Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aglio o carote, il 500% in più

Il prezzo Da Frutta e verdura moltiplicate per quattro Fa Lasciano il campo finché non raggiungono uno scaffale supermercato. Un aumento dei prezzi riguarda tutti i prodotti, ma è particolarmente diffuso con quelli cibi di stagione e con più suscettibile di danneggiamentoAglio sale 648%, carote 563%, lattuga 553%.

In media, un agricoltore si rende conto 0,79 euro al chilogrammo di aglio che viene poi venduto a 5,91 euro al supermercato, secondo l’indice dei prezzi COAG di origine e destinazione per agosto. Nel caso della carne, il prezzo finale era l’ottavo mese dell’anno Quasi il triplo di quanto pagato all’agricoltore.

Gli alimenti scaduti sono i più colpiti da questo aumento di prezzo, a causa dell’obbligo di svincolarli rapidamente, vengono venduti a un prezzo inferiore. Nello specifico, il L’aglio raddoppia il suo costoIl Lattuga o carote per 6 persone e il Cavolo cappuccio, zucchine e patate per 4 persone.

I frutti del nocciolo salgono

Nei venditori di ortaggi, i picchi maggiori si sono verificati nella frutta senza torsolo. Il prezzo medio di una susina viene pagato a un agricoltore 0,54 euro, rispetto al suo prezzo medio di agosto di 3,46 euro al chilo. Anche altri moltiplicano il loro prezzo per circa quattro: Le pesche diventano il 269% più costose e le nettarine il 273%.

Meloni e angurie venivano originariamente pagati tra 0,46 e 0,37 euro al chilo, rispetto alla loro rivalutazione nel “super”, arrivando a un prezzo medio di 1,49 e 1,28 euro al chilo. Sebbene l’aumento sia ora solo del 246% nel caso delle angurie e del 224% nelle angurie, La rivalutazione di questi frutti ha superato il 500% durante i mesi estivisolo quando ne esiste una maggiore produzione.

READ  La Borsa del Messico è salita dell'1,11%, ma si è indebolita a causa della geopolitica

Vitello da 5 euro a 19 euro

In una macelleria il costo dei prodotti raddoppia con una media di 2,81. Il vitello è la carne che offre la maggiore rivalutazione. Il contadino paga cinque euro al chilo, mentre sugli scaffali viene venduto a 18,99 euro.

Maiale e agnello si moltiplicano per tre e pollo e coniglio per due. Nel caso dei suini si paga inizialmente 1,75 per chilogrammo, contro una media di 6,29 euro a destinazione.

Il latte aumenta il suo prezzo del 98%, da 0,42 a 0,83 al litro Le uova sono uno dei prodotti meno rivalutati. Le decine vengono pagate a 1,42 euro nell’originale e solo a 1,89 euro a destinazione.

La piattaforma dei prodotti più rivalutati cambia mensilmente L’aglio è stato l’ortaggio più costoso per più di sei mesi. Nei mesi primaverili i prezzi che oscillano maggiormente tra origine e destinazione sono quelli di limoni, mandarini, mele o arance.

[Así es la cesta de la compra que Yolanda Díaz quiere copiar de Sarkozy para frenar la subida de los alimentos]

Di fronte a queste fluttuazioni dei prezzi e all’attuale inflazione, il ministro del Lavoro e dell’Economia sociale, Yolanda Diaz, ha aperto il dibattito al Regolamentazione dei prezzi dei generi alimentari.

“Ora escono Nocivo per agricoltori e consumatoriPensiamo che ci sia spazio per lavorare su alcuni prodotti, però Non sappiamo se mettere un tappo potrebbe essere la soluzione‘, spiega a EL ESPAÑOL-Invertia il responsabile dei mercati agricoli di COAG, Andoni García.

Teste d'aglio, un prodotto che esiste da sei mesi con una grande differenza tra il prezzo di origine e quello di destinazione.

Teste d’aglio, un prodotto che esiste da sei mesi con una grande differenza tra il prezzo di origine e quello di destinazione.

EP.

READ  El CAC-40 pierde 0,77 % al cierre de la sesión

Una delle misure adottate dal governo per impedire agli agricoltori di vendere in perdita è stata l’approvazione del Chain Act. Un regolamento che non gli impedisce di essere venduto a meno del costo di produzione, ma lo è diventato Uno strumento per denunciare e controllare queste pratiche abusive.

“È legale e necessario avere una discussione sull’accesso delle persone al cibo”, affermano dalla commissione per l’agricoltura. Allo stesso tempo, avvertono che questo tetto è possibile “Non può essere a costo di un ulteriore ridimensionamento degli agricoltori”.

[Los alimentos llevan cinco meses cayendo, pero todavía están un 8% más caros que hace un año]

Da altre richieste dal campo che a Monitor dei prezzi degli alimenti Il ministero dell’Agricoltura affinché ci sia “trasparenza nei mercati” e “si possa agire contro gli abusi”.

Questo è uno strumento che l’Associazione Piccoli Agricoltori chiede da anni. Per questa organizzazione, la scala Diaz sembra “miserabile”, ma pensa che dovrebbe Maggiore trasparenza tra gli interessi del vettore, del venditore e della distribuzione.

Dal canto loro, però, distributori e supermercati sono stati aperti al dialogo Ritengono che la soluzione dovrebbe prendere in considerazione l’adozione di misure per ridurre gli elevati costi sostenuti anche da questo settore.