Settembre 21, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Agire ora per limitare il riscaldamento globale è una questione di giustizia climatica – Swisslatin

Gli effetti del cambiamento climatico sono globali e senza precedenti, dai cambiamenti nei modelli meteorologici che minacciano la produzione alimentare all’innalzamento del livello del mare che aumenta i rischi di inondazioni. (Foto di OMM/Shravan Regret Iyer)

La crisi climatica che distrugge il pianeta sotto forma di incendi e inondazioni colpisce in egual modo le popolazioni più vulnerabili dei paesi poveri e ricchi, per cui è necessario limitare l’aumento della temperatura globale all’obiettivo concordato a livello internazionale di 1,5°C al di sopra del pre- età industriale. livelli, ha detto lunedì il vicesegretario generale delle Nazioni Unite.

Durante il suo intervento al Dialogue on Accelerating Adaptation Solutions con una presentazione alla COP26, Amina Mohamed ha osservato che gli impatti climatici sul pianeta sono già visibili con un aumento di 1,2°C e che i paesi più vulnerabili e meno responsabili dovranno affrontare la crisi climatica . Conseguenze più devastanti.

Gli effetti si ripercuoteranno su economie, società ed ecosistemi, spazzando via i guadagni in termini di sviluppo, aggravando la povertà, aumentando la migrazione e esacerbando le tensioni. L’azione ora è una questione di giustizia climatica. Ha sottolineato che abbiamo soluzioni.

Per questo ha evidenziato la necessità di misure coraggiose per raggiungere un’economia globale senza emissioni di gas serra entro il 2050 e non superare la barriera di 1,5°C.

È necessaria una crescita massiccia dell’adattamento climatico e della resilienza
“Ma, fino ad allora, continueremo ad affrontare i drastici cambiamenti climatici. Abbiamo bisogno di un massiccio aumento degli investimenti nell’adattamento e nella resilienza.

Mohamed ha osservato che solo il 21% dei finanziamenti per il clima è dedicato agli sforzi di adattamento e che dei 70.000 milioni di dollari necessari ai paesi in via di sviluppo in questo concetto, “ne viene fornita solo una frazione”.

READ  I socialdemocratici tedeschi in testa ai sondaggi elettorali - Prensa Latina

Un numero che aumenterà nel tempo perché i costi di adattamento nei paesi in via di sviluppo potrebbero raggiungere i 300 miliardi di dollari l’anno entro il 2030.

“Abbiamo il dovere morale di colmare questa lacuna”, ha dichiarato.

I paesi più bisognosi non hanno accesso ai finanziamenti per il clima

Ha aggiunto che oltre ad essere un imperativo morale, un investimento precoce nell’adattamento e una maggiore resilienza è anche un chiaro caso economico.

“Saranno salvate vite e protetti i mezzi di sussistenza”, ha affermato, osservando che questo è il motivo per cui il Segretario generale ha chiesto ai donatori e alle banche multilaterali di sviluppo di destinare il 50% degli investimenti pubblici totali per il clima all’adattamento e alla resilienza.

Tuttavia, i paesi che hanno bisogno di questo sostegno devono ancora affrontare seri problemi nell’accesso ai finanziamenti per il clima.

Pertanto, ha sottolineato l’importanza di semplificare le regole e facilitare l’accesso per i paesi meno sviluppati, i piccoli stati insulari in via di sviluppo e altri stati vulnerabili, nonché accelerare le iniziative, ad esempio, con l’Africa Adaptation Acceleration Program.

Infine, ha esortato i partecipanti ad agire con coraggio poiché mancano solo 80 giorni alla COP26, la conferenza annuale sul clima delle Nazioni Unite, che si svolge a Glasgow a novembre.

Swisslatin / ONU Noticias (07.09.2021)