Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Auguri e determinazione a resistere alla tempesta all’apertura del 20° Congresso del Partito Comunista Cinese

Foto: agenzie.

“È un segno di buona fortuna”, ha detto un locale, vedendo il sole nascente e il cielo terso che questa capitale ha svegliato il giorno dell’inaugurazione quando la Grande Sala del Popolo ha ospitato la sessione plenaria del 20° Congresso Nazionale del Repubblica Araba d’Egitto. Il Partito Comunista di Questa Nazione Asiatica (PCC). Qui i giorni importanti vengono scelti con cura in modo che il tempo li ricompensi con buone notizie, e questo 16 ottobre non ha fatto eccezione. Non perché sia ​​stato annunciato e pianificato nei minimi dettagli, questo evento ha smesso di attirare l’attenzione sia all’interno che all’esterno del Paese. In particolare, ad ascoltare la sintesi del Rapporto Centrale dello stesso Segretario Generale Xi Jinping, il quale ha sottolineato che la Cina porta fermamente le bandiere del socialismo con le proprie caratteristiche per costruire un Paese moderno.

Petty for the West è diventato militarista in Cina

Essendo un giorno festivo, non sorprendeva che le strade di Pechino fossero semivuote di macchine o di gente con le prime luci del mattino: però anche i negozi e le edicole più semplici aprivano come di consueto; Gli spazzini mantengono le tracce pulite. Alcuni hanno approfittato della frescura dell’alba per andare a correre come le altre domenica mattina; Bandiere nazionali e rosse venivano issate sopra o davanti agli edifici principali, riconoscendo il significato della storia.

All’ingresso orientale di piazza Tienanmen, 30 stendardi rossi con stelle dorate sui pali si muovevano al vento con la grazia che solo la seta poteva dare. Le guardie hanno indossato le loro uniformi luminose guidando i giornalisti grafici e i fotografi che hanno seguito le loro orme e hanno creato l’ambita ripresa per i presentatori televisivi.

All’interno della Grande Sala del Popolo, i tappeti rossi segnavano la strada. È un edificio monumentale, tuttavia, la sobrietà della sua decorazione è impressionante, sempre illuminata con lampade gialle all’interno di lampade e lampadari in stile cinese. Il salone principale è decorato con un ampio campo rosso e sullo sfondo lo stemma del partito della falce e martello, unico simbolo presiedente la seduta. Una band dell’Esercito popolare ha eseguito canzoni patriottiche, indicando l’acustica perfetta del locale.

READ  Cuba rifiuta di espellere la Russia dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite | Notizia

Sul palco in ciascuno dei seggi riservati ai membri del Comitato Centrale e in esso al suo Politburo, solo un taccuino e una tazza di tè; In primo piano, i seggi di oltre duemila delegati provenienti da diverse parti del Paese hanno mostrato i loro costumi tradizionali quando si è trattato di rappresentanti di alcune delle 55 minoranze etniche cinesi, tutti protetti dall’organo della squadra di sicurezza e assicurazione vestiti con abiti e pantaloni neri con camicie bianche e cravatte scure, uomini; E le donne, giacca rosso vino e pantaloni ebano.

Con l’inaspettata coincidenza di quella che agli occhi degli stranieri sembrava insignificante, due gruppi di cameriere hanno servito il tè nei posti riservati agli attuali membri del Comitato Centrale, la cui composizione è degna di nota essere ricostituita in questo XX Congresso. Chiude il 22 ottobre.

Xi Jinping è entrato meticolosamente nella stanza alle 10 ora locale, ei membri dell’ufficio lo hanno seguito tra gli applausi ritmici dei presenti; E non senza onorare i martiri ei leader che hanno portato qui la Cina dopo la loro morte. Un silenzio solenne leggermente alterato da un coro di cicale che componeva il suono delle telecamere.

In poco più di un’ora e mezza, Xi ha elencato uno ad uno i temi fondamentali della realtà attuale e le prospettive per i prossimi anni per la Cina. Lo ha fatto vestito di semplice eleganza, con l’assertività retorica di un’avarizia che tiene molto alla chiarezza e alla bellezza delle idee e disprezza qualsiasi opera teatrale da esposizione. Ha prenotato le sue brevi pause per il tè.

Foto: agenzie.

Idee per feste in 280 caratteri

Evitando ogni personalità, Xi ha evidenziato per la prima volta che nell’ultimo decennio il Partito Comunista è stato responsabile di tre grandi successi per il Paese: la celebrazione del suo centenario con una leadership unificata; Ha affermato che “ha portato al socialismo con caratteristiche cinesi in una nuova era”; Inoltre, ha affermato di essere riuscito a sradicare la povertà ea costruire una società benestante in modo integrato. “Il Comitato Centrale unisce e dirige il partito, l’esercito e il popolo ad affrontare la complessa situazione internazionale e le sfide che ci attendono”, ha sottolineato.

READ  Maduro mette in evidenza la crescita economica del Venezuela nel 2021

Sul piano economico, non lascia dubbi sul fatto che l’organizzazione politica, dopo un lungo percorso seguito dal Congresso del 1982, mantenga come linee fondamentali la costruzione di un sistema di economia di mercato socialista; che d’ora in poi richiederebbe un nuovo tipo di industrializzazione, per continuare a rivitalizzare le campagne ea combattere la povertà; Raggiungere uno sviluppo regionale coordinato e un’apertura di alto livello al mondo esterno. Ha osservato che questo scopo dovrebbe essere raggiunto accelerando la trasformazione ambientale della società cinese e “partecipando attivamente alla governance globale per affrontare il cambiamento climatico”.

“Entro la metà del secolo, la Cina sarà un paese prospero, democratico, civile, armonioso, bello e moderno”, ha affermato. Ma ha spiegato che le sfide restano enormi: “Dobbiamo essere preparati per una giornata piovosa, per resistere a venti, onde alte e anche alle grandi prove dei temporali”.

Ha chiarito che non ci sarebbero state concessioni nella guerra del partito contro la corruzione. “Abbiamo frenato alcuni venti tortuosi che non si sono fermati da molto tempo e abbiamo corretto alcune malattie croniche croniche che non sono state sradicate da molti anni”, ha affermato. Affermò anche che a livello ideologico il marxismo avrebbe continuato ad occupare una posizione di primo piano. Inoltre, sempre in perenne trasformazione creativa e in relazione alla cultura tradizionale cinese, per “soddisfare i crescenti bisogni spirituali e culturali della gente”.

La valutazione del Segretario Generale del Partito Comunista Cinese non è sfuggita ad altri temi di grande preoccupazione dentro e fuori i confini cinesi. Ha affermato che il partito rimarrà il principale garante del fatto che le regioni amministrative speciali di Hong Kong e Macao godranno dei vantaggi di una politica di un paese, due sistemi. Riferendosi alla provincia di Taiwan, taglia le I:

READ  34.000 esercito e polizia saranno schierati durante le elezioni in Cile

“Rispettiamo, amiamo e avvantaggiamo sempre i nostri compatrioti di Taiwan e rimaniamo impegnati a rafforzare gli scambi economici e culturali e la cooperazione attraverso lo Stretto”. Ha sottolineato che è responsabilità esclusiva della Cina risolvere questo problema. “Continuiamo a lottare per la riunificazione pacifica con la massima sincerità e impegno, ma non ci impegniamo mai a rinunciare all’uso della forza e a preservare la possibilità di prendere tutte le misure necessarie contro l’interferenza delle forze esterne e contro un piccolo numero di separatisti”. , ha sottolineato.

Vale la pena notare che il leader del partito al governo qui ha indicato che le aspirazioni di questa nazione emergente sono di sentirsi in termini di cultura e idee. Così, ha definito, “stabilire rapidamente un sistema di discorsi e narrazioni sulla Cina, che racconterà bene al mondo ciò che sta accadendo lì e farà sentire la sua voce debitamente, al fine di presentare un quadro affidabile, amichevole e rispettoso di essa, (. ..) rafforzare la nostra capacità di comunicazione internazionale”; e approfondire “lo scambio e l’apprendimento reciproco tra le civiltà”. In precedenza, aveva notato che nell’arena globale “promoviamo una comunità di destino comune per l’umanità; sosteniamo con forza l’equità e la giustizia internazionali; sosteniamo il vero pluralismo e ci opponiamo a tutte le forme di egemonia”.

“Agiamo con la ferma consapevolezza che parlare di discorsi danneggia il Paese e che il vero lavoro lo rivitalizza, con forte convinzione e una volontà, con totale dedizione alla nostra missione e progresso senza paura”, ha concluso Xi Jinping domenica. Assicurati che un appuntamento che durerà circa una settimana sia già nella memoria del Paese.