Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Acciona è diventata big in borsa grazie all’energia della sua controllata | mercati

Impossibile parlare della capogruppo Acciona – società controllata dalla famiglia Entrecanales – senza citare la sua controllata Energía, dalla quale controlla circa l’83% del capitale e che ha ricevuto il battesimo di borsa nel luglio 2021. I suoi conti e sviluppo vanno in borsa fianco a fianco: Acciona ha rivalutato la borsa del 20%, e Acciona Energy del 29%, per inserirsi nel gruppo di valori che quest’anno è riuscito a salire in negativo stambecco 35. Alfredo del Cero, analista del Banco Sabadell, ha osservato che l’85% del valore di mercato azionario della società è rinnovabile. “A volte c’era una separazione tra le due società, ma ora il mercato lo riflette bene nelle sue valutazioni”, spiega. Ora il consenso degli analisti è diviso equamente tra buy and hold, al 35,7% del totale.

Il business classico di Acciona continua ad avere il fatturato più alto: le infrastrutture hanno raggiunto i 2.648 milioni di euro, le vendite di energia a 2.206 milioni, ma l’EBITDA apportato dal business elettrico è stato a fine semestre di 909 milioni di euro. contro 149 milioni di infrastrutture. Indubbiamente l’aumento anno su anno dei prezzi dell’energia elettrica è la chiave di lettura di questi numeri ed è anche una fonte di forza per il prossimo futuro con la crisi energetica che ci investe. Il business immobiliare, con un fatturato di soli 25 milioni (-34%) in questo periodo, o il business manager di Bestinver, con 55 milioni (-11,3%), è piccolo rispetto alle altre attività.

Il buon primo semestre di Acciona, chiuso con un utile netto di 201 milioni (35,6%), ha compensato la scarsa performance della tedesca Nordex, produttore di mulini elettrici, che possiede il 41% delle azioni. . La multinazionale della famiglia Entrecanales, che è presente in 35 paesi e impiega 39.000 dipendenti, ha dovuto aiutare Nordex, con una perdita di 283,2 milioni nel primo semestre, attraverso due aumenti di capitale in essa erogati nell’anno per 223 milioni di euro.

READ  Tendenze tecnologiche per il 2022, secondo Mastercard

Rafael Fernandez de Heredia, analista di Gaesco, osserva che i margini di costruzione, intorno al 4,5%, saranno mantenuti nel 2022 nonostante l’aumento dei costi. “Si firmano nuovi contratti per condividere il rischio di maggiori costi”. Aggiunge: “Nel settore immobiliare ci sono molte vendite che sono già state chiuse, soprattutto negli acquisti e nelle locazioni (edifici in affitto), e tra due anni sorgono dubbi per la reazione di questo mercato ai prezzi elevati. Acqua e servizi sono buoni. Conclude che il prezzo obiettivo per azione è di € 228 e consigliamo di accumulare. A Sabadell non vedono più strade a prezzi correnti.

Una recente analisi della britannica Barclays prevede che la serie positiva nel settore delle costruzioni continui: “Abbiamo rivisto al rialzo l’EBITDA delle costruzioni, dopo la performance del primo semestre. Alziamo il nostro utile per azione previsto per il 2023 del 4% a 8,75 euro da 8,45 euro. E per il 2024, vediamo un aumento del 2% a 9,97 euro per azione, che riflette una moderazione dei prezzi dell’energia”. Hanno concluso di aver fissato un obiettivo di prezzo Barclays di 201 euro, che è inferiore al prezzo attuale, e “vediamo un maggiore potenziale di rialzo in misure come RWE, SSE, Iberdrola ed Enel”.

Guillermo Barrio, analista di Intermoney, fissa, a sua discrezione, un prezzo obiettivo di 245 euro, di cui 200 euro corrispondenti alla sua rinnovata attività. Inoltre, vede positivo il resto del business: “Nelle infrastrutture, l’edilizia è la componente più importante, che prevediamo una leggera contrazione dei margini quest’anno, in ripresa negli anni successivi, mentre il contributo delle franchigie diminuirà di circa 20 milioni dalle vendite di asset (nel 2021 hanno venduto franchising per 484 milioni di euro). Nelle altre attività, prevediamo una crescita a doppia cifra, grazie a un recupero dei margini per il business immobiliare nel corso di quest’anno e del prossimo, mentre Bestinver dovrebbe vedere aumenti compresi tra il 7% e l’8% all’anno nello stesso periodo”, spiega. Acciona comunicherà i risultati del terzo trimestre il 15 novembre.

READ  WhatsApp: il modo semplice per registrare una chiamata nell'app | trucco | Applicazioni | Smartphone | Telefoni cellulari | Androide | vagare | nda | nnni | tecnologia

Il futuro dei grandi investimenti

religione. Il primo semestre è stato positivo anche per il debito di Acciona, che si è attestato a 5.041 milioni, il 13% in meno rispetto a inizio anno. Secondo gli analisti, questa variabile non è al momento preoccupante nonostante gli alti tassi di interesse registrati sui mercati, che rappresentano 2,7 volte l’EBITDA per il 2022.

Investimenti. Senza dubbio, Acciona dovrà sbarcare il lunario. “L’obiettivo di installare 9,4 GW entro il 2025 richiederà un piano di investimenti ambizioso. Quindi, secondo le nostre stime, quest’anno si raggiungeranno i 2.000 milioni, per salire a 3.000 milioni nel 2023 e altri 2.800 milioni nel 2024. Poi ci aspettiamo l’indebitamento netto /EBITDA in aumento di 5,5 volte”, spiega l’esperto Gaeco. Nel primo trimestre gli investimenti sono saliti a 1.217 milioni (770 milioni nelle rinnovabili).

Dividendo. Acciona non ha trascurato i dividendi con i suoi azionisti o nei momenti difficili della pandemia, anche se gli iscritti nel 2020 sono scesi a 1.559 euro. Lo scorso luglio la multinazionale ha pagato complessivamente 4.113 euro e l’anno scorso è stato di 3,9 euro. Una spinta molto stabile negli ultimi cinque anni che gli analisti considerano sicura.