Dicembre 7, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Albert Pujols, il più grande battitore latino, raggiunge la fine della strada

Il domenicano Albert Pujols ha posto fine a una delle carriere più illustri nella storia della Major League Baseball sabato, dopo che i St. Louis Cardinals hanno perso 0-2 contro i Philadelphia Phillies e si sono arresi al primo turno della serie post-stagione.

“The Machine” o “Uncle Abert”, come sono conosciuti i Pujol, ha visto la sua squadra cadere nella seconda partita della serie Wild Card contro i Philadelphia Phillies, che ha segnato l’ultimo capitolo di una carriera di 22 anni, rendendolo tra i i più grandi battitori mai avanzati in campo nella Major League.

Il 42enne ha detto addio al baseball al Busch Stadium di St. Louis, davanti a una folla che lo aveva sostenuto sin dal primo giorno e con la quale ha vissuto i momenti più belli della sua carriera nella Major League Baseball.

Undici anni dopo aver lasciato i Cardinals dopo la stagione 2011, passando per gli Angels e i Dodgers, il primo grande battitore e battitore designato tornò al St.

Leggenda latina

In America Latina, ci sono grandi personalità che hanno messo in mostra i loro talenti attraverso la Major League Baseball, ma pochi di loro possono competere con la forza che Pujols ha mostrato.

Pujols si è guadagnato questo riconoscimento, lasciando dietro di sé un’eredità produttiva che traccia il percorso che le nuove generazioni devono seguire e trascendere quelle precedenti.

Con una media di 296 battute in 22 stagioni, i Pujols sono al secondo posto di tutti i tempi negli RBI con 2.218, sostenuti dalle 14 stagioni in cui ha condotto 100 o più inning.

I suoi 703 tiri pieni collocano Pujols al terzo posto di tutti i tempi.

READ  Josh Taylor, scartoffie prima di scegliere la sua prossima mossa

Per raggiungere quel numero di fuoricampo, la star del biliardo ha 17 stagioni nel suo record di 20 o più colpi di ritorno completi, 14 dei quali hanno mandato 30 o più palloni fuori dal parco, 12 di fila e sette in cui ha ha superato la barriera dei 40 homer.

Inoltre, il nativo di Santo Domingo è quinto nel doppio (686), nono nei successi (3384) e undicesimo nei punti (1914).

Con due fuoricampo portati al suo bottino, 47 gol nella stagione 2009 e 42 negli anni 2010, Pujols ha tutto ciò che un giocatore può desiderare nella sua vetrina.

In questo tour è stato premiato come Rookie of the Year (2001), tre premi National League Player of the Year (2005, 2008 e 2009), sei Silver Sluggers (2001, 2003, 2004, 2008, 2009 e 2010), 11 All – Scelte Star Game (2001, 2003-2010, 2015 e 2022) e due volte vincitore del Campionato del mondo (2006 e 2011).

Campione di diamanti

Proprio mentre brillava con la sua racchetta sui campi della Major League, Albert ha cercato di aiutare gli altri.

Il giocatore di baseball dominicano di quest’anno è stato insignito del Premio umanitario Muhammad Ali, assegnato agli atleti che danno un contributo significativo per garantire la pace, la giustizia sociale, i diritti umani e/o il capitale sociale nelle loro comunità e in tutto il mondo.

Il giocatore dei Saint Louis Cardinals è noto per il suo grande lavoro sociale, sia negli Stati Uniti che nella Repubblica Dominicana.

L’eredità di Pujols avvolge nel legno la sua grandezza e il suo lavoro per i bisognosi, gli elementi che hanno plasmato la figura storica che oggi dice addio agli stadi delle major league.

READ  NBA: 75 Migliori Lakers: Magic batte Kobe e Pau Gasol, per un impressionante 12° posto