del suo documentario in cui ha rivelato la sua diagnosi di disturbo bipolare (Reuters/Sarah Messonnier)

Faye Dunaway Ha fatto la sua prima apparizione pubblica in quattro anni al Festival di Cannes come parte del cast del film “Furiosa”, oltre ad essere presente alla première mondiale del suo documentario “Faye”, dove la leggendaria attrice ha rivelato la sua diagnosi di diabete. Disordine a doppio senso.

Nella produzione, l’83enne afferma di aver lavorato con un gruppo di medici che hanno analizzato il suo comportamento e le hanno prescritto farmaci che pensavano potessero aiutarla. “Mi ha aiutato”, afferma Dunaway nel film. ““Sono più tranquillo, ma durante la mia carriera la gente sa che ci sono stati momenti difficili”.

Nel corso di oltre sessant’anni di attività, Faye si è guadagnata la reputazione di essere una persona difficile con cui lavorare. Così lo ha spiegato l’attrice Bette Davische in un’intervista del 1977 lanciò contro Faye una forte critica rimasta profondamente scolpita nella memoria collettiva.

“Faye Dunaway è assolutamente impossibile”, ha detto l’attrice Bette Davis in un’intervista storica del 1977.

“Potresti mettere chiunque su questa sedia e te lo direbbero Faye Dunaway è assolutamente impossibile”.Davis ha dichiarato che il conduttore Johnny Carson era la persona più difficile con cui lavorare a Hollywood.

Anche Estelle Parsons, l’attrice che ha condiviso la telecamera con Dunaway in “Bonnie & Clyde”, ha parlato della sua esperienza sul set con la diva di Hollywood.

Faye non piaceva a tutti. Ogni volta che eravamo pronti a girare una scena lei chiedeva di sciogliersi nuovamente i capelli. “Certo che non voglio immaginare come si sente una donna in questa situazione.”

L’attrice Estelle Parsons, che ha lavorato con Faye Dunaway in Bonnie e Clyde, ha detto che nessuno voleva Faye a causa delle sue richieste durante le riprese.

Ma quella era solo la punta dell’iceberg. Durante la sua partecipazione al leggendario film “Chinatown”, Roman Polanski è riuscito a far emergere il peggio di Faye. Il regista ha negato all’attrice l’accesso al bagno, cosa che ha portato Dunaway a scegliere di urinare in una tazza e gettarla in faccia a Polanski. “Non ho mai visto questo livello di follia”, ha detto il controverso regista degli scoppi d’ira di Fey.

Durante le riprese dello storico “Chinatown”, Faye Dunaway ha gettato la sua urina addosso a Roman Polanski dopo che questi le aveva impedito di andare in bagno (Photo by Film Poster Image Art/Getty Images)

Nel suo nuovo film, l’attrice si rende conto che, sebbene la diagnosi spieghi in parte il suo comportamento, lei è comunque responsabile delle sue azioni. “Questo è quello che ho capito; Il motivo era a causa loro (le loro posizioni). È qualcosa di cui dovresti essere consapevole e cercare di fare la cosa giusta per affrontarlo.“, conferma nel lungometraggio.

READ  Oroscopo dal 4 al 10 giugno 2023: Predizione secondo Mahony Vedant per i Dodici Segni

Dunaway parla anche dell’importanza dei farmaci nella gestione della propria salute mentale, definendoli uno strumento essenziale per non ricadere negli stessi comportamenti. “È una sensibilità e fa parte della mia costituzione…Grazie a Dio ci sono medicine e studi, e ci sono medici che trattano questa materia e io ho potuto trarne beneficio. I farmaci sono cruciali, senza di essi torni al punto in cui sei psicologicamente e biologicamente.

Faye Dunaway ha confermato che la sua salute mentale è migliorata grazie ai farmaci

Anche Liam Dunmaway, il figlio di Faye, fa parte di questo documentario e conferma che il dolore sofferto da sua madre nel corso degli anni l’ha trasformata nella popolare personalità cinematografica che è oggi.

Se non avesse sofferto così tanto, sarebbe stata altrettanto buona? “Devi prendere il bene e il male, questa è la vita. (Mia madre) ha iniziato come una persona normale che voleva essere famosa, e ha finito come una persona famosa che voleva essere normale.”

Lui documentarioDiretto da Laurent Bouzereau Include interviste con altre star come Sharon Stone, Mickey Rourke E il direttore Giacomo Grigio. Il film segue l’infanzia e la carriera di successo di Dunaway in film acclamati come “Chinatown”, “Network” e il classico cult “Mommie Dearest”.

Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles