Gennaio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Assange fa appello alla sentenza della Corte Suprema britannica per l’estradizione degli Stati Uniti – Escambrai

Assange è detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, nel sud-est di Londra, da quando il governo ecuadoriano lo ha consegnato alle autorità britanniche nell’aprile 2019.

Se estradato negli Stati Uniti, Assange potrebbe affrontare un totale di 175 anni di carcere. (Foto: PL)

Il 23 dicembre, il fondatore di WikiLeaks Julian Assange ha presentato ricorso alla Corte Suprema britannica contro una sentenza della corte di grado inferiore che ha dato il via libera alla sua estradizione negli Stati Uniti.

Secondo Stella Morris, la compagna emotiva della giornalista australiana, l’operazione è stata presentata alla corte suprema del Regno Unito alle 11:05 ora locale (GMT) questo giovedì.

Il 10 dicembre, i giudici dell’Alta Corte di Londra hanno annullato la decisione di un giudice di primo grado di impedire la sua estradizione lo scorso gennaio, affermando che Assange avrebbe potuto suicidarsi se fosse stato imprigionato negli Stati Uniti.

Nello spiegare la sua sentenza, il giudice Timothy Holroyd si è detto soddisfatto della promessa fatta dai pubblici ministeri statunitensi che il fondatore di WikiLeaks non sarebbe stato incarcerato in un carcere di massima sicurezza o soggetto a misure estreme di isolamento.

Morris, di professione avvocato, ha spiegato che secondo la legge britannica, affinché l’Alta Corte accolga il ricorso, gli stessi giudici che hanno acconsentito alla sua estradizione devono attestare che almeno uno degli argomenti della petizione era basato su una questione di importanza . il pubblico.

Ha aggiunto che non si sa per quanto tempo il tribunale prenderà una decisione se accogliere o meno il ricorso, ma ha ritenuto che non sarà prima della terza settimana del prossimo gennaio.

READ  I ministri degli esteri di Cuba e Argentina firmano accordi di cooperazione | Notizia

Assange è detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, nel sud-est di Londra, da quando il governo ecuadoriano lo ha consegnato alle autorità britanniche nell’aprile 2019.

È stato condannato a 50 settimane di carcere per aver violato un impegno emesso nel 2012. La giustizia britannica ha deciso di tenerlo in carcere fino alla fine del processo di estradizione avviato da Washington, che lo vuole processare per aver denunciato crimini di guerra commessi dall’esercito americano in Iraq. Afghanistan e migliaia di cablogrammi contenenti i segreti della diplomazia americana.

Se estradato negli Stati Uniti, Assange potrebbe essere condannato a un totale di 175 anni di carcere, sulla base di 17 capi di imputazione contro di lui per violazione dell’US Espionage Act.