Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“C’è una forte ingerenza della Russia a favore della destra in Italia”

In un’intervista, Progressista Enrico Letta (Pisa, 1966), professore universitario, statista e politologo di formazione democristiana, ha la voce pacata e leggermente tesa, come se le sue giornate non fossero stanche o preoccupate. Come ogni cittadino italiano sa, questo è completamente falso. Ex Presidente del Consiglio dei Ministri (2013-2014) ed ex Preside della Scuola di Affari Internazionali di Sciences Po a Parigi, Letta partito Democratico (PD) Italiano. E il tempismo è particolarmente importante. Nonostante il suo partito sia cresciuto nei sondaggi, Letta affronta una campagna elettorale senza una coalizione, dandogli maggiori speranze di vincere le prossime elezioni e respingere l’estrema destra. Georgia MeloneyLeader dei Fratelli d’Italia e Matteo Salvini, quello della Corporazione. Avrebbe senso in Europa con il terremoto.

I sondaggi dicono che ha già perso.

I sondaggi suggeriscono che il 45% degli elettori è indeciso e non sa per cosa votare. Per questo motivo, ci concentreremo sul lavoro con indecisi e non votanti, parlando con loro e rendendoli consapevoli dei rischi che corriamo con la proprietà.

Di quali minacce parli?

Ora gli italiani hanno due alternative: la nostra, (che è garantita) restare nel cuore dell’Europa con Francia, Germania e Spagna, e Meloni e Salvini, che amano l’Italia con Polonia e Ungheria, i paesi guidati dal governo oggi. Una serie di questioni relative alle libertà fondamentali sono state sanzionate dall’Unione Europea.

E l’economia?

Bene, stiamo parlando di forze politiche che non supportano i fondi di salvataggio o l’azione contro la crisi climatica. Georgia Meloni ha già detto di voler rinegoziare il recovery fund europeo (dal Covid-19) e penso che questo sia un grosso errore. Quello che dobbiamo fare è attuare quel piano il prima possibile.

READ  Milano dedica una statua a Margherita Hague, la prima scienziata in Italia

Cosa c’entra Vladimir Putin con l’Italia?

La Russia è entrata in questa campagna elettorale. C’è una forte interferenza della Russia a favore della destra, perché Salvini e Berlusconi sono due amici e (il governo russo) sa che la nostra posizione continuerà con la posizione anti-Putin che il governo italiano ha preso finora. (dalla Russia). Ciò si è riflesso di recente anche nelle parole di Dmitry Medvedev (l’ex primo ministro russo, in un messaggio su Telegram, ha chiesto agli europei di “punire i loro stupidi governi alle elezioni”).

Meloni è fascista?

Rispetto quello che ha detto, ovvero che non è fascista. Siamo antifascisti.

Il peccato originale del PD sembra essere che la destra non è riuscita a formare una coalizione forte.

Alcune persone non vogliono stare con noi e ora accetteranno la responsabilità di volere una vita separata. Hai fatto un errore. Per questo, io ed io siamo stati pesantemente criticati, (la coalizione di centrosinistra) abbiamo cercato di accettare di restare. Il tempo era adesso. Detto questo, è chiaro che dopo le elezioni preferirei parlare con persone a noi vicine piuttosto che con Meloni o Salvini.

Ti stanno chiamando altri leader europei?

C’è grande preoccupazione in Europa che l’Italia (del primo ministro ungherese Viktor) si muova verso il modello di Orbán.

Quali sono le sfide del tuo progetto?

Per cominciare, abbiamo proposto un tetto massimo ai prezzi dell’energia in Italia. La Spagna l’ha fatto mesi fa. La seconda grande questione è la lotta alla crisi climatica, si dovrebbe utilizzare una riduzione del 55% (emissioni), le rinnovabili e abbandonare le energie fossili. Un terzo grande tema: in contrasto con la logica patriarcale e la discriminazione generale dei diritti nel campo dei diritti, vogliamo una società di persone libere. E quarto, uno dei nostri progetti più importanti è un piano per tagliare drasticamente le tasse sul lavoro. Vogliamo aiutare i lavoratori e le lavoratrici.

READ  L'Italia ha inventato il suo Montalbano femminile? - Libertà digitale

Il PD ha perso terreno nelle aree più povere e meno urbane.

La parola chiave è ‘vicinanza’. Per questo abbiamo proposto un programma per incrementare e migliorare i servizi nelle zone rurali e periferiche, vogliamo rilanciare l’immagine del medico di famiglia, e abbiamo dedicato tutta una serie di programmi ai giovani, ad esempio, con stage gratuiti, e incoraggiarli ad entrare nel mercato del lavoro e ad avere la propria casa.

La lasciò e tornò alla politica italiana. Se ne pente?

Assolutamente no. Voglio un’Italia moderna che non vada indietro. Mi sento molto fiducioso.

Se perde, sarà il leader del partito?

Vinciamo…

Notizie correlate

È molto fiducioso.

Guarda, se guardiamo indietro alle elezioni passate in Italia, vedrai che di solito c’è molta volatilità e i risultati cambiano di diversi punti la settimana prima (il voto).