Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Arm” aumenta il prezzo della sua offerta pubblica iniziale e offre le sue azioni per la sottoscrizione pubblica per un valore di oltre 55 miliardi di dollari |  Economia

“Arm” aumenta il prezzo della sua offerta pubblica iniziale e offre le sue azioni per la sottoscrizione pubblica per un valore di oltre 55 miliardi di dollari | Economia

Softbank ha valutato l’offerta pubblica fino al 10% del capitale della società di microprocessori Arm a 52 dollari per azione. A causa della forte domanda degli investitori, il prezzo è leggermente superiore all’intervallo indicativo e non vincolante compreso tra $ 47 e $ 51 inizialmente annunciato. Implica una valutazione aziendale di poco più di 53,3 miliardi di dollari. Se consideriamo i titoli non ancora emessi per i bonus ai dirigenti e altre passività, la valutazione implicita sarebbe superiore a 55.000 milioni di euro (circa 51.300 milioni di euro).

Advanced Micro Devices (AMD), Apple, Cadence Design Systems, Google, Intel, MediaTek, Nvidia, Samsung, Synopsys e TSMC Partner hanno espresso interesse ad acquisire fino a 735 milioni di dollari di capitale nella transazione. Come mostrato nella brochure del braccio.

SoftBank, che controlla il 100% della società, offrirà inizialmente 95,5 milioni di titoli, pari al 9,4% del capitale. Questo numero potrà aumentare di altri 7 milioni di indirizzi qualora venisse esercitata la prevista opzione di oversubscription, nel qual caso la sottoscrizione raggiungerebbe circa il 10% del capitale.

SoftBank ha pagato 32 miliardi di dollari per acquisire Arm nel 2016. Poi, la pressione normativa ha fatto naufragare la vendita dell’azienda a Nvidia, concordata nel 2020 per 40 miliardi di dollari. Il gruppo giapponese aveva intenzione di rilevare Arm dopo il fallimento della vendita, e ora approfitta della febbre degli investimenti azionari legati in qualche modo all’intelligenza artificiale.

Intel, AMD, Nvidia e Qualcomm sono tra le aziende che utilizzano i progetti dell’azienda tecnologica britannica per sviluppare i loro prodotti. La società stima che “quasi il 70% della popolazione mondiale utilizza prodotti basati sulle armi”, secondo il prospetto dell’operazione. Grazie al basso consumo energetico e alla potenza dei chip che progettano, sono ideali per i telefoni cellulari intelligenti, dove la loro nicchia è quasi esclusiva. Poiché questo mercato è un po’ stagnante, l’azienda sta scommettendo su altri settori come il cloud computing e le auto a guida autonoma.

READ  Preferisce produrre chip più costosi piuttosto che aumentare il volume di produzione

Le vendite di Arm sono leggermente diminuite (da 2.703 milioni di dollari a 2.679 milioni di dollari) nell’anno fiscale terminato il 31 marzo, in particolare a causa delle minori vendite di smartphone. I profitti sono scesi del 4,5% a 524 milioni di dollari. All’inizio dell’anno, le vendite sono scese del 2,5% a 675 milioni di dollari e gli utili sono scesi del 54% a 105 milioni di dollari, nel trimestre chiuso il 30 giugno, sempre secondo i dati del libretto di collocamento.

Barclays, Goldman Sachs, JPMorgan e Mizuho fungeranno da coordinatori globali dell’operazione. Tra le 30 banche partecipanti all’IPO c’è la spagnola Banco Santander, che è uno dei principali sottoscrittori attraverso la sua controllata Santander US Capital Markets.

[Noticia de última hora. Habrá actualización en breve]

Segui tutte le informazioni Economia E un lavoro In Facebook E Twittero nel nostro Newsletter settimanale

Programma dei cinque giorni

Le quotazioni economiche più importanti del giorno, con chiavi e contesto per comprenderne la portata.

Ricevilo nella tua email