Maggio 21, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

C’era vita all’inizio della luna?

La vita sulla Terra iniziò quando il pianeta era ancora alquanto instabile. Può iniziare al chiuso 100 milioni di anni fa dalla formazione della terra 4,5 miliardi di anni o più tardi 3,5 miliardi di anni fa, A seconda di chi stai parlando. Ad ogni modo, le cose erano più estreme e meno stabili all’epoca. Questo valeva anche per Venere, Marte e la Luna.

Dirk Schulz McCutch

Tanto che l’universo sembra essere in armonia con la vita. in misura drammatica È almeno ragionevole credere che sarebbe potuto sopravvivere sulla Luna o su Marte, per esempio, fino a quando le condizioni non fossero diventate esorbitanti. sì panspermia È un presupposto valido (che la vita si sia sparpagliata per la galassia e abbia messo radici in luoghi diversi), quindi non ci sarebbe nulla di insolito in essa.

astronomo Dirk Schulz McCutch E il mondo dei pianeti Ian Crawford lei ha Ho guardato le possibilità:

Ci sono due possibili periodi di abitazione sulla Luna. Il primo è stato molto precoce, poco dopo la formazione della Terra e della Luna, in un momento in cui la Terra e la Luna primordiali potrebbero essere meglio descritte come un doppio sistema planetario. È possibile che il sistema Terra-Luna sia circondato da un’atmosfera comune. Il problema è che l’origine della vita è apparsa molto più tardi (per quanto ne sappiamo), circa 4,1 miliardi di anni fa. Tuttavia, poiché lo studio di Greene ha mostrato che il picco dell’attività magnetica lunare associato all’attività vulcanica era di circa 4 miliardi di anni fa, questo potrebbe ancora durare per tutta la vita sulla Luna primordiale.

Un altro picco di attività vulcanica, che si ritiene abbia fornito un’atmosfera di circa 10 millibar, è stato registrato circa 3,5 miliardi di anni fa, secondo gli scienziati della NASA Debra Needham e David Kring. A quel tempo, la vita sorse sulla Terra e si diffuse sul nostro pianeta e, secondo Green, la Luna aveva ancora un campo magnetico. Se esistono condizioni abitabili sulla Luna, ci si aspetta che la vita sulla Terra si diffonda sulla Luna attraverso l’impatto di un asteroide espellendo rocce dalla Terra che in seguito sono atterrate sulla Luna. E se la Luna non è abitabile, è possibile che i resti della prima vita sulla Terra siano ancora conservati sulla Luna nei crateri di ghiaccio. La Luna è molto speciale sotto questo aspetto perché è l’unico deposito in cui possiamo ancora trovare prove del primo sviluppo della vita sulla Terra.

Dirk Schulz McCutch«La vita nella prima luna? Rivalutazione della famigerata ipotesi” Su Alla ricerca della vita nell’universo (3 marzo 2022) carta È ad accesso libero.

Ian Crawford

Questo è un estratto da carta:

La nostra luna oggi è inabitabile e senza vita. Non ha atmosfera significativa, acqua liquida sulla sua superficie, nessuna magnetosfera per proteggere la sua superficie dal vento solare e dalle radiazioni cosmiche, nessuna chimica dei polimeri ed è soggetta a grandi variazioni giornaliere di temperatura (es. Vaniman et al., 1991; Schulze -Machuch e Irwin, 2008). Quindi, associare la nostra luna all’abitabilità sembra scandaloso, sicuramente sarebbe successo solo un decennio fa. Tuttavia, i risultati delle recenti missioni spaziali, così come le analisi sensibili del suolo lunare e dei campioni di roccia, hanno indicato che la Luna non è così secca come si pensava (ad esempio, Anand, 2010; Hauri et al., 2017). Oltre al potenziale di ghiaccio d’acqua nei crateri polari permanentemente ombreggiati (es. Feldman et al., 1998; Baker et al., 2005; Lawrence, 2017), studi spettroscopici indicano anche la presenza di materiale superficiale umido nella parte superiore, ma vedi Latitudine permanentemente bassa (Clark, 2009; Pieters et al., 2009; Li e Millliken, 2017), con evidenza di differenze temporali nel corso del giorno lunare (Sunshine et al., 2009). Inoltre, studi recenti sui prodotti vulcanici lunari indicano che anche l’interno della Luna contiene più acqua di quanto stimato in precedenza e che il mantello lunare potrebbe essere ricco d’acqua quanto il mantello superiore della Terra (vedi Hauri et al., 2017, per una rassegna ). ). .

La presenza di sorgenti d’acqua originali indica che la luna potrebbe non essere sempre stata morta e secca come lo è oggi. Nella misura in cui l’acqua è necessaria per vivere sulla superficie lunare (es. Kasting et al., 1993; sebbene non sia l’unico criterio, vedi Schulze-Makuch et al., 2011), possiamo identificare due potenziali finestre per la durata di conservazione lunare . Questi potrebbero essersi verificati immediatamente dopo l’accrescimento della Luna e poche centinaia di milioni di anni dopo il degassamento associato all’attività vulcanica lunare.

Dirk Schulze-Makuch e Ian A. Crawford, Biologia acquatica, agosto 2018.985-988. http://doi.org/10.1089/ast.2018.1844

Non lo sapremo davvero a meno che non troviamo fossili di minuscole creature sulla Luna. Quindi dobbiamo assicurarci che non lo siano “falsi fossili” Perché a volte è difficile dire se una formazione insolita sia in realtà un microfossile o un evento naturale inanimato. Ma sarà sicuramente una caccia interessante.

READ  Gli spericolati fratelli Jiang battono il record del mondo in Spagna


Potrebbe interessarti anche leggere:

Articoli scientifici recenti Sostieni gli edifici di fantascienza Non ci sono confini cristallini. Sia i risultati scientifici che la fantascienza richiedono immaginazione. Naturalmente, la scienza può occuparsi solo della realtà, ma molti dei fatti che gli scienziati scoprono possono supportare i pionieri della fantascienza. Ecco cinque esempi.