Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Carlos Peña: “Sembra che l’idea di cittadinanza sia stata cancellata dallo spazio pubblico”

Due giorni dopo l’inizio dell’epidemia, quando le strade fumavano ancora, Carlos Peña ha provato una spiegazione di ciò che all’epoca sembrava difficile da spiegare. Ha detto che le proteste rispondono a tre fattori: una nuova generazione che fa affidamento sulla propria personalità come garanzia di legittimità, la lenta espansione delle origini della modernizzazione e aggravata da un crescente senso di disuguaglianza. Seduto nel suo ufficio questa settimana, il presidente dell’UDP ha confermato la sua tesi e ha ricordato l’idea del grande critico inglese del Settecento: “Samuel Johnson diceva che le società non passano di soddisfazione in soddisfazione, ma di desiderio in desiderio. Quando le società si modernizzano, entrano in progresso dialettico e conseguente delusione».

Pensando alla tribolazione: la crisi di ottobre e la questione costituzionaleIl libro, che pubblicò pochi mesi dopo, approfondiva questa idea: negli ultimi trent’anni il Paese ha subito un processo di modernizzazione senza precedenti, creando aspettative non soddisfatte. “È il paradosso del benessere: sappiamo che quando le società migliorano, le aspettative cambiano e le persone sperimentano la loro realtà come frustrate”, afferma.

Aggiungendo a questa questione di merito, aggiunge: “Il Cile ha dato vita a una cultura della meritocrazia, cioè della convinzione che la società è migliore quando alloca risorse e opportunità in linea con gli sforzi delle persone, e non siamo riusciti a essere così. Nel mantenere questa promessa. La società cilena è ancora una società privilegiata dove la culla pesa molto. “

Forse una delle sue affermazioni più controverse è stata la sua caratterizzazione della generazione più giovane come gay. “Non è una generazione che viene travolta dagli ideali, ha interessi molto forti”.

L’istruzione universitaria è raddoppiata ma non ha soddisfatto le aspettative?

Mai prima d’ora nella storia del Cile abbiamo avuto una generazione più istruita. Oggi ci sono circa un milione di persone nell’istruzione superiore, perché questa generazione è frustrata? La letteratura parla di beni posizionali, beni che forniscono lusso a condizione che pochi li possiedano, sono beni la cui funzione di utilità è inversamente proporzionale al numero di coloro che li possiedono. I diplomi universitari sono questi tipi di risorse: forniscono utilità, soddisfazione, status elevato e reddito elevato, a condizione che non siano per tutti. È il paradosso del sovraffollamento. Questo è successo alle nuove generazioni.

READ  Dying Light Platinum Edition è disponibile su Nintendo Switch

Come si risolve?

È un problema che si è verificato in tutti i paesi che hanno sperimentato un’espansione dell’istruzione superiore. Pensa all’indignazione in Spagna. È lo stato della società moderna: società più istruite, con più aspettative e più vulnerabili alla frustrazione. I dati oggettivi sono che tutti vivono una vita migliore, forse più frustrante. Ma questa è la migliore comunità che possiamo avere.

Uno studente dei settori popolari si indebita e soffre…

Non ci indebitiamo più, guardiamo ancora al sistema educativo come se rubasse gli studenti, cosa che non è. Questa è un’università eccezionale e fortunatamente la metà dei nostri studenti non paga.

In ogni caso, ci vuole uno sforzo familiare.

Il costo alternativo dello studio è ancora troppo alto per i settori popolari.

Per quel giovane che poi si ritrova in situazioni sfavorevoli, questa potrebbe non essere la migliore società.

Di più Due anni dal 18-O

Se facciamo l’esercizio di guardare indietro, è chiaro che non abbiamo mai avuto una generazione più istruita con un maggiore accesso alle opportunità, la cui ironia è la frustrazione, che è inevitabile. A meno che non esista il Giardino dell’Eden.

C’è chi parla di uno Stato più solidale, un sistema che probabilmente dipende meno dal merito.

Perché non basato sul merito, lo sforzo personale è ancora prezioso. È vero che la società distribuisce opportunità sulla bussola di fattori che non dipendono dallo sforzo, ma non tolleriamo il contrario, che evidenziando fattori strutturali terminiamo l’idea di responsabilità individuale. Se insegniamo ai giovani che lo sforzo non conta, che il merito è una menzogna e che la culla ha l’ultima parola, finiremo per sopprimere la dignità dell’individuo. io resisto. Naturalmente, non si dovrebbe cadere nella menzogna che Platone chiamava la nobile menzogna. Anche lo sforzo non ha l’ultima parola, ma il modello del merito è comunque prezioso. Ora, il progetto di modernizzazione del Cile richiede miglioramenti, non c’è dubbio. Il fattore chiave è che abbiamo bisogno di una società che sia in grado di condividere i rischi dell’invecchiamento e delle malattie. Quelle che Shakespeare chiamava le frecce del destino, che ci raggiungeranno tutti, devono essere condivise, abbiamo bisogno di una struttura più solidale, ma in altri ambiti della vita l’individualità deve essere incoraggiata. Controlla i graffiti per le strade, non è vero che i giovani vogliono vivere su una scogliera dove si muovono tutti come pesci in divisa. I giovani vogliono gradi di autonomia.

“Purtroppo, la convenzione è caduta in gran parte nella trappola della politica dell’identità, quelli che sono lì piuttosto che sentirsi cittadini, tutti i passeggeri della stessa barca che remano dalla stessa parte, sembrano tutti rivendicare un’identità che li distingue”, dice Pena.

Ha detto che la nuova costituzione potrebbe avere un effetto curativo. Il lavoro della convention è diretto lì?

Il processo costituzionale è il modo in cui dobbiamo guardare in modo riflessivo al tipo di società che abbiamo costruito, prendere una distanza riflessiva da chi siamo e vedere come progettiamo istituzioni all’altezza delle aspettative. Infine, quella che stiamo attraversando è una crisi e dobbiamo avvicinare l’esperienza alle aspettative. Per questo, il processo costituzionale è essenziale. Improvvisamente il risultato è meno importante del processo, perché è un processo che ci aiuta a guardare noi stessi con più attenzione. Purtroppo la convenzione è caduta nella trappola di certe politiche identitarie, quelli che sono lì invece di sentirsi cittadini, tutti passeggeri della stessa barca che remano dalla stessa sponda, tutti sembrano rivendicare un’identità che si distingue con loro. Il convegno parla di persone LGBT, mapuche, aymara, animali e ciclisti, ma sembra che la società in quanto tale non esista più. L’idea di cittadinanza, uno stato comune che condividiamo, sembra essere stata spostata dallo spazio pubblico cileno, e sembra essere stata enfatizzata con la Convenzione. E niente è più lontano dalla politica della sinistra: la politica di sinistra è universale, si rivolge a tutti e coincide con il liberalismo. Ma oggi viviamo in una politica sulla privacy.

Ha sostenuto che l’accordo dovrebbe rispondere alla domanda se potremmo vivere insieme. Come immagini questa risposta?

Penso che l’autocomprensione della società cilena sia cambiata. Tra il XIX e il XX secolo, una caratteristica della società cilena è stata quella di potersi concepire come nazione, comunità di ricordi con le sue radici nel passato stesso. Questa comprensione è entrata in crisi, non ci intendiamo più allo stesso modo, e la società è intesa come identità e origini diverse. È salutare notarlo. Quando una comunità non ha radici comuni, significa che la nostra unica possibilità di costruirci come comunità collaborativa è creare un progetto comunitario che ci entusiasmi tutti: il futuro comune, come immaginare un futuro comune. Renan diceva che una nazione non è una comunità con un passato, ma un futuro comune. Questo è il grande compito in sospeso che non siamo stati in grado di risolvere.

Un progetto per un futuro comune, lo avete sentito nel dibattito presidenziale?

Francamente, abbiamo un’elezione presidenziale con alternative modeste. Neppure la sinistra è riuscita a sviluppare un progetto attraente in grado di affrontare i mali di una società modernizzata, con gruppi di mezzo, emergenti e più indipendenti. Piuttosto abbiamo una sinistra divisa, un centrosinistra che si maschera da se stesso governando il paese e si vergogna, e un altro che immagina un mondo senza capitalismo, ma non può dire come sarebbe quel mondo. E una destra si muove tra Caste, una destra conservatrice e autoritaria che crede ancora nelle soluzioni facili, e un Seychelles, un candidato che si sposta a destra come parente in casa di qualcun altro, qualcuno che sa di non essere di lì… e il la destra sa che non gli appartiene, eppure è il suo candidato. Personaggio molto debole, è un uomo con le virtù di essere un politico, ma ha commesso l’errore di fare della sua storia personale il suo merito principale in politica.

La Convenzione è un’immagine fedele della società?

No, mi sembra che ci sia un gran numero di persone in Cile. Secondo il rapporto Desiguales, il 60% dei gruppi medi, se proviamo a discernere quelli della maggioranza

È una classe media molto fragile…

Sono gruppi con un passato proletario, ma che vedono il loro percorso di vita come il risultato dei loro sforzi, gruppi che hanno integrato l’istruzione superiore nell’orizzonte della vita familiare, hanno accesso alle pratiche di consumo, e il consumo è una delle pratiche più liberatrici, era. l’esperienza delle minoranze; Questi gruppi intermedi hanno avuto accesso all’auto e alla loro casa, e non vedono la loro traiettoria di vita come vittime, come persone trattate male, abusate dall’élite abusiva. Vedono la loro vita come il frutto dei loro sforzi e temo che questo folto gruppo di cileni non sarà rappresentato in politica o al Congresso.