Maggio 26, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Biden è ottimista nonostante le ombre sul tetto del debito

Biden è ottimista nonostante le ombre sul tetto del debito

Biden in Delaware il giorno prima aveva espresso la speranza di raggiungere un punto di incontro con la maggioranza repubblicana alla Camera dei Rappresentanti per alzare il tetto degli sconti ed evitare il temuto “default” (mancato pagamento) con conseguenze impreviste per i mercati globali.

Il quotidiano The Hill ha sottolineato che lo scenario è simile a quello di 12 anni fa, quando un presidente democratico (Barack Obama) affrontò una Camera repubblicana in una battaglia durata mesi, che portò il Paese sull’orlo del default e causò la prima declassamento del rating del credito nella storia nazionale.

Biden e il presidente della Camera Kevin McCarthy (R-Calif.) Stanno cercando un terreno comune sulla questione, ma stanno operando in un ambiente molto più difficile di quello sperimentato dai migliori negoziatori più di un decennio fa.

Legislatori, economisti e osservatori politici di ogni genere concordano sul fatto che, tra gli altri fattori, gioca un ruolo la forte polarizzazione e inflessibilità dei rappresentanti di entrambi i principali partiti.

Thomas Kahn, che era un consigliere senior dei Democratici nella commissione per il bilancio di quella legislatura, ha sostenuto per tre ragioni per suonare campanelli d’allarme.

I repubblicani si sono spostati ulteriormente a destra nell’ultimo decennio e i tagli che chiedono sono più netti di quanto non fossero nel 2011; Ha sottolineato che i conservatori alla Camera dei Rappresentanti, promossi dall’ex presidente Donald Trump, sono più disposti ad accettare il default, e che la delicata posizione di McCarthy, ostaggio di concessioni all’ala più difficile del suo seggio.

Tuttavia, quest’anno non sono stati solo i repubblicani a inasprire le loro tattiche: lo stesso Biden, a differenza di Obama nel 2011, ha dichiarato di non essere disposto a negoziare enormi tagli alla spesa per aumentare il tetto del debito, che si attesta a 31 trilioni di dollari. Accesso il 19 gennaio.

READ  Attacco ucraino provoca danni nella provincia russa di Bryansk

Obama si è scontrato quell’anno con l’allora presidente della Camera John Boehner (R-Ohio), che è salito al potere quello stesso anno sulla scia del movimento Tea Party e ha chiesto la riduzione del deficit pur rifiutando qualsiasi aumento del limite di bilancio. Prestito pubblico senza tagli netti alla spesa federale.

Sebbene all’epoca fossero state evitate le insolvenze dell’ultimo minuto, la sfiducia nei mercati persisteva, spingendo Standard & Poor’s a declassare il rating del credito tripla A degli Stati Uniti per la prima volta nella sua storia.

G/DFM