Maggio 21, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

BBVA aumenta l’offerta di Garanti del 23% per compensare il calo della lira | mercati

BBVA aumenta gli sforzi per acquisire il 50,15% della banca turca Garanti Bank, che non controlla. L’entità guidata da Carlos Torres Villa ha accettato di aumentare del 23% il prezzo cash-to-cash per azione delle azioni Garanti, riportato questa mattina a CNMV. In questo modo la società spagnola, che detiene il 49,85% del capitale residuo, offre ora 15 TL dai 12,2 inizialmente annunciati.

L’aumento di prezzo corrisponde al deprezzamento della lira turca nei confronti dell’euro nel periodo dal lancio dell’offerta, il 15 novembre: se ogni euro è stato scambiato con 11,45 lire, ora è con 11,86 lire. Così l’offerta, misurata in euro, è ora più bassa: da 1,06 euro per azione Garanti a 0,95 euro. E se ora pagherà un massimo di 31.595 milioni di lire, rispetto ai 25.697 milioni di novembre, l’importo in euro è passato dai citati 2.244 a 1.985 milioni. In entrambi i casi, questi calcoli si basano sul presupposto che tutti gli azionisti di minoranza di Garanti BBVA vendano le proprie azioni.

L’amministratore delegato di BBVA, Onur Genç, di Garanti, già a novembre aveva notato che il deprezzamento della lira potrebbe avvantaggiare la banca in questo modo: “Due cose sono cambiate, il prezzo di entrata si è evoluto, perché la svalutazione ci sta aiutando”. La lira turca ha accentuato i ribassi dell’anno nello stesso novembre quando la banca centrale, strettamente legata al potere politico, ha tagliato i tassi di interesse. I fortissimi ribassi della lira hanno spinto il governo Erdogan ad adottare misure di protezione delle valute e la lira si è finalmente stabilizzata ad inizio anno.

READ  Bitcoin sulla buona strada per vedere la sua chiusura settimanale più alta nel 2022 da Cointelegraph

A seguito dell’aumento del prezzo dell’offerta, e secondo la normativa turca, il periodo di accettazione sarà esteso di due settimane, che termineranno il 18 maggio. Come spiega la BBVA, in conformità con i regolamenti sulle offerte pubbliche di acquisto turche, il prezzo dell’offerta non può essere modificato durante questa estensione di due settimane del periodo di accettazione. Se inizialmente è durato 20 giorni lavorativi dal 4 aprile, questo nuovo periodo va ora dal 29 aprile al 18 maggio. In queste due settimane aggiuntive di promozione, non è modificabile, quindi il prezzo è definitivo.

La BBVA rileva inoltre che gli effetti finanziari dell’offerta per l’entità spagnola “dipenderanno dalla percentuale di azionisti di Garanti BBVA che decideranno di accettare l’offerta”. BBVA stima l’impatto massimo a circa 34 punti base in azioni ordinarie Tier 1 (“completamente addebitato”), se tutti gli azionisti di Garanti BBVA accettano l’offerta. In questo senso, anche il deprezzamento della lira turca ha aiutato la banca: nella presentazione al mercato pubblicata il 15 novembre l’entità ha riportato un impatto massimo sul coefficiente patrimoniale di 46 punti base.

Secondo Bloomberg News all’inizio del mese, i gestori di fondi turchi hanno spinto per un aumento dei tassi, sostenendo che la lira è in calo e la banca sta ottenendo un buon affare con un’offerta in valuta turca. Al momento non sono stati diffusi dati di adesione all’offerta.