Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

CaixaBank Research stima che i consumi reali siano cresciuti del 2,2% nel secondo trimestre in Spagna | Economia

Il consumo reale è cresciuto del 2,2% in Spagna nel secondo trimestre del 2022 e l’aumento per l’intero anno sarà dell’1,5%, secondo le previsioni di sviluppo dei consumi in un rapporto di CaixaBank Research.

Nel primo trimestre i consumi reali sono diminuiti del 2% su base trimestrale per il deterioramento della fiducia dei consumatori, nonostante la buona dinamica del mercato del lavoro, ei consumi reali di beni durevoli sono diminuiti dell’11,2%, nonostante le stime intorno al secondo. più positivo.

Guardando al secondo trimestre, alcune indicazioni sono che i consumi “sono riusciti a prendere ossigeno”; Ad esempio, le vendite al dettaglio in termini reali, con una crescita trimestrale media del 2,6% per aprile e maggio.

Altri indicatori al riguardo sono le vendite domestiche di grandi imprese in termini reali, che sono cresciute del 4,6% su base trimestrale, e le immatricolazioni di auto, in aumento con una crescita del 26,5% su base trimestrale.

Il CaixaBank Consumption Index, che raccoglie i dati sui pagamenti e prelievi con carta in tempo reale e include i dati di giugno, indica una crescita trimestre per trimestre del consumo nominale del 3%.

Con tutti questi dati, un rapporto CaixaBank Research, firmato da Eduard Llorens, considera i consumi reali aumentati del 2,2% nel secondo trimestre.

prossimi trimestri

Guardando ai prossimi trimestri, si aspetta che l’evoluzione dei consumi sarà determinata da fattori quali pressioni inflazionistiche, aumento dei tassi di interesse e incertezza economica, che “probabilmente continueranno a influenzare la fiducia”.

Tuttavia, aggiunge che a due anni dall’inizio della pandemia, è prevista una spinta turistica estiva molto positiva, “con i consumatori pronti a disfare una parte dei risparmi che sono stati ripagati a causa delle restrizioni”.

READ  "Se dovessi scommettere, direi che questa potrebbe essere una delle peggiori recessioni della storia moderna".

Inflazione e guerra

Il rapporto spiega in dettaglio che le pressioni inflazionistiche e lo scoppio della guerra in Ucraina hanno influenzato la fiducia dei consumatori spagnoli negli ultimi mesi.

Secondo i dati della Commissione Europea, il calo maggiore dall’inizio della pandemia si è verificato a marzo, sebbene da allora la fiducia dei consumatori sia rimasta su livelli ben al di sotto di quelli osservati fino a febbraio 2022.