sabato, Luglio 13, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Carlos Casanova (UBP): “La Cina non potrà scambiare il dollaro con lo yuan”

Carlos Casanova conosce l’Asia, e in particolare la Cina, in prima persona: è stato capo economista per l’Asia presso la banca svizzera UBP coprendo l’economia ei mercati della regione per 10 anni da Hong Kong, e prima di stabilirsi in città ha trascorso cinque anni a Pechino. Ha lavorato presso BBVA e Natixis Group prima di entrare in UBP. Ora offre la sua visione per il futuro della Cina, un paese che non pensa raggiungerà gli Stati Uniti nel PIL pro capite. In effetti, si ritiene che non lo intenda nemmeno.

Quali prospettive avete per l’economia cinese?

Siamo in un nuovo periodo in cui l’aspetto politico è più importante di quello economico, e secondo noi abbiamo una previsione da ottobre con una stima del PIL superiore al consenso, che è del 6%. I principali catalizzatori della ripresa economica sono la riapertura post-Covid e la ripresa del settore immobiliare, che sarà un leggero freno nel 2023.

Il contributo netto sarà ancora negativo, ma inferiore a prima. Ha un impatto indiretto significativo sui consumi: il 60% del risparmio delle famiglie è legato agli investimenti immobiliari. In Cina, per sposarsi, ad esempio, bisogna avere una casa.

Qual è il potenziale di crescita in Cina adesso?

circa il 4%. Il modello di crescita legato agli investimenti è già superato, con un tasso di crescita del 10%. Ora siamo in un periodo di transizione economica dagli investimenti ai consumi dove c’è tutta la questione del debito interno che deve essere ristrutturata, e questo ha meno potenzialità rispetto a prima. La cifra di crescita di cui hanno bisogno per raggiungere l’obiettivo principale, che è quello di essere un’economia ad alto reddito prima del 2035, quindi calcoliamo che devono crescere al di sopra del potenziale: tra il 4,5% e il 5,5% nei prossimi 12 anni.

READ  Questo aereo da carico elettrico robotizzato potrebbe cambiare per sempre il trasporto marittimo

La crescita potenziale è diminuita molto negli ultimi anni, giusto?

Sì alla creazione di opportunità di lavoro e al raggiungimento del suo obiettivo politico, che è quello di essere un’economia ad alto reddito. La parte del reclutamento è più complessa, e qui le PMI e il settore privato sono di particolare importanza. L’80% dell’occupazione in Cina è generata nel settore privato.

Questo è uno dei fattori per cui pensiamo che in questi mesi ci sarà una performance migliore nel segmento del reddito variabile, perché hanno bisogno del settore privato. È molto importante che il settore privato contribuisca alla creazione di posti di lavoro.

Alcuni pensano che la riapertura post-Covid della Cina sia inflazionistica, altri la pensano diversamente. cosa ne pensi?

Comprendo l’idea che la Cina stia esportando inflazione, ma penso che da qui alla fine dell’anno ci sarà un aumento del CPI del Paese. Il punto è che la riapertura economica è disomogenea. Quello che abbiamo visto nel primo trimestre è una ripresa del consumo di servizi. C’è un’ampia varietà di vendite al dettaglio. Ad esempio, i servizi di ristorazione sono aumentati del 30%, ma l’acquisto di elettrodomestici è ancora negativo.

Il potenziale avanzamento della Cina negli Stati Uniti come leader mondiale innescato da Ray Dalio, tra gli altri, passa attraverso la valuta. La Cina accelererà il suo attacco al dollaro? Lo farà?

La tesi di Ray Dalio sulla Cina negli ultimi anni è stata relativamente corretta, non dico che accadrà tutto quello che dice, ma è vero che la Cina ha promosso molto la causa dell’internazionalizzazione dello yuan. Anche il trading in yuan farà parte di questa strategia. Ma penso che non ci riusciranno per vari motivi.

READ  Risultati Gana Gato: vincitori e numeri vincenti

Innanzitutto, la differenza è molto grande. L’economia cinese rappresenta circa il 20% del PIL mondiale e, in termini di commercio, la Cina rappresenta il 17% del commercio mondiale, eppure l’uso dello yuan nelle transazioni commerciali internazionali, secondo SWIFT, è solo dell’1,7% e l’uso dello yuan come valuta di riserva è di circa il 3%, mentre il dollaro è del 60%.

Perché possa sostituire i dollari deve passare molto tempo e deve essere una valuta liberamente convertibile e perché ciò accada la Cina deve aprire il suo conto capitale e farlo senza cadere nella trappola della fuga di capitali devono ristrutturare tutto il loro debito interno, e questo è un processo che stanno facendo, ma ci vorranno decenni.

Non puoi modificare il tuo tasso di cambio?

Dovranno ristrutturare tutti i debiti interni e la fuga di capitali sarà così massiccia che ci sarà una crisi finanziaria globale. Per un Partito comunista che vuole stabilità e ha una visione lungimirante, questo non è possibile. Sostituire il dollaro, penso che non accadrà mai. Ma penso che vedremo più accordi bilaterali come quello che è stato chiuso con l’Arabia Saudita o con il Brasile.




Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles