Ottobre 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alvaro Luque nel podcast “Línea Latina”: “Abbiamo fatto l’industria…

Alvaro Luque nel podcast “Línea Latina”: “Abbiamo fatto l’industria…

linea bloomberg – Gli avocado dal Messico (AFM) oggi sono lo standard per gli avocado negli Stati Uniti, nonostante ciò che il CEO potrebbe far credere.Alvaro Luque è un costaricano, anche se il suo cuore è messicano, ha ammesso su Línea Latina, il podcast di Bloomberg Línea.

Luque ha lavorato nell’area marketing per Maseca Group (una filiale di Gruma), un produttore di farina di mais, per 15 anniche gli ha dato l’opportunità di intraprendere una carriera sia in Venezuela che in Messico.

Con grande affetto ricorda l’imprenditore messicano Roberto González BarreraFondatore e Presidente del Consiglio di Amministrazione di Gruma, nonché Presidente del Consiglio di Amministrazione di Life di Grupo Financiero Banorte. Luque ammette che parte delle sue decisioni di andare in altri paesi hanno avuto a che fare con lui, ascoltandolo e lavorando al suo fianco.

“Nei momenti di caos, devi essere aggressivo quando gli altri si trattengono”, ha detto Don Barrera, e questo è qualcosa che mi ha lasciato, ricorda Locke.

Oggi, e da nove anni, fa parte del fenomeno AFMÈ una filiale di marketing della Mexican Avocado Importers Association (MHAIA) e della Mexican Avocado Producers, Packers and Exporters Association (APEAM).

L’azienda ha più di 30.000 coltivatori e 70 confezionatori in Messico in un consiglio di amministrazione di 10 persone e 250 importatori negli Stati Uniti.

“Qui negli Stati Uniti, è importante sapere che tutti i latini si supportano a vicenda ma siamo diversi, devi capire cosa rappresentano i diversi prodotti”, afferma Luque, sottolineando ciò che chiama “oro verde”.

Invasione USA

Nell’anno fiscale 2019/20, gli avocado messicani hanno contribuito con 6,5 miliardi di dollari di produzione o spesa all’economia statunitense; Contribuendo con 4.000 milioni di dollari al PIL degli Stati Uniti, secondo uno studio dell’Avocado Institute of Mexico.

READ  El Salvador registra 12 nuovi decessi per il virus Corona e un accumulo di 90.129 casi

Tuttavia, ci sono voluti quasi un decennio perché ciò accadesse. “All’inizio mi sono chiesto come avrei commercializzato il frutto. Ma poi ho capito cosa stavano facendo i governi messicano e americano, che per legge offrivano un prodotto in fase di sviluppo qui negli Stati Uniti, che mi sembrava molto interessante”. disse Linea Latina.

L’azienda non vende avocado né dal Messico, è un marketing al 100%, che ha fortemente promosso l’attuale mercato del frutto.

Ma, Uno dei grandi premi è stata la loro partecipazione al Super Bowl, dove hanno partecipato alla pubblicità per otto anni. Accade così che nella settimana che precede l’evento, il consumo di frutta aumenti vertiginosamente sulle tavole nordamericane. E lo fanno in larga misura il giorno della partita.

“Dal momento in cui abbiamo iniziato a investire nel Super Bowl fino ad oggi, c’è stata una crescita delle vendite dell’80%. Quello spazio ci ha davvero messo sulla mappa, costruendo i pilastri di questo marchio”, osserva.. “Ci siamo posti l’obiettivo di vincere il Super Bowl e l’abbiamo fatto. Nessuno immaginava che la frutta senza marchio e non confezionata avrebbe conquistato il mercato digitale. Ecco perché l’avocado messicano sarà ancora il re”.

Secondo l’AFM, L’acquisto medio negli Stati Uniti è di tre avocado al mese e il consumo pro capite è di 8 libbre, quindi è ancora un mercato molto ampio da conquistare. In ogni caso, il predominio del Messico è forte perché il nostro prodotto arriva 48 ore dopo la raccolta, data la sua vicinanza.

concorso regionale

Nonostante Michoacan sia la principale fonte di avocado negli Stati Uniti, La città di Jalisco integra e mantiene la domanda di avocado, soprattutto in estate, quando diminuisce leggermente a Michoacan, bilanciando l’offerta.

READ  así fue el "hackeo" a Wormhole, el secondo más grande de las finanzas discendenza

Luque sottolinea che sia il Perù che la Colombia hanno anche accelerato la loro crescita negli Stati Uniti. Tuttavia, il volume dal Messico è ancora più alto. “Solo i numeri di Jalisco lo renderebbero più grande del Perù”, dice.

“Anche se sono stati anni difficili, a causa del Covid-19, è stato un bene per noi a causa della quantità di avocado che venivano mangiati in casa”, ricorda. “La crisi post-Covid ha portato questa ondata di inflazione e abbiamo avuto una stagione molto bassa. Abbiamo avuto una crescita dei prezzi molto forte l’anno scorso, e quest’anno, all’inizio dell’anno fiscale a partire da luglio, vedremo gli effetti di quel prezzo”.

Sebbene determinare la quota di mercato di AFM sia complesso, poiché dipende dall’anno e dal momento, è generalmente vicina all’89%, secondo l’azienda quando ha iniziato. Avevamo a malapena il 20%, perché la gente all’epoca preferiva gli avocado della California.