Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bolle nello spazio per raffreddare la terra

Questa settimana abbiamo discusso di un articolo scritto da Kristen Hauser sul sito web di Big Think, riguardante l’iniziativa del MIT di utilizzare una sorta di “bolla spaziale” per aiutare a raffreddare il pianeta.

Abbiamo sentito molte cose sul riscaldamento globale, le cause, le origini, chi è la colpa ecc. sono discusse in generale.

Tuttavia, abbiamo sentito poco sulle possibili soluzioni per mitigare questa schiacciante realtà. Ebbene, un gruppo di ricercatori del MIT sta proponendo qualcosa di assolutamente dirompente che potrebbe invertire il riscaldamento globale, utilizzando un approccio di geoingegneria solare.

Questa proposta consiste in: Gli scienziati propongono di mettere una serie di “bolle spaziali” di silicio costruite nello spazio, e di metterle in un’orbita a circa un milione di chilometri dalla Terra, e che queste “bolle” blocchino i raggi solari che vengono proiettati quotidianamente verso il pianeta.

Questo effetto rifletterà la luce solare diretta provocando un effetto ombra su ogni blocco di “bolle” che avrà le dimensioni dell’intero Brasile.

La combinazione di radiazione solare e gas serra che hanno formato una specie di coltre trasparente nell’atmosfera, fa sì che la temperatura intrappolata all’interno sia aumentata dalla Rivoluzione Industriale.

Con questa proposta, ridurremo quotidianamente una quantità significativa di radiazione solare, il che consentirà alle temperature di scendere drasticamente, e questo dovrebbe darci più tempo per trovare modi in cui la natura stessa possa ripristinare i normali livelli di temperatura e riuscire a dissipare quei gas serra termici.

Un altro fatto è che, nonostante le tante retoriche e argomentazioni che sono state avanzate, non sembra che si stia definitivamente rinunciando all’uso dei combustibili fossili nel breve termine.

READ  I rifiuti possono essere trasformati in risorse per l'autosufficienza della vita nello spazio

Il gruppo di ricercatori analizza posizionando questo scudo di “bolle” in un punto dello spazio in cui le forze gravitazionali della Terra e del Sole formano una sorta di equilibrio, consentendo a questi oggetti di rimanere nella stessa posizione per lungo tempo. Suggerimento radicale.