Maggio 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bitcoin continua a salire

Bitcoin continua a salire

IL Valute digitali È stabile dopo aver attraversato un forte rimbalzo mercoledì 26 aprile. Lui bitcoin È aumentato dell’1,8% e ha lavorato vicino a $ 28.000 dopo aver toccato $ 30.000 nel corso della giornata. Nel frattempo il sollevato È aumentato dell’1,9% ma ha accumulato un calo dello 0,6% nelle ultime 24 ore.

Parte della reazione del mercato è legata alla crisi scoppiata con Banca della Prima Repubblica dopo la caduta dei loro depositi.

“I risultati finanziari trimestrali di First Republic Bank hanno mostrato un forte calo dei depositi, che ha rinnovato la sfiducia nei confronti del settore finanziario tradizionale. In questo contesto, per il mercato del rischio, Bitcoin viene nuovamente valutato come alternativa alla protezione del capitale da una crisi bancaria, ” lui dice. Sergio Moralesuno dei fondatori www.cryptocity.press.

La First Republic Bank americana ha affrontato una giornata difficile questo martedì, quando è crollata del 49% a Wall Street, in un contesto di preoccupazione per il suo futuro dopo aver ritirato oltre 100 miliardi di dollari di depositi.

La quotazione delle sue azioni è stata più volte sospesa in giornata al New York Stock Exchange, dopo che lunedì erano stati pubblicati i risultati della società con dati che hanno smorzato il mercato.

La debacle di martedì significa che First Republic ha perso oltre il 90% del suo valore di mercato dall’inizio di marzo.

First Republic ha pubblicato lunedì i risultati trimestrali, che hanno mostrato una perdita del 41% dei suoi depositi tra la fine del 2022 e la fine di marzo.

La società ha annunciato che metterà in atto misure di risparmio, tra cui una riduzione del 20-25% della forza lavoro nel secondo trimestre.

READ  Scopri i fortunati vincitori dell'ultima estrazione di Chispazo

La banca stava già subendo un duro colpo a Wall Street a metà marzo dopo la liquidazione di un’altra banca, Silvergate, e i fallimenti di Silicon Valley Bank (SVB) e Signature Bank.

Per evitare che il panico si diffondesse, undici grandi banche hanno depositato un totale di 30 miliardi di dollari nei conti della Prima Repubblica.

Nonostante le azioni delle autorità e dei concorrenti per disinnescare la crisi, molti clienti hanno scelto di investire i propri soldi in banche più grandi considerate troppo grandi perché lo stato federale fallisse.

Guardando al denaro depositato da altre banche, i depositi sono diminuiti di 72 miliardi di dollari nel primo trimestre, il 41% del totale, per raggiungere i 104 miliardi di dollari a fine marzo. E se non si considerava il contributo delle grandi banche, la riduzione era di 102 miliardi di dollari.