Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Acerinox vede “buone probabilità” per la domanda dopo aver raddoppiato i profitti in undici

FOTO DEL FILE: Bobine di acciaio in una fabbrica a Sestau, Paesi Baschi, Spagna, 12 novembre 2018. REUTERS/Vincent West

MADRID (Reuters) – Il produttore spagnolo di acciaio inossidabile Acerinox ha dichiarato di vedere prospettive favorevoli per la sua attività a causa dell’elevata domanda dei suoi prodotti, ha affermato nella presentazione dei risultati del 2021 di aver raddoppiato i profitti di 11.

“Le buone prospettive per la domanda, la minore pressione delle importazioni nei mercati chiave a causa dell’aumento dei costi di spedizione e delle misure di difesa commerciale; livelli più bassi di scorte e prezzi migliori ci consentono di essere ottimisti sull’affrontare la prima metà dell’anno fiscale 2022”, ha affermato Bernardo Velasquez, CEO di Acerinox.

“Prevediamo un miglioramento dell’EBITDA per il primo trimestre del 2022 rispetto al quarto trimestre del 2021, pur mantenendo la tendenza trimestrale al rialzo dal secondo trimestre del 2020 (il settimo trimestre consecutivo in aumento)”, ha aggiunto la società.

Nel quarto trimestre del 2021 il risultato netto di Acerinox è stato di 198 milioni di euro, moltiplicato per 11 dello stesso periodo del 2020.

Per l’intero anno, l’utile netto (al netto di imposte e minoranze) è stato di 572 milioni di euro, rispetto ai 49 milioni di euro del 2020, mentre l’EBITDA (margine operativo lordo) è stato di 989 milioni di euro nel 2021, oltre 2,6 volte quello del 2020 , con l’EBITDA che ha raggiunto i 318 milioni nell’ultimo trimestre.

Il fatturato 2021 è stato di 6.706 milioni di euro, in crescita del 44% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Riguardo all’invasione russa dell’Ucraina, Acerinox ha affermato di non poter determinare “le conseguenze delle attuali tensioni geopolitiche, sebbene la nostra esposizione diretta nella regione sia molto limitata con vendite inferiori allo 0,5%”.

READ  Come beneficiano le banche statunitensi in tempi post-pandemia?

(Informazioni da Thomas Cobos; Montaggio di Dario Fernandez)