Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bosniak arrestato in Italia per aver inviato 50.000 euro per attacchi jihadisti!

Roma, 1 luglio I carabinieri italiani hanno arrestato a Bologna (centro) un bosniaco di 52 anni per presunto trasferimento di oltre 50mila euro al gruppo terroristico dello Stato Islamico (IS) con base nei Balcani occidentali.

I Carabinieri hanno spiegato oggi in un comunicato che numerosi trasferimenti di denaro da lui effettuati sono stati effettuati personalmente o tramite terzi e sono stati destinati in tutto o in parte a cellule con finalità terroristiche.

L’indagine che ha portato all’arresto, condotta dal Gruppo Operativo Speciale Carabineros e coordinata dalla Procura della Repubblica di Bologna, dove risiedeva il detenuto, è iniziata nei primi mesi del 2020. Arrotonda estremisti di matrice jihadista.

Il detenuto è stato identificato come un bosniaco legalmente residente in Italia, artigiano titolare di una società operante nel settore edile e “caratterizzato da una visione radicale ed estremista dell’Islam”.

Anche un bosniaco di origine balcanica, arrestato in Bosnia Erzegovina e condannato a sette anni di reclusione per incitamento pubblico ad attività terroristiche e reclutamento, ha legami con l’imam.

In particolare, l’indagine ha rilevato che l’imam ha organizzato nel 2014 un “tour di preghiera” nel nord Italia per reclutare combattenti dediti alla “jihad armata” e inviarli a combattere al fianco dell’IS in Siria e Iraq. Era al culmine del suo potere in quel periodo.

I trasferimenti, iniziati nel 2014, erano rivolti alle cellule jihadiste per supportare i gruppi che operano in Bosnia e “reclutare nuovi combattenti in diverse aree geografiche dove il califfato sta cercando di imporre la sua egemonia”, si legge nella nota. EFE

ccg/signor/jgb