Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Caramillo”, il tifoso numero 1 del Tri, è pronto per essere catapultato

Messico (AP) Circa 80.000 tifosi messicani dovrebbero recarsi in Qatar per la Coppa del Mondo, secondo le stime del governo. Solo uno di loro può vantare di aver partecipato a 10 edizioni del torneo e più di 450 partite con la nazionale messicana: Hector Chavez, meglio conosciuto come “Caramillo”.

Con un berretto charo nero in testa, con indosso una maglia verde El Tri e portando la bandiera messicana con le lettere del suo stato d’origine di Chihuahua ricamate sul davanti, Chávez è diventato uno spettacolo familiare in ogni stadio dove gioca la Liga. Assegno azteco in tutto il mondo. E non solo nei tornei ufficiali.

“Sono molti i sacrifici e posso dire che è una grande idea assistere a così tante partite, sto parlando di più di 450 partite per la nazionale”, si è vantato Chávez in un’intervista all’Associated Press.

Solo quest’anno, tra amichevoli e qualificazioni, il Messico ha disputato 15 partite, quattro delle quali in terra messicana.

“Da un lato ti colpisce nel rapporto familiare e, ovviamente, nelle tue tasche. Seguire la nazionale senza perdere nulla e dover viaggiare in qualsiasi parte del mondo significa una grossa spesa finanziaria, è faticoso avere lo fanno da più di 40 anni”, ha detto Chavez. “.

Ha raccontato che la prima partita della nazionale a cui ha assistito è stata il 19 febbraio 1986, quando il Messico ha affrontato l’allora Unione Sovietica nella capitale del paese. La sua prima partita di Coppa del Mondo è stata quello stesso anno, il 3 giugno contro il Belgio.

È lì che è nata l’idea di iniziare a seguire il Messico in giro per il mondo.

READ  Coppa Davis 2022: la Spagna si incontrerà nei quarti di finale contro i primi numeri

Ha aggiunto: “Ho avuto l’intera esperienza del Messico ’86, ed è stato allora che ho detto ‘la Coppa del Mondo è una festa totale, cercherò di fare di tutto’ ed è quello che era”.

Anche se il Messico è stato squalificato per la Coppa del Mondo 1990 per aver cambiato i certificati di nascita in squadre minori, Chávez è andato in Italia e successivamente ha continuato il suo viaggio attraverso USA 1994, Francia 1998, Corea e Giappone 2002, Germania 2006, Sud Africa 2010, Brasile 2014 e Russia 2018 .

Chavez, che vive a Chihuahua, nel nord del Paese, ha studiato economia aziendale. Ha vissuto la Coppa del Mondo per la prima volta perché suo padre ha comprato i biglietti. Ricorda di essere andato in Italia con uno zaino in spalla e con un budget ridotto, ma in seguito ha aperto una gioielleria che lo ha aiutato a sbarcare il lunario dal 1994 ad oggi.

“Ricordo che quando ho aperto la mia gioielleria era in una strada dove c’erano gli altri e io l’avevo aperta un’ora prima e chiudeva un’ora dopo, più lavoro la domenica perché dovevo essere un passo avanti, era tutto per lui su base aziendale, questo è ciò che ha permesso al team di viaggiare ovunque”.

Inoltre, sebbene non segua tutte le partite delle squadre minori, Chávez ha confermato di aver viaggiato alle Olimpiadi di Londra 2012 e ai Mondiali Under 17 del 2005 in Perù, quando il Messico ha vinto rispettivamente la medaglia d’oro e i Campionati del mondo .

“Ricordo la partita e i gol di Uribe (Peralta) contro la squadra di Neymar e vedendo la bandiera alzata in alto, cantando l’inno nazionale, lo ricordo e mi viene la pelle d’oca e tu piangi con la stessa gioia”, ricorda. “Ma senza dubbio, il ricordo più bello è quando abbiamo battuto il Brasile nella Confederations Cup del 1999 ad Azteca con quegli incredibili gol di Cuauhtémoc (Blanco).”

READ  Non penserò all'indirizzo fino all'ultima fermata a Long Beach

Dopo il Messico, ha dovuto assistere anche a momenti difficili, soprattutto alle eliminazioni agli ottavi di finale, che è stato il massimo per il Messico in tutte le finali di Coppa del Mondo dal 1994 ad oggi.

Tra questi, Caramillo si è infortunato di più quando l’Al Tre ha perso 2-0 contro gli Stati Uniti in Corea-Giappone 2002.

“Non tanto perché ci hanno finiti ma perché il nostro nemico giurato ci ha finiti, per anni ci siamo sentiti superiori e in quel momento ci ha insultato, è stato un giorno molto triste per ‘Caramillo’ non volevo lasciare l’albergo per tre giorni dopo. Se lo ricorda.

In Messico, Chávez è l’unico tifoso che segue la squadra in tutte le sue partite. Un altro gruppo chiamato Green Wave fa qualcosa di simile, ma viaggia per incontri ufficiali in tutto il pianeta.

La storia di Chavez è simile a quella di Manuel Caceres o “Manolo El Del Bombo”, che segue la squadra spagnola dai Mondiali del 1982.

“Direi che il mio amico Manolo è il mio più vicino rivale. È un buon amico, ci siamo incontrati e stiamo parlando al telefono”, ha detto Chávez.

La Federazione messicana lo conosce bene. Sebbene paghi i suoi viaggi, di solito soggiorna negli hotel dove soggiornano le persone elette.

“Non è che mi considero il fan numero uno, ma le persone ei media mi hanno informato”, ha detto Chávez. “Mi sento un ambasciatore per i tifosi messicani”.