giovedì, Giugno 20, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Alluvioni in Brasile: il bilancio delle vittime è salito a 144 e si contano già più di due milioni di vittime

Un drone mostra le strade allagate a El Dorado do Sul, nello stato di Rio Grande do Sul, (Reuters/Amanda Berubili)

Le inondazioni causate dalle piogge torrenziali nel sud del Brasile hanno già provocato la morte di 144 persone e oltre 2,1 milioni di senzatetto, hanno riferito domenica le autorità regionali, mentre nuove tempeste minacciano di colpire ulteriormente la regione.

Il numero dei decessi è salito di sette vittime in più alle 137 registrate il giorno precedente. Rimangono 125 i dispersi.

Secondo i dati dell’ultimo rapporto della Protezione Civile, alcuni IDP Mi avvicino adesso 620.000Di cui Più di 81.000 persone sono state costrette a rifugiarsi nei rifugi allestiti dalle autorità.

Inoltre, il bilancio dice che le squadre di soccorso hanno evacuato 76.399 persone e 10.555 animali dalle aree di pericolo.

La situazione più drammatica si vive nel Rio Grande do SulÈ un paese di confine con l’Argentina e l’Uruguay, dove almeno 146 morti e 806 feriti Dove sono colpiti 446 comuni, ovvero il 90% del totale.

Foto aerea di alcuni veicoli danneggiati dalle alluvioni a Porto Alegre (Brasile). EFE/Isacco Fontana

L’altro deceduto è stato segnalato nel vicino stato di Santa Catarina, anch’esso colpito dal disastro, ma in misura minore.

Quasi tutto lo Stato resta in allerta a causa delle previsioni meteo e le forze di soccorso stanno approfittando dei pochi spazi lasciati dai temporali per proseguire le operazioni di ricerca.

Oltre alle forti piogge, fino a martedì sono attesi forti venti e basse temperature.

Il Centro nazionale per il monitoraggio e l’allarme dei disastri (CEMADEN) domenica ha emesso un’allerta ad alto rischio per frane in quasi tutto lo stato e nell’area urbana di Porto Alegre, con particolare attenzione alla Sierra Gaucha.

READ  Quindi puoi lavorare negli Stati Uniti mentre aspetti l'autorizzazione

Le sirene della pioggia hanno suonato nel comune di Uruguayana, situato al confine con l’Argentina, dove le acque del fiume Uruguay hanno superato il loro livello e continuano a salire.

Una foto del cimitero distrutto dopo le inondazioni nella città di Mokum, uno dei comuni dello stato del Rio Grande do Sul colpiti dall’esondazione del fiume Tacuari, nel sud del Brasile. EFE / Sebastião Moreira

Le procedure per portare cibo, vestiti, coperte e medicinali continuano in tutto lo Stato, in un contesto di carenza di servizi energetici e idrici che si stanno ripristinando poco a poco, soprattutto nella capitale dello Stato.

IL Danno Le stime delle inondazioni nel Rio Grande do Sul sono di ca 18.839 milioni di riyal (3.700 milioni di dollari)secondo il governo regionale.

Attualmente, lo ha annunciato il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva Un pacchetto di aiuti del valore di 50 miliardi di riyal (9,8 miliardi di dollari) Per quel Paese, tra stanziamenti e misure di aiuto diretto.

La pioggia, leggermente diminuita da giovedì, è tornata sabato nella regione, anche se la sua intensità è stata inferiore a quanto previsto dagli esperti.

La Valle Tacuari, nel centro dello Stato, rimane una delle zone più colpite, così come Porto Alegre, la capitale del Rio Grande do Sul, il cui centro storico rimane sommerso dopo lo straripamento del fiume Guayba.

La stessa cosa non accade nell’estremo sud dello Stato, dove diversi quartieri delle città di Pelotas e Rio Grande sono stati allagati dopo lo straripamento delle acque del fiume Lagoa dos Patos, il cui livello era di un metro e mezzo più alto di quello normale.

Mokum, una città brasiliana devastata dalle inondazioni che si prepara ad allontanarsi dal fiume (EFE/Sebastião Moreira)

Ma il caos persiste in tutto lo Stato e verso il nord della regione, a Pinto Gonçalves, dove anche la situazione è deplorevole e dove vivono più di 125.000 persone, la maggior parte dei quali contadini e agricoltori.

READ  Il governo libanese afferma la sua piena solidarietà alla Palestina

È il caso di Laerton Bavarita, contadino di 52 anni, che è dovuto andare a vivere con la famiglia e la madre malata presso un amico nel vicino comune di Tottori, perché la sua casa era quasi distrutta e inaccessibile a causa delle frane. .

“Viviamo qui perché lì non abbiamo energia” Non abbiamo via d’uscita“Non c’è modo di attraversare”, ha detto a EFE con orrore.

La situazione potrebbe peggiorare in tutto lo stato del Rio Grande do Sul nelle prossime ore, poiché oltre alle forti piogge si prevedono forti venti e basse temperature che potrebbero prolungarsi fino a martedì.

(Con informazioni da EFE)

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles