Ottobre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Abbas ordina un attacco diplomatico contro il permesso agli ebrei di pregare nei locali delle moschee

MADRID, 9 ottobre (stampa europea) –

Il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas ha ordinato al delegato palestinese alle Nazioni Unite, Riyad Mansour, di avviare un'”azione immediata” presso le Nazioni Unite in risposta alla decisione di un tribunale israeliano affinché gli ebrei possano recarsi al Monte del Tempio. Dalle moschee alla preghiera.

Mercoledì una corte d’appello a Gerusalemme ha accolto la richiesta di riprendere la preghiera dopo aver vietato qualsiasi tipo di culto a seguito dei disordini che hanno portato al bombardamento tra Israele e le milizie palestinesi nella Striscia di Gaza lo scorso maggio.

Il giudice ha accolto l’appello di un rabbino che si è recato “come tanti altri” a pregare nel luogo in silenzio, “attività in sé che non viola le indicazioni della polizia”, sebbene gli ebrei, secondo un accordo da tempo, pur potrebbero visitare la zona, solo che non sono autorizzati a pregare lì, sono autorizzati a pregare al vicino Muro Occidentale.

In risposta, il presidente Abbas ha affermato che l’attacco diplomatico “sarà condotto in coordinamento con i Paesi fratelli e amici, guidati dalla delegazione fraterna giordana”, che è il Paese che svolge il ruolo di autorità nella regione.

Il presidente ha inoltre esortato, secondo le dichiarazioni compilate dall’agenzia palestinese Wafa, la comunità internazionale “ad assumersi le proprie responsabilità al riguardo, in particolare il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”, al fine di “fermare questa aggressione”.

Nelle ultime ore, un gruppo di fazioni palestinesi nella Striscia di Gaza ha invitato i residenti a partecipare a manifestazioni di condanna della sentenza.

Le “fazioni di resistenza”, compreso il Movimento di resistenza islamica (Hamas), hanno affermato che la sentenza equivale a un “attacco” alle santità islamiche a Gerusalemme e hanno avvertito che Israele avrebbe “piena responsabilità” per le conseguenze. .

READ  L'app spiega: perché Haiti è soggetta a terremoti devastanti?

I gruppi sottoscritti – che Israele considera terroristi – hanno affermato che “questa decisione diabolica e maligna è il preludio a una cospirazione per dividere la divisione temporale e spaziale della moschea di Al-Aqsa, che consentirà ai coloni di continuare i loro crimini contro Al-Aqsa e Al-Quds.” .

Per questo motivo, hanno invitato i palestinesi della Cisgiordania, della Striscia di Gaza e di Gerusalemme Est a “rigettare questa palese violazione del diritto alla terra e ai luoghi santi”, secondo l’agenzia di stampa palestinese Ma’an.