Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

ALBA-TCP condanna le sanzioni statunitensi contro il Nicaragua

Il giorno prima, l’Alternativa Bolivariana per i Popoli del Trattato commerciale americano (ALBA-TCP) ha condannato le misure coercitive unilaterali imposte dagli Stati Uniti nei confronti di 23 giudici e pubblici ministeri nicaraguensi.

Il blocco ha confermato, in una dichiarazione rilasciata sabato, sul suo account ufficiale sulla piattaforma Twitter, che questa misura imposta illegalmente e illegalmente cerca di destabilizzare la stabilità politica e sociale di quel paese centroamericano.

Vi hanno aggiunto un appello alla comunità internazionale “a denunciare questo tipo di aggressione che viola i principi fondamentali della Carta.
Allo stesso modo, il blocco regionale ha approvato la sua posizione a sostegno della solidarietà con il popolo e il governo del Nicaragua, nonché nella ricerca della riconciliazione e dell’unità della nazione.

L’azione imposta dal Dipartimento di Stato comprende la revoca o il divieto di un visto statunitense; vietare l’ingresso o l’ingresso di tali funzionari in tale Stato; Basato sulla legge che rafforza la conformità del Nicaragua alle condizioni della riforma elettorale, nota come legge Renacer.

Questa misura coercitiva imposta dagli Stati Uniti al Nicaragua, Si unisce a molti della natura unilaterale che la Casa Bianca impone ad altri paesi come Venezuela, Cuba e Russia; A quest’ultimo paese dopo l’inizio del conflitto armato con l’Ucraina.

Questi tentativi di stabilire un potere dominante e frenare le posizioni pluralistiche da parte di Washington hanno trovato rigetto non solo nell’ALBA-TCP, ma anche nella comunità internazionale e in vari forum di diverso genere.

Guarda anche:

ALBA-TCP nega le esclusioni e il trattamento discriminatorio al Summit delle Americhe