Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Atletico Madrid: Pablo Barrios arriva all’Atletico per restare

DottDa Sal, che sarebbe stato il primo e più utilizzato, a Giuliano Simeone, che dopo essere diventato sub Pichichi per la scorsa stagione ha finito per avere l’occasione su ordine del padre, Sono 39 le squadre giovanili in cui El Cholo è apparso per la prima volta da quando ha preso le redini della sede dell’Atltico. a Cadice, Il conto salirà a 40 con Pablo Barrios. Tuttavia, il centrocampista è invitato a unirsi al gruppo di quelli che sono qui per restare.

È vero che Barrios ha approfittato dell’assenza di Koke, Lemar e Llorente a centrocampo per continuare la sua lotta con i ricorsi contro Betis e Leverkusen, e ora esordisce al Nuevo Mirandela. Il tecnico ha però preso da tempo la targa. Evidentemente non è passato inosservato che l’anno scorso lui, insieme a Iturbi in porta, è stato uno dei motivi principali per cui la squadra giovanile di Fernando Torres ha raggiunto le semifinali del campionato giovanile e ha vinto lo scudetto.

Tuttavia, El Cholo non si fermerà qui nel seguire la perla bianca e rossa. Si stava infatti fregando le mani quando si è reso conto che una volta promosso all’Atltico B, la libertà che Tevenet Barrios gli ha dato di sfoderare il suo talento da centrocampo in avanti è stata una delle chiavi della sua crescita. Ecco perché quando sono arrivate le sconfitte in prima squadra, Simeone lo ha reclutato con convinzione e non per una semplice questione numerica.

Un inizio fiducioso

I 18 minuti che El Cholo ha concesso a Barrios a Cadice sono il miglior esempio del fatto che la squadra giovanile non è un’opzione di “riempimento”, tutt’altro. Di questo, infatti, l’allenatore non ha esitato a fare riferimento durante la conferenza stampa dopo la sconfitta L’ingresso del giovane con Griezmann e Joao Felix ha migliorato il volto dell’Atlético. In questo senso, l’allenatore sarà soddisfatto del carattere con cui completerà la sua partenza, ordinerà la palla, ingaggerà senza raggrinzirsi e fornirà chiaroveggenza nei tre quarti.

READ  Idrissa Gaye ha rifiutato di giocare per il Paris Saint-Germain per non indossare una maglia anti-omofobica