Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Avevo bisogno di avere il mio spazio per potermi esprimere come volevo” – VEIN Magazine

“Avevo bisogno di avere il mio spazio per potermi esprimere come volevo” – VEIN Magazine

L’autrice di “From Me to You” presenta il suo intimo e nuovo progetto “GRANDE”, un album ricco di stili, emozioni e paure. In #VEINDIGITAL le parliamo di processi creativi, di musica pop sperimentale o del suo singolo “Daño”.

Nel marzo dello stesso anno l’artista ci regala la sua prima anteprima.Danno‘. Oggi tutte le sue opere si riflettono nell’album “grande‘, che contiene una raccolta di 12 brani inediti caricati con Emozione, dolore e paura. Questo album segnerà un prima e un dopo nella carriera dell’autore, non solo per quello che dice, ma anche per il modo in cui viene detto. Per sviluppare l’album Maria Playa Ho suonato e mixato con ritmi diversiSi immerge in questo progetto e diventa compositrice e produttrice. Questa versione è Una miscela perfetta di equilibrio, raffinatezza e pop.

24 novembre “The Big One” è una parte di tutti noi, da diventare Primo album completo Da Murcia, dove ci sorprenderà con canzoni come ‘grande“,”Non so dove sto andando“,”Amore puro“,”Satana‘ Anche ‘tango“Una miscela di stili, che mette in risalto l’individualità dell’artista, così come la sua personalità.”

Hai fatto la maggior parte della scrittura e della produzione dell’album, com’è stato quel processo?

Ebbene, la verità è che il processo è sempre stato bellissimo all’inizio e nello sviluppo di ciascuna delle canzoni che compongono l’album. In realtà ho fatto produrre tutti i demo dal mio studio di casa con un paio di canzoni rimaste che non sapevo come finire di sviluppare, sono stato aiutato da Anxo Ferreira e Manu Blanco, sono persone e produttori fantastici, abbiamo mixato come se fosse eravamo uno e si è rivelato fantastico. Per me, il processo di pubblicazione di questo album di debutto è stato incredibilmente motivante e, soprattutto, portato avanti con totale amore e accettazione emotiva. Non ce n’è più.

“Daño” è stato pubblicato a marzo ed è il primo singolo estratto dall’album, perché hai pensato che fosse la canzone perfetta per dare il via all’uscita?

Sì (ride). Avrei potuto aspettare che tutto il piano marketing fosse finito, ma ho deciso di lanciarlo il più velocemente possibile perché volevo iniziare a sviluppare le cose poco a poco, ma ho esagerato ed è arrivata l’estate e non più. Ancora non me ne pento. Mi piace anche allontanare un po’ le persone così posso farla franca. È stato solo un errore di cui mi sono reso conto in seguito.

READ  Milk-V Duo S, il mini PC 10 volte più potente del Raspberry Pi Pico a soli 9 euro

La canzone “Grande” contiene elementi elettronici mescolati con il tango o la chitarra spagnola, come sono stati combinati questi diversi stili?

Ad essere onesti, quando produco e compongo allo stesso tempo, sono nel flusso e faccio ciò che il mio corpo e la mia anima mi dicono di fare, sono grato di essere il produttore di me stesso perché è così che posso esprimermi vocalmente. . L’idea di “BIG” è nata davvero un giorno, un pomeriggio a casa mia, ero felice e avevo queste voci dentro il mio corpo che dovevo far uscire. E quella era la verità. Quando faccio questo tipo di mixaggio mi diverto sempre ma poi sono anche un po’ sospettoso se sono andato troppo oltre o se qualcosa non va perché alla fine mi piace anche rendere le canzoni dinamiche, e c’è anche mia sorella Chris, che è un’altra compositrice dell’album, ha un ottimo orecchio ed è completamente onesta con me. Sono canzoni sull’ADHD come me. “GRANDE” è una canzone che ha molti cambiamenti di genere ed è una canzone per ADHD. Alla fine doveva essere la canzone a dare il nome all’album.

L’album contiene 12 canzoni molto personali, dove vengono rivelati sentimenti come paura, amore, insicurezza o incertezza, pensi di aver rivelato troppo te stesso?

Sì, sento che è il mio album più onesto e sento che tutto ciò che farò sarà comunque completamente onesto, perché altrimenti non raggiunge la persona che lo ascolta, non è reale e non è puro. Ovviamente mi sento molto esposto, ma poiché sono canzoni con testi veri e alla fine, è come un po’ un annuncio di come mi sento e molto di più di come mi esprimo, il che dice molto anche di qualcuno, quindi arriva insieme a Sentirmi esposto, con insicurezze, ma in realtà mi sento più libero e felice per il semplice fatto di vedere tutto quello che ho realizzato e tutto quello per cui ho lavorato e questo mi fa crescere poco a poco ma mi fa crescere e maturare e vivere con quei sentimenti.

READ  Microsoft filtra accidentalmente Designer, una nuova potente app per Windows che sembra molto buona | tecnologia

Nella canzone “5 More Minutes” dice “Niente è troppo importante”. Cosa ti ha fatto pensare questo?

Mi piace molto questa domanda. “5 MINUTES MORE” è la canzone perfetta per concludere l’album. Non so spiegarlo esattamente, perché è una sensazione molto strana e difficile, ma allo stesso tempo è bellissima. Questa canzone è tratta da un clip audio che ho chiesto a mia madre quando stavo attraversando un momento davvero brutto all’inizio dell’anno, e esattamente quello che le ho chiesto era un suono nella sua voce che diceva qualcosa che mi avrebbe detto come mamma incoraggiami ad alzarmi dal letto e iniziare la giornata con motivazione. Come ho detto, stavo attraversando un periodo difficile e l’unica cosa che mi ha motivato è stata continuare con questo progetto perché è ciò che mi ha dato la vita, e ho dovuto spiegarlo a mia madre. Poi è scattata e mi ha detto: “Ehi, ti amo e la vita ti ama ancora di più, anche se in questo momento non ti sembra così”. Dai, svegliamoci” e da allora ascolto questa canzone dal link ogni mattina e parto bene ricordandomi che “niente è poi così importante”, tutto ciò che sembra ingestibile non è abbastanza importante da cambiare il mio umore o il mio atteggiamento quel giorno.

Hai collaborato con Natalia Lacunza o Rojo, ci sorprenderai presto con qualche altro artista?

Non ci sono collaborazioni su questo album.

Penso che sia un buon modo per debuttare e dimostrare di cosa sono capace. In futuro mi piacerebbe collaborare con altri artisti, ma per questo progetto avevo bisogno di avere un mio spazio per potermi esprimere come voglio.

Hai iniziato a lavorare nel mondo della musica nel 2020 con il brano De mi para ti, cosa hai in comune con quella ragazza che ha iniziato?

Condivido ancora il desiderio di fare musica e mi fa male lo stomaco quando sento che una delle canzoni che sto scrivendo ha qualcosa di speciale. E ovviamente la voglia di imparare e di viaggiare per scrivere in altri paesi con persone e culture diverse.

READ  Apple Arcade: arrivano 20 nuovi videogiochi, inclusi classici come Temple Run e snake.io | tecnologia

“Amor Puro” è una delle tue nuove canzoni, ha un suono molto dinamico ed energico, oltre a testi molto personali e intimi. Com’è stato il processo di scrittura?

Avevo qualcosa da dire, quindi mi sono seduto e ho iniziato a scrivere. Allo stesso tempo, suonavo il piano e cercavo accordi che fluissero con la sensazione che provavo in quel momento e ci sono riuscito. Successivamente ho continuato a dare dinamismo attraverso arrangiamenti e ritmi e, soprattutto, ho cercato di dare sfogo alla mia forza anche con le parole. Avevo i miei dubbi sul fatto che fosse una canzone lunga o meno, ma penso che sia abbastanza dinamica da renderla breve. I testi sono personali, all’epoca stavo attraversando un periodo turbolento di cui non ero del tutto consapevole, e ora quando lo ascolto penso…che drammaticità, ma alla fine sono fatto così ed è così Mi sono sentito in quel momento. Va anche bene guardare indietro e vedere la crescita personale, accettare e realizzare che eri cattivo in quel momento e che ti piaceva qualcuno di cui oggi non ti importerebbe.

Qual è il “demone” più grande di Maria Playa?

Il mio più grande demone è la paura, l’amore e la vergogna. Sono terribile in tutto questo. Ho troppe paure, ho troppo amore e sono impertinente.

Come identifichi i diversi stili musicali e ritmi inclusi nell’album?

Non so assolutamente come spiegarlo bene. C’è tutto in tutte le canzoni, e ci sono così tanti riferimenti, quindi mi dispiace incasellare “BIG” in una cosa sola. Se me lo chiedi, direi pop sperimentale, perché considero pop le mie melodie vocali e i beat sono sperimentali, ma non so davvero come classificarlo.

Possiamo vederti vivo presto?

Sì, più vicino di quanto sembri. Ho organizzato lo spettacolo dal vivo in modo che fosse un’esperienza unica e ci vuole molto lavoro e le persone dietro l’idea del progetto per difenderlo bene sul palco.

non perdere, ‘grande“, il nuovo @_mariablaya

le immagini: Fare un pisolino