giovedì, Giugno 20, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Celebreranno il 75° anniversario della fondazione dell’Organizzazione Iberoamericana degli Stati Iberoamericani per l’Educazione, la Scienza e la Cultura

immagine_pdfimmagine_stampa

Il 26 ottobre, l’Organizzazione Educativa, Scientifica e Culturale degli Stati Iberoamericani (OEI) celebrerà il suo 75° anniversario con la soddisfazione di affermarsi come ente leader nella cooperazione tra le nazioni iberoamericane di lingua spagnola e portoghese. Paesi.

Per celebrare questo anniversario, martedì 21 maggio, l’OEI ha lanciato una nuova immagine commemorativa e sta preparando questa celebrazione, che si svolgerà in tutta la regione nell’ambito della campagna digitale #OEI75Anniversary.

Un comunicato stampa pubblicato sul sito ufficiale dell’OEI sottolinea che Mariano Gabonero Blanco, segretario generale dell’organizzazione, ha commentato che questo anniversario è unico e speciale, perché rafforza l’iniziativa dell’OEI “come bene pubblico regionale per tutti gli iberoamericani”. . Non è un caso che 23 Stati membri facciano attualmente parte dell’Organizzazione internazionale per la valutazione.

Il dispaccio evidenzia inoltre che i risultati della cooperazione sono evidenti nella presenza di oltre 650 progetti in corso e più di 400 accordi di cooperazione attivi, insieme ad enti pubblici, banche multilaterali, università, organizzazioni della società civile, imprese e altre organizzazioni internazionali.

L’organizzazione ha contribuito alla riduzione radicale dell’analfabetismo in America Latina, con un numero medio di beneficiari diretti di oltre 12 milioni di persone negli ultimi cinque anni.

L’OEI nasce nel 1949 come Ufficio Iberoamericano per l’Educazione con l’obiettivo di creare uno strumento di cooperazione multilaterale nella regione. Attualmente è l’organizzazione iberoamericana con la maggiore presenza regionale con 19 uffici nazionali in tutta la regione e sede a Madrid (Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Cuba, Ecuador, El Salvador, Spagna e Guatemala) . Honduras, Messico, Nicaragua, Panama, Paraguay, Perù, Portogallo, Repubblica Dominicana e Uruguay). Il rapporto evidenzia che l’ufficio più recente, l’ufficio di Cuba, è stato aperto nel 2022.

READ  I dipendenti libanesi prolungano lo sciopero di fronte al crollo

Dal 2016, in qualità di Rappresentante Regionale per l’America Latina e i Caraibi, l’OEI fa parte del Comitato direttivo globale per gli Obiettivi di sviluppo sostenibile 4 – Educazione 2030 dell’UNESCO e nel 2023 è stato riconosciuto come organismo di monitoraggio delle Nazioni Unite.

Il programma delle attività per il 75° anniversario dell’OEI comprenderà celebrazioni aziendali ed eventi culturali in tutta la regione.

Doppia cooperazione

Il contributo dell’OEI al settore educativo include la fornitura di oltre 400.000 risorse educative, la formazione di quasi 40.000 insegnanti e il servizio a più di 450.000 studenti in media all’anno dal 2019.
Allo stesso modo, alla luce delle terribili conseguenze causate dalla pandemia, l’organizzazione ha scelto di progettare strategie volte a proteggere l’istruzione dei gruppi vulnerabili come la prima infanzia, migliorare la qualità dell’istruzione, rafforzare la governance, sviluppare gli insegnanti e creare un sistema più innovativo e inclusivo. ambiente. Educazione nell’aula iberoamericana.

Il 26 giugno 2023, l’OEI ha effettuato una donazione di materiale scolastico alla scuola elementare Pepito Tey nella provincia di Pinar del Río, colpita dall’uragano Ian.

Nel campo della scienza, ha attuato una strategia per promuovere uno spazio di ricerca comune per le università della regione attraverso il programma “Universidad Iberoamérica 2030” e selezionato pubblicazioni annuali rilevanti come “Stato della scienza”. Ha inoltre rafforzato la pubblicazione scientifica come forza trainante per incoraggiare la difesa di questo argomento, soprattutto tra le ragazze e i giovani.

Anche nel settore culturale, l’OEI arriva ai primi tre quarti del suo secolo con un cammino unitario nella promozione di una cultura iberoamericana coesa nella sua diversità, come testimonia la Carta Culturale Iberoamericana, e con un’attenzione alle sfide rappresentate dalla digitalizzazione delle industrie culturali e creative, con particolare attenzione alla tutela dei diritti di proprietà intellettuale dei creatori iberoamericani attraverso una sedia creata a tale scopo.

READ  Quindi puoi controllare i risultati della lotteria dei visti statunitensi 2024 e questo è ciò che dovresti fare se vinci | internazionale | Notizia

(con Informazioni pubblicate sul sito ufficiale dell’OEI)

Informazioni correlate

Inizi stimolanti: il primo anno dell’ufficio EIE a Cuba in retrospettiva

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles