Settembre 17, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Apple rende le regole di pagamento più flessibili nel suo App Store

Apple ha accettato di consentire agli sviluppatori di app per iPhone di inviare e-mail ai propri utenti su modi più economici per pagare abbonamenti e media digitali aggirando il sistema di commissioni da miliardi di dollari all’anno del produttore.

La sovvenzione annunciata giovedì sera, che copre le notifiche e-mail ma non consente le notifiche in-app, fa parte di un accordo preliminare di un caso giudiziario di quasi due anni presentato per conto degli sviluppatori di app per iPhone negli Stati Uniti. Si tratta anche di un caso sollevato da un giudice della corte federale che dovrebbe pronunciarsi presto in un caso separato da lei portato Giochi epiciFamoso produttore di videogiochi È un gioco elettronico.

Apple ha fatto l’annuncio in breve con i giornalisti, insistendo sull’anonimato dei dirigenti partecipanti e non consentendo alcuna citazione diretta.

Apple e Google vogliono portare i contenuti di rete nel salotto di casa nostra.

Secondo le vecchie regole di Apple, ai produttori di app per iPhone era vietato inviare e-mail agli utenti con informazioni su come pagare i servizi al di fuori dell’app, il che potrebbe superare la commissione del 15%-30% di Apple.

Il franchising ora apre la strada agli sviluppatori di app per incoraggiare in modo più aggressivo gli utenti a pagare in altri modi, purché le aziende ottengano l’approvazione dei consumatori.

Apple creerà anche un fondo di 100 milioni di dollari per pagare migliaia di sviluppatori di app coinvolti nella causa, importi che vanno da 250 a 30.000 dollari. Gli sviluppatori otterranno maggiore flessibilità nell’impostazione di prezzi diversi all’interno delle loro app, espandendo le opzioni da circa 100 a 500 opzioni.

Il compromesso affronta le preoccupazioni che il giudice distrettuale degli Stati Uniti Yvonne Gonzalez Rogers ha ripetutamente sollevato mentre presiedeva un processo Epic-Apple di alto profilo. Tutti si sono sinceramente chiesti perché Apple non possa consentire agli sviluppatori di offrire una varietà di opzioni di pagamento all’interno delle loro app, proprio come i rivenditori tradizionali possono offrire una varietà di carte di credito diverse che accettano oltre ai contanti.

READ  Il petrolio del Texas è sceso del 2,6% per chiudere a 66,48 dollari al barile

Apple continua a non consentire agli sviluppatori di utilizzare le notifiche in-app per incoraggiare i consumatori a esplorare diverse opzioni di pagamento.

Ma solo essere in grado di inviare e-mail agli utenti per spiegare perché dovrebbero pagare dall’app è un enorme passo avanti per gli sviluppatori che si sono lamentati delle commissioni Apple come forma di aumento dei prezzi per anni.

Richard Czeslavsky, uno degli sviluppatori di app che ha portato la causa che Apple sta risolvendo, ha salutato la libertà di inviare e-mail agli utenti come un “punto di svolta” in un campo di dichiarazione in un tribunale di Oakland, in California. Czeslavsky, CEO di Pure Sweat Basketball, ha previsto che gli sviluppatori di app “sfrutteranno questo cambiamento nelle comunicazioni con i clienti come un modo per ridurre ulteriormente le commissioni pagate ad Apple”.

Apple ha già manipolato il suo sistema di commissioni dell’App Store in risposta alla pressione legale e al maggiore controllo da parte dei legislatori e delle autorità di regolamentazione di tutto il mondo, che stanno esaminando attentamente se la stretta presa dell’azienda sullo Store funziona o meno, soffocando la concorrenza e l’innovazione.

All’inizio di quest’anno, Apple ha ridotto le sue commissioni in-app dal 30% al 15% per gli sviluppatori con meno di 1 milione di dollari di reddito annuo, una mossa che copre la maggior parte delle app nel suo Store. Come parte dell’accordo annunciato giovedì, Apple garantisce che la bassa commissione per i piccoli sviluppatori continui per almeno altri tre anni.

Ma le basse commissioni non stanno aiutando i grandi creatori di app come Epic e Spotify, leader di un’alleanza che cerca di abbattere il cosiddetto giardino recintato di Apple che impedisce agli estranei di offrire altre opzioni. Apple sostiene che impedisce ai negozi alternativi di offrire app su iPhone per proteggere la sicurezza e la privacy dei propri clienti, mentre i suoi critici affermano che l’azienda sta semplicemente cercando di proteggere il flusso di entrate che genera miliardi di dollari di profitti. annualmente.

READ  Questo post su Twitter non è più gratuito per fare soldi

Connettiti con Voice of America! Iscriviti al nostro canale Youtube attivare le notifiche; Oppure seguici sui social: Sito di social network Facebooke Twitter NS Instagram.