Gennaio 31, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Annie Ernault, premio Nobel per la letteratura. colloquio

il Premio Nobel letteratura 2022, Annie Ernoha assicurato il riconoscimento del suo lavoro dall’Accademia svedese È un segno di speranza per tutti gli scrittori Da allora, dice, a molti uomini “I libri scritti da donne semplicemente non esistono e non vengono mai citati”.

Così si è espressa mercoledì l’autrice (Lilbon, 82 anni) nel suo discorso di accettazione del Premio Nobel per la letteratura presso la sede dell’Accademia svedese a Stoccolma.

Era il 6 ottobre quando lo scrittore francese vinse il premio Nobel per la letteratura per “Il coraggio e l’acutezza clinica con cui scopre le radici, gli allineamenti e i limiti collettivi della memoria personale”. La decisione della giuria ha reso questa descrizione della sua letteratura, principalmente autobiografica e intima.

Nel suo discorso, l’autrice ha confermato che le persone chiedono ancora di lei Il posto che le donne occupano in campo letterario e lamentavano che la loro legittimità nella produzione di opere “non è stata ancora guadagnata”.sebbene sia stato recentemente riconosciuto.

Nel processo di illuminazione della società ineffabile, quell’assimilazione dei rapporti di classe e/o di dominio razziale, e anche di genere, che è avvertita solo da chi ne è il soggetto, sta la possibilità della liberazione individuale e collettiva nonché la reale mondo spogliandolo di visioni e valori. Portato dal linguaggio, qualsiasi linguaggio, sta perturbando l’ordine esistente, minando le gerarchie”, ha sottolineato Ernault.

Secondo lui, il premio Nobel lo è “vittoria collettiva” che condivide con quanti “vogliono maggiore libertà, uguaglianza e dignità per tutti gli esseri umani, indipendentemente dal genere, genere, pelle e cultura”. Lo condivide “con chi pensa alle generazioni future, a proteggere la Terra che l’avidità di pochi continua a rendere sempre meno abitabile per tutti i popoli”.

READ  Chi è Difda? Tutto sui passi musicali del fratellino di Natalia Lacunza | Musica

A questo proposito l’autrice ha voluto concludere la sua supplica ricordando una promessa fatta quando aveva vent’anni. Questo consisteva nella “vendetta” della sua razza. E l’autrice sottolinea che “non posso dire” se l’ha rispettata perché tra i suoi antenati c’erano “uomini e donne che hanno lavorato duramente sui compiti che hanno causato la loro morte presto”, ha detto. La forza e la “furia” del desiderio di lasciare il posto alla letteratura.

“iscriversi La mia voce di donna e dissidente in quello che è sempre stato dipinto come un luogo di liberazione, la letteratura”si è risolto.