domenica, Giugno 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Angeles Barrios: “La Spagna deve guidare lo spazio europeo dei dati sanitari”

A fine aprile, il Parlamento Europeo ha appena approvato la creazione dello Spazio Europeo dei Dati Sanitari, una rivoluzione nel campo della sanità che porterà numerosi vantaggi una volta sviluppata. Ma ora la chiave sta in questo sviluppo e la Spagna deve guidare questo processo perché è nella posizione di farlo. Lo ha spiegato venerdì a Meres, nel corso del 24° Congresso dell’Associazione per la Qualità Sanitaria del Principato delle Asturie, Angela Barrios, Responsabile delle Relazioni Istituzionali di EIT Health Spain, l’“hub” regionale di EIT Health, che fa parte del Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (EIT), uno degli organismi dell’Unione Europea. L’esperto conferma che “la Spagna ha capacità uniche per guidare questo spazio europeo di dati sanitari perché è tra i primi cinque paesi in Europa nel campo della digitalizzazione dei dati ed è anche leader mondiale nella ricerca clinica, e ha diverse strategie e programmi al livello livello globale.” Pubblico, nonché con finanziamenti per promuovere la trasformazione digitale per il sistema sanitario.

Barrios ha sottolineato che la Spagna ha esperienza con il sistema sanitario pubblico, “anche se le autorità sanitarie sono decentrate nelle comunità autonome, questo è un vantaggio perché stiamo parlando di coordinamento tra tutti i paesi dell’UE”.

I dati sanitari sono un’enorme fonte di informazioni. Da un lato, questo “spazio unico europeo” consentirà a qualsiasi viaggiatore di essere curato ovunque in Europa con il medico che avrà accesso alla sua storia medica, il che migliorerà senza dubbio in modo significativo tali cure. Ma il portavoce ha spiegato: “Oltre a migliorare la qualità delle cure, la condivisione dei dati consente progressi significativi nell’innovazione e nella ricerca”.

READ  WhatsApp: risparmia spazio nell'app senza eliminare nulla | Bufala 2023 | nnda | nnni | dati

I dati ci sono, ogni sistema sanitario, anche ogni centro ospedaliero, ha un proprio fascicolo, ma se quei dati non vengono condivisi e i fascicoli non sono collegati, allora è “su isole che non so esistano” che non si per questo motivo la nuova normativa europea, che dovrà essere elaborata, mira “non solo a consentire al paziente di spostarsi in Europa con i propri dati, con una sintesi della sua storia clinica, ma anche per poter condividere e accedere a questi dati attraverso diversi sistemi sanitari ed enti dedicati alla ricerca”, ha aggiunto l’esperto. Tutto ciò “è conforme a tutta la legislazione attuale sulla protezione dei dati”.

Questa interconnessione dei dati sanitari, con trasparenza, a livello europeo, è stata della massima importanza alla luce della pandemia di Covid, perché “oltre ad avere dati di milioni di pazienti, ci consente di prevedere, diagnosticare e curare meglio la malattia .” In modo più efficace e personalizzato, ci consente anche di anticipare le situazioni di crisi monitorando questi dati condivisi in tutta Europa.

La sessione del venerdì pomeriggio, alla quale ha partecipato Angela Barrios, era su “Sfide e opportunità dell’intelligenza artificiale nel settore sanitario”. Per lei, “l’intelligenza artificiale e lo sviluppo di strumenti di elaborazione dati sono la combinazione perfetta per questo nuovo spazio unico”, motivo per cui chiede “un uso più efficace e diffuso di questi strumenti”.

A quel punto, ha osservato che l’intelligenza artificiale è stata utilizzata per molti anni in medicina, in specialità come la radiologia, ma ora deve “fornire strutture agli imprenditori per sviluppare nuove soluzioni e per queste soluzioni, in questo caso legate all’elaborazione dei dati sanitari, per raggiungere il mercato”.

READ  Photoshop: come rimuovere oggetti dalle foto?

L’Unione Europea si trova ora ad affrontare la sfida di regolamentare questo spazio unico per i dati sanitari perché “molte aziende stanno sviluppando applicazioni sanitarie, cercando nuovi dispositivi medici e utilizzando l’intelligenza artificiale, ma ciò che è necessario è implementare correttamente il regolamento”.

A questo punto, nello sviluppo dell’organizzazione, la Spagna, grazie alla sua esperienza, può svolgere un ruolo molto importante. Naturalmente la prima cosa da fare è risolvere il problema dei dati sanitari nella sanità privata, che non vengono condivisi con la sanità pubblica. “Ci sono sempre più spagnoli nella sanità privata e questi dati non devono andare perduti, hanno un valore inestimabile”, secondo Barrios.

L’esperto ha sottolineato che “la Spagna è in una posizione molto avanzata” per guidare questo processo, e ha spiegato che “gli unici paesi che dispongono di una sintesi digitale della storia medica che sarà utilizzata a livello europeo sono la Spagna e l’Estonia, e ci sono posti come La Germania nel mondo.” Non esiste la ricetta elettronica. Per questo motivo il sistema europeo deve essere standardizzato perché non ha senso che uno spagnolo o un estone abbiano un riassunto digitale della propria storia medica se arrivano in un ospedale in Francia o in Italia e non sanno come leggere quei dati.

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles