Novembre 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Apre il dialogo su immigrazione e maternità nel film “Santa Barbara”.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ott 2022 – 03:33

Morelia (Messico) 27 ottobre (EFE). – La regista spagnola Anas Barreto ha trovato inimmaginabile l’idea della distanza che le madri immigrate hanno percorso dai loro figli per anni e, nel tentativo di capirla, ha realizzato il film “Santa Barbara”, la storia della riunione di madre e figlio.

“È stato un lungo processo per dire: ‘Essere una madre non è ciò che ti distingue, non è qualcosa che permea tutti i tuoi bisogni, è stato un po’ liberarti del romanticismo, anche se molto importante e unico, ma essere un donna’”, ha detto Barreto a EFE in una conferenza giornalista “Le donne non sono solo una madre”.

Il film di Pareto è uno dei dieci lavori nella selezione di lungometraggi messicani al Morelia International Film Festival (Messico), otto dei quali sono stati prodotti da donne.

In questo lavoro esplora i legami tra madri e famiglie che sono state colpite dal fenomeno sociale della migrazione e che hanno dovuto lasciare i propri figli nei paesi di origine per inviare loro denaro e dare loro accesso a una vita migliore.

“Volevo esplorare cosa è successo a quelle madri e bambini che non vedono i loro figli da più di dieci anni, cosa succede a quel legame apparentemente indissolubile? Cosa succede a questo figlio?”, ha detto il regista.

Questo tema si riflette nel film nella storia di Barbara, una donna latinoamericana che ha lasciato il suo paese e due bambini nel suo paese d’origine per vivere in Spagna.

L’allontanamento quotidiano dai parenti viene interrotto quando il figlio si mette nei guai e la madre deve portarlo fuori dal paese e portarlo con sé.

READ  Cos'è BeReal e come funziona questo social network basato sulla spontaneità?

Pareto vuole che le persone, e anche se stessa, smettano di giudicare la maternità di queste donne, spesso accusate di “cattive madri”, per la loro incapacità di avvicinarsi ai figli, e cerchino di trovare la parte più umana nella situazione.

“Penso che nel caso degli uomini (migrazione) sia visto come un atto di eroismo, sacrificio, coraggio e così via, quindi perché nel caso delle donne tendiamo a vederla diversamente?” , ha confermato la protagonista, Annabel Castagne.

L’attrice afferma anche di aver vissuto direttamente il dolore della separazione di una persona cara a causa della ricerca di migliori opportunità, poiché suo padre è emigrato negli Stati Uniti e non ha potuto vederlo per 16 anni.

Ora, ha continuato a immigrare a causa del suo lavoro e la madre ammette anche di essere riuscita a capire che svolgerà questo ruolo in un modo migliore purché sia ​​fedele a se stessa e non soffra della maternità per la frustrazione. Dovendo mettere in pausa i tuoi interessi.

“Siamo esseri multidimensionali, abbiamo bisogno di fare molte cose, e per me, questo è ciò che Barbara mi ha mostrato nella misura in cui accetto me stesso, il mio ambiente lo accetterà”, ha spiegato.

Il film fa parte di una raccolta di lungometraggi iscritti alla FICM che quest’anno esplorano temi come la maternità, lasciando da parte il romanticismo. EFE

signor / afs / ics

(foto) (video)

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.