Ottobre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

AMD promette di aumentare l’efficienza di CPU e GPU x30 entro il 2025

AMD Oggi ha annunciato il suo ambizioso piano Per ridurre il consumo di energia Nel mondo dell’intelligenza artificiale e delle applicazioni di supercalcolo, dove il consumo di energia ha l’impatto maggiore. specifica, Dal 2020 al 2025L’azienda promette di realizzare processori AMD EPYC e GPU AMD Instinct Consumare 30 volte di meno rispetto ai loro omologhi attuali.

Ovviamente, a livello di hardware consumer, Si prevede inoltre di aspettarsi miglioramenti significativi nei consumi Associato a processi produttivi, nuove architetture, ecc., ma l’aspetto più evidente del consumo energetico non è il mercato generale, ma il mercato dei server, dei data center, del cloud, ecc. Se vogliono fare qualcosa contro ARM, anche Intel seguirà lo stesso percorso.

Oggi, AMD ha annunciato l’obiettivo di aumentare l’efficienza energetica delle CPU AMD EPYC e degli acceleratori AMD Instinct di 30 volte nelle applicazioni di addestramento per l’intelligenza artificiale (AI) e l’elaborazione ad alte prestazioni (HPC) che eseguono nodi di calcolo. , AMD dovrà aumentare l’efficienza energetica di un nodo di elaborazione più di 2,5 volte più velocemente rispetto al miglioramento complessivo a livello di settore negli ultimi cinque anni.

I nodi di calcolo accelerato sono i sistemi di calcolo più potenti e avanzati al mondo utilizzati nella ricerca scientifica e nella simulazione di supercomputer su larga scala. Forniscono la potenza di calcolo che gli scienziati utilizzano per far progredire molti campi, tra cui la scienza dei materiali, la previsione del clima, la genomica, la scoperta di farmaci e l’energia alternativa. I nodi accelerati sono importanti anche per addestrare la rete neurale AI attualmente utilizzata in attività come il riconoscimento vocale, la traduzione linguistica e i sistemi di raccomandazione di esperti, con usi promettenti simili nel prossimo decennio. L’obiettivo di moltiplicare per 30 consentirebbe di risparmiare miliardi di chilowattora di elettricità entro il 2025, riducendo l’energia necessaria a questi sistemi per completare un calcolo del 97% in cinque anni.


“Raggiungere miglioramenti nell’efficienza energetica del processore è una priorità di progettazione a lungo termine per AMD e ora stiamo stabilendo un nuovo obiettivo per i nodi di elaborazione moderni che utilizzano CPU e acceleratori ad alte prestazioni quando applicati alla formazione e alle implementazioni dell’IA”, ha affermato Mark Papermaster, Vice President High Performance Computing, CEO e Chief Technology Officer di AMD.

“Concentrandosi su questi settori critici e sulla proposta di valore per le aziende leader per migliorare la loro gestione dell’ambiente, l’obiettivo di AMD è 30 volte le prestazioni di efficienza energetica del settore in queste aree del 150% rispetto al precedente periodo di cinque anni”.


“Con il computing che sta diventando onnipresente dall’edge-to-core al cloud, AMD ha preso una posizione audace sull’efficienza energetica dei suoi processori, questa volta per il calcolo accelerato per le applicazioni AI e il calcolo ad alte prestazioni”, ha affermato Addison. Snell, CEO di Intersect360 Research.

“I guadagni futuri sono più difficili ora che i vantaggi storici derivanti dalla legge di Moore sono diminuiti in modo significativo. Migliorare l’efficienza energetica 30 volte in cinque anni sarebbe un risultato tecnico notevole che dimostrerà la forza della tecnologia di AMD e la sua attenzione alla sostenibilità ambientale”.


L’aumento dell’efficienza energetica nelle applicazioni IT accelerate fa parte dei nuovi obiettivi ambientali, sociali e di governance (ESG) dell’azienda che riguardano operazioni, catena di fornitura e prodotti. Per più di 25 anni, AMD ha riferito in modo trasparente sulle proprie prestazioni e gestione ambientale. A causa dei suoi recenti risultati nell’efficienza energetica dei suoi prodotti, AMD è stata inclusa nell’elenco Change the World 2020 di Fortune, che riconosce gli sforzi eccezionali delle aziende per soddisfare i bisogni insoddisfatti della società.