Settembre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Barcellona | Il debutto da sogno di Eric

Una delle notizie più felici della premiere di Barcellona è stata Eric Garcia. Per il desiderio che ha mostrato per un anno di vestire la maglia del Barcellona e per la sua determinazione a tornare a casa, il suo primo giorno felice sembrava meritato. Koeman ha approfittato del fatto che il catalano è arrivato con il ritmo dei giochi e lo ha piazzato all’undicesimo posto accanto a Pique. Il risultato ha avuto successo. Eric ha recuperato sette palloni e non ne ha perso nessuno in 79 tackle. La sua pressione, sull’orlo di un fallo, è stata fondamentale nel gioco del 2-0.

Eric ha dimostrato nel suo primo giorno tutte quelle condizioni che hanno permesso a Guardiola di anticipare più volte il suo futuro successo a Barcellona. Focus, aggressività e sicurezza nello scrolling e nella lettura del gioco. Eric ha dichiarato: “Era il mio sogno fare la mia prima partita per il Barcellona ed è stato eccellente. È un piacere giocare al fianco di uno dei migliori centrocampisti della storia, come Pique. È facile giocare con lui al suo fianco”. alla fine del gioco.

La sua interruzione dell’undicesimo ha portato Lenglet e Araújo ad avanzare, lasciandolo come il candidato preferito per continuare a mantenere la posizione con Piqué. A differenza di Badri, L’Eurocup e i Giochi sono serviti nelle eccezionali riprese del suo sbarco a Barcellona, Perché ha bilanciato alcune partite che ha aggiunto con il City. Dei 12 che ha aggiunto con il City, i tre che ha giocato in Coppa dei Campioni e i sei nelle partite, dove era indiscusso. Eric ha sete d’erba ed è facile pensare che la sua vacanza sia più breve di quella di Badri. Per ora, si sta divertendo a fare il suo debutto da sogno sulla strada per vincere la sfida: essere un titolare regolare per il Barcellona nella sua prima stagione come uno dei suoi idoli e ora il suo compagno di squadra difensivo, Pique.

READ  Miguel Cabrera non è solo in attesa di HR 500