Maggio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Arco riprende il ritmo delle vendite nonostante la pandemia e la guerra in Ucraina | civiltà

I primi tre giorni di Arco Chiudono oggi, venerdì, prima dell’arrivo del pubblico non specializzato, con quel senso di disturbo dell’umore ciclico che rappresenta la pandemia. Mercoledì, l’euforia si è percepita nel continuo movimento laterale della fiera d’arte contemporanea poiché collezionisti, buyer e intenditori che arrivano a Ifema sono intrappolati dalle nuove canzoni della normalità nell’edizione 40+1. Di solito il primo giorno è il giorno in cui si verificano più transazioni ed è quanto mostrato dai proprietari della galleria. Da giovedì questa sensazione non è scomparsa ma è accompagnata da ansia e ansia La guerra in Ucraina. L’intervento militare russo influenzerà il mercato dell’arte? Secondo i primi dati sugli acquisti delle istituzioni spagnole e sui sentimenti dei galleristi, al momento la risposta è no. O forse è troppo presto per dirlo e Arco non sarà dove si presenterà.

Museo Reina SofiaHa acquistato, tramite il ministero della Cultura, 16 opere che aumenteranno di 370mila euro i fondi della sua collezione permanente. Nell’estate del 2021, in occasione di uno speciale invito Arco tenuto in date insolite per la mostra, con meno presenze in showroom e forti restrizioni, La fondazione culturale ha speso meno di 300.000 euro. In questa edizione, i pezzi sono stati acquisiti da 15 artisti, la maggior parte dei quali spagnoli.

In questi acquisti c’è una chiara impronta dell’idea che ha colpito Manuel Borja Villel, Direttore di Reina Sofía Riorganizzazione della collezione permanente che ho presentato a fine 2021 Con, diciamo, 36 foto in bianco e nero della serie Espresso antifascista (1936). Antoni Campañà documenta il processo dei graffiti con messaggi politici sui treni spagnoli di artisti antifascisti. Questa essenza appare anche nel lavoro della giovane donna Eva Fabregas (Barcellona, ​​1988), le cui sculture recenti fondono la cultura del benessere o le sottoculture terapeutiche nei social network. Ad ogni modo, c’è un riflesso della cultura popolare, in due momenti storici diversi, che per un direttore di museo dovrebbe essere una delle risorse primarie per una pinacoteca pubblica per cercare di spiegare il tempo in cui viviamo.

READ  Lo scrittore Christian Alarcón ha ricevuto il Premio Alfaguara 2022 per la narrativa

Reina Sofía acquistò anche le opere di Miguel Benloch, Patricia EsquiviasE il Patricia Gomez, Maria Jesus Gonzalez, Federico Guzmán, Agustin Ibarola, Concha Jerez, Anthony Miralda e l’artista multimediale filippino Cian Diret (Manila, 1989), tra gli altri.

La Comunità di Madrid ha speso 405.000 euro, rispetto ai 130.000 euro dell’edizione di luglio, in opere per un gruppo CA2M, Museo d’Arte Contemporanea di Móstoles. Nella selezione c’è un mix di artisti storici come Darío Villalba, Walter Marchetti, Soledad Sevilla o Marisa González e altri artisti contemporanei. Il governo regionale ha completato il catalogo degli artisti nell’ambito della programmazione del museo con Francesc Ruiz, Javier Autry o Renate Lorenz e Pauline Baudry. Aggiunto il lavoro dell’artista colombiano Ivan Argot, che ha presentato ad Arco prestazione Quello che ha fatto a Madrid quando ha camminato i giorni prima della fiera Una replica della statua di Colombo per le strade della capitale. Il Comune di Madrid ha acquistato quattro opere del valore di 56.870 euro per il Museo di Arte Contemporanea.

Tutta la cultura che ti accompagna ti sta aspettando qui.

Sottoscrizione

Tra i galleristi consultati e in assenza di dichiarazioni ufficiali, un senso di gioia è stato il ritorno a una vita normale che non esisteva nel luglio 2021, nonostante la loro celebrazione che Arco è stata una delle poche gallerie al mondo che è riuscita a fare così. Non cancellare nessuna edizione durante la pandemia. L’organizzazione non ha fornito cifre, ma ha fornito un elenco di importanti acquirenti, tra cui anche TBA21 Thyssen-Bornemisza Art Contemporary, che è stato realizzato con le opere, tra gli altri, di Kader Attia, Jacopo Castellano, Regina de Miguel e Teresa da soli. La Fondazione Maria Cristina Masafio Peterson ha acquistato le opere di Remigio Mindiboro, Anthony Tapis, Glenda Leon e Ignasi Appalle, Presidente del Padiglione della Spagna alla prossima Biennale di Venezia. DKV Seguros, Mariano Yera Group e María José Jove Foundation si uniscono agli acquisti.

READ  YouTube lascia Roku e la battaglia arriva al Congresso

“Le acquisizioni istituzionali sono state confermate. Forse noto una riluttanza leggermente maggiore a confermare qualsiasi processo speciale”, spiega il gallerista Jose de la Mano. Helga de Alver, ad esempio, ha raccontato il primo giorno in cui ha acquistato otto opere per il suo museo a Caceres, tra cui una serigrafia di Donald Judd di Elvira Gonzalez. Per 190mila euro, opere di Ines Medina e una scultura di Sabiro a Cayon. La proprietaria della galleria sperava di comprarne di più. “Sono molto cattiva”, ha detto con un sarcasmo e un sorriso che era difficile da trovare nel 2021 con vendite dovute al minor numero di acquirenti esteri a causa delle restrizioni alla mobilità.