Ottobre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Caos ‘Ritorno a scuola’ in Italia per focolaio di epidemie

Il test è stato eseguito su una bambina della città italiana di Bergamo. / EFE

Sebbene esperti e alcune regioni richiedano lezioni a distanza per almeno due settimane, il governo garantisce il ritorno alle aule questo lunedì.

A due giorni dalla pausa natalizia del ‘ritorno a scuola’, non è certo se gli studenti italiani e le loro famiglie potranno tornare in classe di persona o cercare di nuovo la formazione a distanza. Con l’aggravarsi dell’epidemia, il numero di nuovi casi è aumentato del 153% in una settimana e il ricovero in ospedale di oltre il 70% dei pazienti governativi non vaccinati è aumentato in modo allarmante. Il governo dovrebbe ritardare il ritorno in aula di almeno due settimane.

Vincenzo de Luca, presidente regionale della Campania, ha minacciato di fare un passo in più e di boicottare lo Stato e imporlo entro fine mese dopo che l’associazione dei direttori di istituzioni scolastiche, scuole di medicina e varie amministrazioni locali ha preso la parola. , Formazione a distanza per studenti fino a 14 anni nel sud del paese. “In queste circostanze credo sia irresponsabile aprire le scuole il 10 gennaio”, ha detto de Luca, aggiungendo che pur essendo iscritto al Pd, è una delle forze politiche che faranno parte della coalizione a sostegno del amministrazione di Mario Tracy. , Dovrebbe generalmente operare in completa indipendenza. Luca Zoya, presidente regionale di Vanito, ha avvertito che ‘tornare a scuola’ sarebbe diventato un “test” a causa del contagio, dell’isolamento e delle lezioni apprese tramite Internet tra insegnanti e studenti.

“Il nostro obiettivo è stare al passo con i tempi”, ha risposto il ministro dell’Istruzione Patricio Pianci de Luca, ricordandogli che non aveva alcuna autorità per chiudere le scuole da solo. In un’intervista al ‘Corriere della Sera’ questa domenica, Pianchi ha sottolineato che i centri educativi dovrebbero essere “chiusi per ultimi” e che sarebbe “sbagliato” perseguire la formazione a distanza su larga scala. L’inizio dell’infezione. Questo strumento dovrebbe essere lasciato solo a “casi eccezionali”.

READ  Qual è il nuovo studio sulle infezioni negli operatori sanitari che sono stati vaccinati contro il COVID-19?

Tuttavia, l’eccezione diventerà presto una situazione regolare per molti studenti a causa del rapido aumento dei contagi. Con il nuovo mandato approvato dal governo mercoledì scorso, le classi con tre o più positivi verranno trasferite alla formazione a distanza. Secondo alcune stime, dieci giorni dopo la ripresa dell’anno scolastico, potrebbero esserci circa 200.000 classi in questa posizione. Nino Cordabellotta, presidente della Fondazione Kimbe, che studia il corteo delle epidemie in Italia, ha riconosciuto che nell’attuale circolazione del virus “è molto difficile tenere gli studenti in classe”. Per raggiungere questo obiettivo è necessario accelerare la campagna vaccinale per i bambini di età compresa tra i 5 ei 12 anni, poiché oltre 3 milioni di bambini a quell’età non hanno ancora ricevuto una sola iniezione.

Vaccinazione obbligatoria

La controversia su “Ritorno a scuola” non è l’unica controversia che ha scosso lo stato. La vaccinazione obbligatoria delle persone di età superiore ai 50 anni, entrata in vigore questo sabato, è stata offuscata dalle critiche di chi considera ridicolo essere multati di soli 100 euro per il mancato rispetto della misura. L’amministratore è stato costretto a spiegare che con questo permesso sarebbero stati inclusi lo sciopero e il salario dei lavoratori di età superiore ai 50 anni che non desideravano essere vaccinati. Inoltre, se si presentano al lavoro, saranno multati da 600 a 1.500 euro, fino a 3.000 se ritenuti colpevoli.