Marzo 20, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Assassin’s Creed Syndicate risolve il bug di PS5 (inoltre, è in vendita)

Sindacato di Assassin’s Creed, versione del 2015, è stato l’ultimo Assassino della seconda fase della saga di Ubisoft, post-Ezio ma pre-RPG, ovvero l’ultimo incentrato principalmente su azione, avventura e stealth, prima della trasformazione dell’Assassino. Creed Origins, due anni dopo.

Assassin’s Creed Syndicate aveva recensioni contrastanti all’epoca ed era uno dei venditori più bassi, ma oggi è stato rivalutato come l’enorme (forse troppo) alternativa RPG alla trilogia Origins-Odyssey-Valhalla.

Un altro “Assassin’s Creed classico” che puoi giocare su console moderne, come la PlayStation 5… soprattutto ora che Ubisoft ha rilasciato una nuova patch solo per Versione PS4 di AC Syndicate (Retrocompatibile su PS5).

Assassin’s Creed Syndicate ti consente finalmente di giocarci dal vivo su PS5

Come confermato da Twitter, la patch (che verrà lanciata giovedì 23 febbraio) contiene una patch per problemi di sfarfallio Quando giochi su PS5.

Viene fornito solo nella versione PS4, che è retrocompatibile con PS5. Xbox One, che è anche retrocompatibile con Xbox Series X/S, non necessita di questa patch.

Coincidenza o no, Assassin’s Creed Syndicate è attualmente in vendita su PS4 tramite 8,99 euroquindi se non sai cosa giocare questa settimana e hai voglia di una pozione del solito Assassin’s, ce l’hai più economica che mai.

L’offerta di Assassin’s Creed Syndicate è del 70% e Termina il 2 marzo. Interpretiamo due eroi per la prima volta nella saga: Jacob e Effie Fryea Vittoria Londra.

The Syndicate è uno degli assassini più “moderni” del suo periodo storico, e ha a Intrattenimento brutale a Londra Che vale la pena esplorare, nonostante gli anni che sono passati (potevamo guidare carri e combattere con tutti i tipi di armi da fuoco e armi a una mano allora…

READ  Urgell Canals Cultural Space inaugura nuovi audiovisivi sul presente e il futuro delle infrastrutture