Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ceneri della guerra in Ucraina | அஸ்தி | Italia | Il mondo

I vigneti si estendono a perdita d’occhio nella Tenuta Gaudrina, situata sui Monti Longhey in Piemonte, in Italia, luogo di nascita dello spumante, e le sue esportazioni sono diminuite. .

“L’impatto è forte” E Katrina ha dovuto smettere di vendere, non solo finanziariamente Dopo l’invasione russa di fine febbraio, Marco Togliotti, figlio del titolare di un’azienda agricola situata a Castileon Dinella, a sud di Torino, acconsentì.

“Dal 2017 esportiamo 4.000 bottiglie all’anno in Ucraina, di cui l’80% sono midollo osseo, buoni rendimenti. Sfortunatamente, quel mercato, che ha avuto un boom nel 2021, ora è completamente perso.Spiegare.

Due viaggi di questo spumante, il più esportato ItaliaErano pronti a partire per l’Ucraina quando improvvisamente è scoppiata la guerra.

“Il giorno dell’invasione, i nostri importatori erano tranquilli. Non pensavano nemmeno a una tale catastrofe. Ma il giorno dopo sono fuggiti.Contato.

Sorridente, barba in crescita, enologo, 39 anni, adulto “Pazzo” Per il suo lavoro, è costantemente alla ricerca di nuove opportunità in tutto il mondo Giappone Fino a Australia e Nigeria.

L’azienda di famiglia, fondata dal nonno negli anni ’40, esporta circa il 40% del vino, cresce su 25 ettari e produce anche moscato bianco e barbecue, oltre a uve rosse.

14 milioni di bottiglie

L’Italia è un importante fornitore di vino per Russia e Ucraina, lontano dalla Francia.

Più di un quarto delle esportazioni Spumante AstigianoLa produzione è aumentata del 12% nel 2021, cosa che è stata imposta ad entrambi i paesi, dove ne apprezzano il gusto dolce e l’ottima bollicina.

“Speriamo che la guerra finisca presto. Dal punto di vista economico, non si può negare che i mercati di Russia, Ucraina e Bielorussia rappresentano 14 milioni di bottiglie all’anno.Ha insistito Flavio Scagliola, vicepresidente della federazione Asti DOCG.

READ  Gli indici dell'Italia chiudono al rialzo; Investing.com Italia 40 0,96% da Investing.com

Anche se Asti Spumande compare nell’elenco dei prodotti di lusso Unione Europea (UE) L’esportazione in è vietata Russia A metà marzo, come accade per lo champagne, questa mossa può essere evitata in quanto il suo valore non supera i 300 euro (US $ 329) stabiliti dalle autorità.

“Pochissimi vini italiani rientrano in questa categoria, con poche eccezioni, tra cui il Brunello di Montalcino toscano o il Parole piemontesi disponibili a prezzi molto bassi”.Denise Pontini promette Osservatorio NomismaResponsabile per i dati dell’Assessorato alle Agrarie Alimentari e del Vino.

Ad Asti Spumande, “Il problema più grande non è impedire le esportazioni, ma escludere i pagamenti alla Russia dalla rete di messaggistica di Swift Banking, così come la caduta del rublo e le difficoltà nei trasporti”.Lui ha spiegato.

Alcuni esportatori di vino italiani varcano la barriera e passano per la Bielorussia o la Lettonia e alcune banche russe che non sono escluse dall’organizzazione. VeloceSecondo fonti del settore.

Ragazzi Parolo

L’invasione russa dell’Ucraina ha aggravato la carenza di materie prime e aumentato ulteriormente il prezzo dell’uva per la mancanza di cartone, vetro e alluminio, di cui la Russia è il terzo produttore mondiale e viene utilizzata per produrre capsule.

“La settimana scorsa avremmo interrotto le nostre vendite perché non avevamo una scheda per la confezione. Il nostro fornitore è stato in grado di ottenere qualcosa da noi all’ultimo minuto ”Accreditato Giovanni Correzia, 29 anni, Presidente di Vini Biologici CanaleNella zona di Roro, vicino a Longhawk.

Suo padre, Matteo Correzia, era una delle celebrità “Ragazzi del Barolo”Gli anni ’80 e ’90 hanno rivoluzionato il mondo del vino e lo hanno fatto conoscere in tutto il mondo. stati Uniti.

READ  Italia: leader di estrema destra chiede mandato per formare il governo | notizia

L’esperienza della sua piccola azienda, fondata nel 1985, è stata amara con la Russia: dopo molti anni di collaborazione, l’importatore russo ha dovuto chiudere nel 2018 per accuse di riciclaggio di denaro, lasciando con loro ingenti debiti.