Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Arriverà una recessione? Gli investitori cercano risposte nei risultati aziendali

Bloomberg – Recessione imminente, inflazione scatenata, crisi energetica europea e euro scesi vicino al dollaro: gli utili aziendali di tutto il mondo stanno affrontando una serie di sfide in questa stagione che potrebbero creare un altro motivo per scaricare le azioni.

Dopo la turbolenta prima metà delle azioni globali, in cui sono stati spazzati via 18 trilioni di dollari di valore, Gli investitori sono ansiosi di vedere se gli utili reggono o se le società tagliano le loro previsioni a causa delle crescenti minacce alla domanda. Le aziende possono trarre vantaggio dalle cupe prospettive economiche per essere più prudenti di quanto non siano state altre volte riguardo al futuro.

Con una rara divergenza di opinioni, gli analisti di Wall Street sembrano ritenere che le aziende siano in una posizione abbastanza forte per trasferire costi più elevati sui consumatori.Ma gli strateghi – i più cauti eppure finora sbagliati nelle loro previsioni per il 2022 – non sono convinti. Hanno tutte le ragioni per esitare, poiché il contesto macroeconomico si deteriora a causa dell’aumento dei prezzi, dei tassi di interesse più elevati e della minore fiducia dei consumatori.

“È curioso che quando tutti parlano di una possibile recessione, le aspettative sugli utili degli analisti siano aumentate negli ultimi mesi piuttosto che inferiori”, ha affermato Anneka Treon, amministratore delegato di Van Lanschot Kempen. “Non ha senso ed è per questo che questa stagione di guadagni è così importante in termini di margini di profitto. e commenti della direzione sulle ultime tendenze della domanda che vedono”.

Si prevede che l’energia sarà il settore più grande poiché i produttori di petrolio e i minatori hanno beneficiato dell’aumento dei prezzi durante la guerra in Ucraina. Tuttavia, le aspettative di giganti come Exxon Mobil Corp. e Shell PLC. Saranno fondamentali dopo che i prezzi del petrolio saranno scesi a circa $ 100 al barile. Per tutti gli altri settori, prezzi più elevati delle materie prime significano bollette energetiche più elevate, confondendo il quadro generale dei profitti.

READ  Suggerimenti e concetti per iniziare a fotografare

E mentre le stime del margine netto sono ancora in bilico intorno ai massimi storici, emergono crepe. Viene visualizzato un indicatore di Citigroup Inc.. Le riduzioni dei profitti globali superano i miglioramenti a un ritmo sempre crescente.

Con il sentimento del trader azionario già pessimistico, ecco cinque cose da tenere d’occhio nella stagione degli utili del secondo trimestre che potrebbero determinare se c’è una ripresa o un calo verso nuovi minimi.

Danni da inflazione

Per quanto riguarda la forza dei prezzi, le società di beni di lusso sono ben posizionate grazie alla forte domanda, secondo Morgan Stanley, secondo cui Kering SA, proprietaria di Gucci, ha aumentato alcuni prezzi del 7% il mese scorso rispetto a febbraio. Ma ciò potrebbe essere messo sotto pressione se il feedback della direzione indicasse che il sentimento di cedimento si traduce in un calo della domanda, secondo gli strateghi.

I tagli agli interessi hanno superato i miglioramenti negli Stati Uniti e in Europa.  dd

Questo preoccupa l’intero settore dei consumatori. Il brusio degli allarmi di recessione può innescare un cambiamento nel comportamento delle famiglie, limitando il potere dei prezzi e la capacità di proteggere i margini. Alcuni investitori scommettono che le grandi aziende tecnologiche, con le loro dimensioni, sono in una posizione migliore per sostenere la crescita e assorbire la pressione.

Marija Wittmann, capo stratega di State Street Global Markets, ha affermato che poiché i consumatori riducono le materie prime più economiche che inizialmente hanno margini di profitto inferiori, è probabile che le aziende che vendono al mercato di massa abbiano maggiori difficoltà.

Anche le banche, che in genere beneficiano di rendimenti reali più elevati, avranno difficoltà, ha affermato Wittmann, perché “l’appiattimento della curva dei rendimenti può annullare i vantaggi di tassi di interesse più elevati e mantenere bassi i margini”. Tuttavia, non tutti hanno una tendenza al ribasso in questo settore, hanno affermato i senior fund manager di Amundi SA e BlackRock Inc.. Il mese scorso le banche europee in particolare erano attraenti.

‘processo di stagnazione’

Con il calo delle azioni in coincidenza con il recente calo dei rendimenti dei Treasury e dei prezzi del petrolio deboli, gli investitori si sono già messi nel “commercio di recessione”.

READ  MINI Ricaricata: el Mini classico con motore elettrico

Potrebbero essere ansiosi di sapere cosa hanno da dire le aziende sul resto dell’anno, ma stanno già accumulando denaro e si nascondono in obbligazioni. Nella sola settimana del 6 luglio, sono stati incassati quasi 63 miliardi di dollari in contanti, mentre i fondi azionari globali hanno registrato rimborsi per 4,6 miliardi di dollari.

È sempre più difficile evitare di sentire parlare dei rischi di recessione ddfd

Gli Stati Uniti sono già in recessione, ha detto mercoledì il direttore di Home Depot Ken Langone, aggiungendo la sua voce alla serie di opinioni che già esistono.

“Alcune aziende potrebbero utilizzare il pessimismo pubblico come copertura per eventuali cattive notizie in agguato nell’ombra”, ha affermato Danny Hewson, analista finanziario di AJ Bell.

“Un quarto della crisi è possibile”, afferma Thomas Hayes, presidente di Great Hill Capital LLC, anche se osserva che se così fosse, più aziende avrebbero abbassato le proprie previsioni.

Crisi cinese

In Cina, le aspettative di dozzine di rapporti preliminari sugli utili, principalmente da società di materiali ed energia, erano positive, ma in questa stagione sarà fondamentale esaminare attentamente le aree più colpite dalle restrizioni legate ai virus. Le stime degli utili per le società quotate sono state abbassate nei primi cinque mesi dell’anno, abbassando la crescita implicita degli utili per il 2022 al 22% dal 31%, Secondo gli analisti di Haitong Securities, tra cui Xun Yugen.

La corsa della Cina rallenta mentre gli investitori esaminano i profitti delle chiusure

Secondo gli analisti di Northeast Securities, i materiali da costruzione e l’acciaio dovrebbero essere tra i maggiori perdenti, a causa del rallentamento delle vendite di case e dei ritardi nella costruzione, mentre anche le imprese di consumo potrebbero essere colpite dalle restrizioni Covid.

Queste azioni interessano anche società statunitensi come Starbucks Corp. e Canada Goose Holdings Inc. Alla fine di giugno, Nike ha fornito una previsione ribassista per l’intero anno, citando una chiusura in Cina. Le misure che interessano le fabbriche in Cina hanno effetti di ricaduta anche altrove, incidendo sulle catene di approvvigionamento e sulla disponibilità di componenti e materie prime.

READ  GKN Aerospace, fornitore di strutture e componenti per i nuovi jet privati ​​Gulfstream

Il problema energetico dell’Europa

Secondo i dati di Bloomberg Intelligence, gli utili delle società energetiche S&P 500 dovrebbero più che triplicare nel secondo trimestre. Ciò si confronta con una media del 4% per tutte le società S&P.

Sebbene i prezzi del petrolio si siano nuovamente indeboliti di recente, gli strateghi di JPMorgan Chase & Co e UBS Global Wealth Management rimangono rialzisti sul settore.

Ma con l’Europa impantanata in una crisi energetica a causa della riduzione delle forniture di gas naturale dalla Russia, le aziende, soprattutto in Germania, Sono preoccupati per la mancanza di energia con l’arrivo dell’inverno. Pictet Asset Management ha declassato le azioni della zona euro questo mese a causa della crisi energetica.

Anche le prospettive per i servizi pubblici nella regione sono cupe e i governi stanno stringendo le viti. La Francia nazionalizza il colosso nucleare Electricite de France SA e la Germania è in trattative con la società del gas Uniper SE per un accordo di salvataggio.

La scomparsa dell’euro

Il crollo dell’euro potrebbe incidere anche sui profitti sia delle società europee che importano molto, sia delle società americane che dipendono dal blocco per i pezzi. Le società europee che potrebbero essere colpite sono i servizi pubblici, i viaggi e il tempo libero, ma i settori orientati all’esportazione come le case automobilistiche, l’industria e la chimica ne trarranno vantaggio, secondo Joachim Clement, responsabile della strategia, contabilità e sostenibilità di Liberum Capital.

Tuttavia, per l’economia tedesca fortemente orientata all’esportazione, il vento favorevole potrebbe non essere evidente a causa della sua esposizione alla catena di approvvigionamento in Cina, nonché della sua natura ciclica. “Temo che i benefici di un euro più debole saranno controbilanciati dal deterioramento delle prospettive macroeconomiche”, ha affermato James Athey, chief investment officer di Abrdn.

L’altra faccia della medaglia è il dollaro USA. Quest’anno ha guadagnato contro i suoi principali concorrenti, con l’indice Bloomberg Dollar in rialzo del 9%. Le preoccupazioni per i movimenti valutari hanno pesato sulle principali società tecnologiche statunitensi come Microsoft, che il mese scorso ha avvertito che un dollaro forte avrebbe danneggiato la loro redditività nel secondo trimestre.