Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bolivia: un attore attivo nelle Nazioni Unite

Ha scritto il giorno prima sul suo account Twitter: “Applaudiamo l’Organizzazione del Trattato di cooperazione amazzonica (OTCA) per la sua accettazione come organizzazione di osservatori nell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, su iniziativa della Bolivia e con il sostegno dei suoi Stati membri”. Presidente Luis Arce.

Il presidente ha sottolineato su quel social network che il suo governo ha la ferma intenzione di promuovere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e proteggere la “nostra Amazzonia”.

Con l’approvazione della Risoluzione A/77/439 presso la sede delle Nazioni Unite a New York, l’organizzazione internazionale ACTO è stata riconosciuta come istituzione di osservazione.

Questo consolidamento è stato raggiunto dalla proposta fatta il 2 agosto di quest’anno in un messaggio al forum multilaterale dal Rappresentante Permanente della Bolivia all’ONU, Diego Pary.

“Ho l’onore di richiedere l’inclusione di un punto intitolato “Status di osservatore all’Assemblea Generale dell’Organizzazione del Trattato di Cooperazione Amazzonica” nel programma della settantasettesima sessione”, si legge nel testo, firmato anche dall’ex Cancelliere, a alla quale ho allegato una nota esplicativa e una bozza di delibera.

ACTO comprende Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Guyana, Perù, Suriname e Venezuela.

La sua incorporazione nell’Assemblea Generale migliorerà l’attuazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, così come altri quadri rilevanti per questo polmone del pianeta, come la Convenzione sulla Diversità Biologica, l’Accordo di Parigi, gli Obiettivi di Aichi per la Biodiversità e gli Obiettivi di Minamata . Convenzione di Mercurio.

Le autorità boliviane hanno indicato che questo accreditamento come organizzazione di osservazione rafforzerà la sinergia di ACTO con le strutture specializzate delle Nazioni Unite al fine di integrare gli sforzi a livello regionale per attuare azioni concrete e discussioni costruttive su queste zone umide.

READ  L'India registra più di 264.000 casi di Covid-19 in un giorno (+ video)

Allo stesso modo, aumenterà la capacità di mobilitarsi verso l’attuazione degli obiettivi del Trattato di cooperazione nella regione amazzonica, in particolare attraverso la partecipazione della comunità internazionale alle lezioni apprese dalle azioni attuate dall’organizzazione che possono anche essere replicate in altre parti del mondo.

Un altro recente successo boliviano che avvantaggia il “grande Paese” è l’approvazione della sua proposta di creare un meccanismo di coordinamento e cooperazione tra le strutture delle Nazioni Unite e il Sistema economico dell’America Latina e dei Caraibi, organizzazione fondata nel 1975 e composta da 25 Paesi.

Il Dipartimento di Stato ha ringraziato gli Stati membri delle Nazioni Unite in una dichiarazione per il loro sostegno unanime alla risoluzione A/77L.22, proposta dalla Bolivia.

“La Comunità economica latinoamericana è un organismo intergovernativo regionale, creato nel 1975, la cui missione principale è rafforzare il sistema di consultazione e coordinamento per concordare posizioni e strategie comuni in materia economica tra i suoi Stati membri”, il testo del Dipartimento di Stato spiegato.

Argentina, Bahamas, Barbados, Belize, Bolivia, Brasile, Colombia, Cuba, Cile, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Guyana, Haiti, Honduras, Messico, Nicaragua, Panama, Paraguay, Perù, Repubblica Dominicana, Suriname fanno parte dell’economia sistema Per Sud America, Trinidad e Tobago, Uruguay e Venezuela.

Ai precedenti successi si aggiunge la recente sentenza della Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) sulle acque di Salala, in cui le autorità superiori di Bolivia e Cile hanno ribadito la loro volontà di integrazione e cooperazione, grazie al ruolo illuminante che la scienza ha giocato per risolvere questa controversia.

# La Bolivia ha risolto la controversia con un paese fratello grazie a un lavoro basato su studi scientifici e una strategia di relazioni internazionali. “Continueremo questo lavoro a beneficio della gente”, ha scritto Ars sul suo account Twitter.

READ  Messico e Stati Uniti rimpatriano quasi 100 immigrati a Cuba

Ha aggiunto che la Corte internazionale di giustizia ha ratificato la legge boliviana sulle acque di questo corso d’acqua internazionale e la sua “sovranità sullo smantellamento dei canali artificiali costruiti sul suo territorio”.

Da parte cilena, Gabriel Boric, il presidente cileno, ha dichiarato a Santiago che “dopo che la questione (Silala) sarà stata risolta, continueremo a lavorare con la Bolivia”.

Dopo la sentenza, ha aggiunto, le due parti potrebbero concentrare i loro sforzi “su ciò che ci unisce e non su ciò che ci divide”.

jcm/jpm