Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Arrivano in Italia i campi scuola per bambini ucraini

Nella seconda metà di agosto in Lombardia e Toscana due gruppi di minori sono invitati a trascorrere dieci giorni di vacanza, lontano dalle bombe del conflitto che dura da quasi sei mesi. La Caritas Italiana ha accolto la richiesta delle controparti ucraine e ha individuato strutture nella provincia di Brescia e Sondrio oltre che a Volterra. Molte famiglie si sono preparate ad aiutare, ma sarà necessaria anche la scuola per i giovani

Antonella Palermo – Città del Vaticano

La guerra in Ucraina sta avendo un impatto particolarmente devastante su famiglie e bambini. La Caritas Italiana ha subito risposto alla richiesta di due Caritas del Paese occupato, Caritas Spes e Caritas Ucraina, di ospitare durante l’estate un gruppo di minori ucraini.

Campi scuola in Lombardia e Toscana

“È preoccupante sapere che stiamo perdendo la nostra generazione futura”, ha detto a maggio padre Vyacheslav Grynevych, direttore di Caritas Spes. Del resto i bambini sono più vulnerabili che mai e corrono il rischio di dimenticare la dimensione scolastica e ricreativa della loro età, proprio a causa della guerra durata quasi sei mesi. Coordinata con la rete internazionale, Caritas Italiana è vicina alla popolazione colpita, e supporta i colleghi dei paesi limitrofi nell’accoglienza dei rifugiati, garantendo le misure necessarie per far fronte ai bisogni più urgenti. Grazie alla disponibilità di varie diocesi, contribuisce all’accoglienza dei visitatori in Italia. Pertanto, in Lombardia e Toscana, 192 minori di età compresa tra 1 e 18 anni troveranno alloggio temporaneo con i propri accompagnatori: il primo gruppo sarà in Italia dal 16 al 26 agosto: 115 (99 minori) avranno meno di 8 anni. e 18 persone, di cui 16 educatori, alloggeranno presso Casa Vacanze Occhi a Vezza d’Oglio, Diocesi di Brescia, poi altri 41 minori e 6 educatori andranno al Centro Professionale Cfp “Vallesana” di Sondalo. ), nella Diocesi di Como dal 20 al 30 agosto, e 102 persone (93 bambini) rimarranno in Lombardia. In Toscana «è stato attivato il vescovo di Massa Marittima», riferisce Laura Stoboni di Caritas Italiana, «ed è stato trovato ricovero in una casa di villeggiatura a Volterra.

READ  SITP ha perso il controllo di passare sotto un ponte e ha causato un terribile incidente a Bogotà

L’apertura di molte famiglie italiane

“Per le persone che ci vivono, il volontariato per aiutare può essere molto prezioso”, continua Laura, che avverte della necessità di organizzare in futuro altre iniziative simili. “Tante realtà, tante famiglie, si sono aperte all’accoglienza. Adesso c’è tutta una serie di domande su come gestire la frequenza scolastica”. A questo proposito, padre Grynevych ha affermato che “c’è anche un grande divario nell’istruzione; la guerra ha peggiorato le cose. Anche se almeno per molti è garantita la formazione a distanza, non è la stessa cosa che stare a scuola e vivere”. Questo ha portato al problema dei profughi, per lo più donne e bambini, che sono arrivati ​​mesi fa e avevano programmato di rimanere in Italia. “La situazione è ancora in sospeso per molte famiglie che sono arrivate in Italia – continua Stoboni – stanno vivendo una grande ansia perché non sanno proprio cosa fare e la guerra non accenna a fermarsi”.

L’aiuto della Caritas in Ucraina

Il progetto Caritas è stato possibile grazie alla collaborazione con Agli e al sostegno delle cooperative di credito. Di fronte a un lungo viaggio, i giovani che arriveranno in autobus avranno l’opportunità di trascorrere un periodo di tempo in sicurezza e tranquillità, fuori dal tragico ambiente di guerra in cui è inghiottito il loro Paese, in attesa del loro sollievo psicologico. Aiutali a costruire fiducia nel futuro. Sarà una preziosa occasione di incontro e di arricchimento per le comunità ospitanti, vitale e stimolante. Intanto crescono le richieste di aiuto e Caritas Ucraina si sta adoperando per fornire una risposta capillare in tutto il Paese. Caritas Ucraina ha 42 centri Caritas, 448 centri parrocchiali e 129 centri di accoglienza per le vittime della guerra. Caritas Spes gestisce più di 15.000 strutture (centri di accoglienza, mense, ecc.) in alcune delle principali regioni, 2 centri per la raccolta e lo stoccaggio di beni umanitari, a Lviv e Mukachevo, e 6 centri regionali per lo stoccaggio e la classificazione dei beni umanitari. , 24 centri di distribuzione locali per gli aiuti umanitari, un call center dedicato all’orientamento delle persone che rientrano in Ucraina. Caritas Ucraina e Caritas Spes hanno finora fornito riparo e riparo, protezione, cibo e generi di prima necessità, acqua e servizi igienici e assistenza medica a circa 3,4 milioni di persone.

READ  Si tratta di una spettacolare dimora situata su una scogliera in Sardegna