Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Centinaia di nostalgici dittatori Mussolini celebrano il centenario del fascismo in Italia

Roma Centinaia di ammiratori del dittatore Benito Mussolini hanno marciato domenica nella sua città natale di Predappio per celebrare i 100 anni della “Marcia su Roma”, segnando l’ascesa al potere dei fascisti in Italia.

Secondo le stime ufficiali, circa 2.000 persone si sono radunate in questo piccolo paese dell’Emilia-Romagna, nel nord Italia, dove è sepolto anche il dittatore. La tomba di Mussolini è diventata un luogo di pellegrinaggio ed è visitata da decine di migliaia di visitatori ogni anno.

Domenica, alcuni dei suoi sostenitori hanno espresso sostegno a un nuovo governo guidato dalla leader di estrema destra Giorgia Meloni, che ha contribuito a formare il partito Fratelli d’Italia 10 anni fa. Il gruppo politico ha radici neofasciste.

Tuttavia, durante il suo primo discorso in parlamento questa settimana, il nuovo presidente del Consiglio ha affermato di non aver mai provato “alcuna simpatia o affinità (…) per i regimi antidemocratici, compreso il fascismo”.

“Se Lucifero avesse sconfitto la sinistra in Italia avrei votato per lui. Quindi sono felice che abbiamo un governo Meloni”, ha affermato l’organizzatore della manifestazione Mirko Santarelli dall’agenzia di stampa italiana. Anatra.

Insieme a striscioni e una grande bandiera italiana, molti dei partecipanti erano vestiti con camicie nere e nere, in omaggio ai combattenti del movimento fascista e poi del regime di Mussolini. Alcuni hanno alzato il braccio destro per eseguire il saluto fascista, nonostante gli organizzatori chiedessero loro di non farlo.

READ  Italia: M5S Draghi mette in guardia contro ulteriori spese militari | L'Europa fino ad oggi | DW

“Dopo 100 anni, se siamo ancora qui, non smetteremo di rendere omaggio e di ammirare chi ha voluto questo governo”, ha detto Orsola Mussolini, pronipote del dittatore, che ha marciato con lui. Sorella Vittoria.

Il 28 ottobre 1922, la “Marcia su Roma” segnò l’ascesa al potere di Benito Mussolini, che instaurò un regime nazionalista e autoritario. Fu fucilato dai partigiani nelle ultime ore di guerra nell’aprile del 1945, e il suo corpo fu poi impiccato e mutilato da una folla in piazza Milano.

Sebbene la legge italiana vieti il ​​perdono del fascismo, è usata raramente.

In Italia, molti sostengono che Mussolini abbia fornito al Paese infrastrutture (ferrovie, autostrade, ecc.) o istituito programmi di assistenza sociale.